marcogiailevra

Libero ricercatore indipendente su salute, longevità, ehretismo, crudismo, fruttarianismo, sungazing, nutrimento pranico.

Archivi Categorie: Longevità

RIGENERAZIONE DEGLI ORGANI: LE TECNICHE MENTALI DI PETROV E GRABOVOI

A cura di Marco Giai-Levra

GRABOVOI, PETROV E AREPJEV: IMITANDO LE IMPRESE MIRACOLOSE DI GESU’ CRISTO E GLI AVATAR DEI VEDA Tre ricercatori russi sono inciampato sui segreti della rigenerazione degli organi e l’eterna giovinezza secondo le loro affermazioni e testimonianze. In qualche modo abbiamo tutti sentito parlare di un cieco che riacquista la vista, uno stoprio che comincia a camminare, e di un morto che viene riportato in vita da Cristo. Quando, 3000 anni prima, Krishna aveva toccato Kubja, una donna gobba e dalla schiena deforme, la schiena si raddrizzò e divenne anche più giovane.

Nei Veda (le antiche scritture sacre indiane), le Upanishad e i Purana sono pieni il miracoli operato dai 2 Ashwini Kumars (gemelli divini figlie di Surya, la principale  divinità solare), i vaidyas (guaritori) dei semidei, che restaurarono organi persi, così come ringiovanirono molte persone in quei tempi. Mentre la tendenza generale è quella di respingere queste cronache come miti, un trio di ricercatori-guaritori russi stanno operando nel mondo, replicando queste stesse imprese: Grigori Grabovoi, il Arcady Petrov e Igor Arepjev.

COSA E’ LA RIGENERAZIONE DELLE CELLULE? I guaritori energetici che operano per esempio con il Reiki hanno potuto osservare la genetica di un organo malato che è sempre alterata rispetto a quella di uno stato energetico positivo, e che trasmettendo determinate frequenze di energia con una forte intenzione si opttiene un miglioramento. Ma la rigenerazione delle cellule è un’altra cosa.

Organi interi, che sono stati rimossi chirurgicamente, possono essere rigenerati e resi pienamente funzionanti. Le donne possono rigenerare i loro uteri e avere ancora bambini, ad esempio. Questa è la nuova tecnologia che ci propongono questi ricercatori russi e l’aspetto più interessante di questa metodologia è che tutti possono raggiungere risultati positivi. Non solo gli organi interni, ma denti, capelli e altre cellule in tutto il corpo possono essere rigenerate. Le cellule hanno una coscienza, che può essere influenzata positivamente o negativamente dal pensiero umano.

Il pensiero, quando combinato con una forte intenzione e con le tecniche specifiche, in grado di dirigere un’energia potente capace di modificare i programmi e le informazioni nelle cellule, e di ottenere risultati positivi. Secondo Arcady Petrov, uno ricercatore russo leader nel settore della rigenerazione cellulare, quando una cellula riceve informazioni corrette, la sua durata può estendersi a più di 1000 anni. Le implicazioni di questa scoperta sono enormi ed emozionanti per garantire una longevità, sostenuta dal benessere e godere di una buona qualità della vita a qualunque età. Molti che hanno utilizzato queste tecniche stanno vivendo la rigenerazione delle cellule, un aumento dei livelli di energia, di vitalità e liberi da infezioni virali e batteriche. Una donna, che ha assistito a un corso di rigenerazione delle cellule nel luglio 2012 in Australia presso la guaritrice energetica Hazel Wardha, ha sperimentato la rigenerazione di un dente perso in poche settimane! La combinazione di energia sottile, la concentrazione, l’intenzione, la visione interiore e le tecniche specifiche influenzano positivamente la coscienza di una persona e le sue cellule convertono le nuove conoscenze in rigenerazione delle cellule.

ARCADIJ PETROV, GRIGORI GRABOVOI E IGOR AREPJEV Arcady Petrov e Grigori Grabovoi sono ricercatori russi con i gradi di dottorato. La fusione di scienza e spiritualità è finalmente avvenuta per opera di questi due ricercatori. Igor Arepjev è l’allievo di Petrov (allievo a sua volta di Grabovoi). Anche lui è un ex poliziotto, è un veggente dotato e guaritore. Essi sono dotati di queste capacità nell’arte della guarigione naturale, senza l’uso di pillole, pozioni o iniezioni. Essi possono, con l’aiuto della loro Coscienza, dirigere l’energia informativa con lo scopo di ripristinare l’organismo umano e liberarlo dalla malattia.

Arcady Petrov e il dottor Grigori Grabovoi sono conosciuti con questa tecnologia informativa per la rigenerazione degli organi. Tutti e tre hanno sviluppato la chiaroveggenza a tal punto da poter osservare i processi interni che avvengono nelle cellule e restituire un record obiettivo di ciò che sta accadendo al suo interno. E’ qualcosa che anche gli strumenti medici avanzati non sono ancora in grado di fare. Così, essi possonoi affrontare e correggere la causa della malattia nel corpo. Loro mirano a insegnare a tutti come raggiungere tale risultato su se stessi. Tutti e tre e i loro studenti, che hanno sviluppato questa chiaroveggenza, controllato e descrivono con precisione gli stessi processi cellulari che avvengono durante la diagnosi. Il dottor Petrov e il dottor Grabovoi sono i cofondatori di questa nuova conoscenza rivelata a loro in Russia, a livello medianico.

Grabovoi è stato impiegato dal governo russo per lo screening-chiaroveggenza dell’aereo dell’ex presidente Breznev per rilevare qualsiasi guasto o sabotaggio. Gli davano il numero di serie di un aereo, e a distanza Grabovoi era in grado di rilevare se esistesse qualche problema a bordo dell’aeromobile. Più tardi, gli ingegneri avrebbero confermato l’esattezza delle sue scoperte. Con questi successi nel scongiurare le diverse condizioni di pericolo, è diventato molto popolare in Russia. Grabovoi è specializzato nella struttura della Coscienza e sul pilotaggio della realtà. Queste attività in Russia gli sono costate anche degli anni di prigione, in conseguenza a accuse di frode da parte delle autorità ufficiali.

Arcady Petrov era il capo di Khudlit, la casa editrice del governo russo. Dopo aver risolto attraverso questa nuova tecnica, i suoi vari disturbi di salute, tra cui una insufficienza renale totale, ha stabilito il suo fondamento e il centro in Mosca. Migliaia di persone sono guarite dai loro disturbi al suo centro di ricerca.Petrov è specializzato nella struttura dell’anima, che è la più alta forma di sviluppo.

Anche Igor Arejpjev gestisce un centro per la guarigione in Russia, ed è un guaritore estremamente dotato e veggente. Si è specializzato nella struttura dello spirito. I tre uomini sono altamente considerati dagli operatori olistici in Russia e all’estero, e hanno scritto una serie di libri.

Petrov ha pubblicato in russo la sua Trilogia sulla Creazione dell’Universo, e il primo libro è tradotto in italiano con il titolo “Salva te  stesso”, che si occupa della gestione del cancro, problemi alla colonna vertebrale, l’abuso di droghe e la rigenerazione di denti. Molte persone hanno riferito che solo leggendo i libri o possedendoli, si è verificato un recupero spontaneo. La Luce che entra nel nostro pianeta attualmente è molto potente e ha codificato i filamenti come il DNA. Questa Luce è la matrice informativa a cui si può accedere attraverso questa nuova tecnologia russa.

COME E QUANDO AVVENNE LA RIGENERAZIONE DEGLI ORGANI IN ARCADIJ PETROV STESSO Nella sua trilogia, la Creazione dell’Universo, il dottor Petrov dà conto di come ha vissuto la rigenerazione di organi. Aveva 50 anni e giaceva in un letto d’ospedale con un’insufficienza renale totale nel 1995. I medici stavano discutendo sulla sua condizione. Una notte, il Petrov ha iniziato ad avere una visione della vita di Cristo. Era uno scienziato e un ateo, ed era stupito che entro tre giorni da questa esperienza, il colore giallo aveva abbandonato il suo corpo ei suoi reni si erano spontaneamente rigenerati. E ‘stato dimesso dall’ospedale. Ha iniziato allora le sue esplorazioni e le ricerche in questo settore della rigenerazione cellulare e della rigenerazione degli organi, e cominciò ottenere rivelazioni dal Creatore stesso! Ha trovato questo un’esperienza totalmente diversa dal mondo scientifico in cui era immerso prima.

Come ha iniziato ad applicare i protocolli di trattamento, dati a lui direttamente dal Creatore, i risultati positivi sono stati convalidati attraverso i sistemi di diagnostica medica come l’ecografia o la risonanza magnetica. Ha incontrato il dottor Grigori Grabovoi intorno 1996-1997. Entrambi si resero conto che stavano interagendo con il Creatore e ricevevano direttamente le informazioni. Il dottor Petrov e il suo allievo, Igor Arepjev, viaggiavano regolarmente attraverso il mondo interiore con il dottor Grabovoi. Il loro dono della visione interiore è molto accurato. Loro e i loro studenti possono osservare il funzionamento delle cellule e degli organi a un livello non raggiunto dai sistemi di diagnostica medica finora. Ad esempio, molti anni fa, questi ricercatori potevano osservare, attraverso la loro “vista chiara”, quattro strisce indicative sui cromosomi di cancro che è stato confermato da sofisticati dispositivi medici solo di recente.

COME SI FA’? QUALE E’ IL METODO? Il lavoro è svolto principalmente mediante l’applicazione di tecniche specifiche attraverso l’uso della propria Coscienza. Utilizzando protocolli specifici per la rigenerazione, che sono messi in pratica con l’intenzione decisa e la profonda concentrazione, i risultati desiderati sono raggiunti. Il processo può essere realizzato con sorprendente rapidità. Petrov descrive nella sua trilogia, la Creazione dell’Universo, che egli è stato in grado di rigenerare la sua cistifellea, che era stata chirurgicamente rimossa molti anni prima, nel giro di due sole settimane. L’intero processo è stato monitorato da un radiologo con l’utilizzo degli ultrasuoni, durante tre sessioni. Petrov afferma, nel terzo volume del suo libro, che lui e il suo allievo Igor, possono rigenerare un organo entro un minuto e validare la rigenerazione attraverso l’utilizzo della diagnostica ad ultrasuoni. Tutti possono imparare a fare questo con le tecniche adeguate.

QUESTO HA QUALCHE BASE SCEINTIFICA? Ecco che inizia un lungo cammino, che continua ancora oggi, durante il quale prima decine, poi centinaia, poi migliaia di persone hanno varcato la soglia del suo Centro per risolvere problemi di salute e ne hanno tratto profondi e duraturi benefici. Saggiamente Petrov, da accademico e uomo del sistema, ha fin da subito cercato la compagnia di uomini di scienza che potessero studiare e verificare quanto accadeva quotidianamente nel suo Centro.

peter Piotr Garaiev

Ha ottenuto di essere studiato ed assistito da uno dei fisici di avanguardia russi più importanti, Piotr Gariaev, conosciuto in Occidente soprattutto per le ricerche sul DNA fantasma realizzate in collaborazione con V. Poponin. Gariaev ha potuto numerose volte verificare e registrare con apparecchiature scientifiche il processo per il quale dal livello informativo, attraverso l’energia, l’informazione si sposta nel piano fisico modificando la struttura informativa (DNA) delle cellule ed attivando processi di rigenerazione e di ringiovanimento.

Oltre a questa collaborazione, di livello scientifico molto elevato ma di limitato interesse medico, Petrov ha cercato la collaborazione e l’assistenza del Direttore del Centro di sviluppo sistematico della medicina di Mosca, Anantolij A. Milov, che ha messo a disposizione sia il suo team di specialisti in medicina, sia tutte le sue tecnologie medico dignostiche, lo stato dell’arte della medicina dell’epoca, in grado di registrare con grande precisione i cambiamenti elettro-chimici e biologici del corpo umano.

Sono ancora disponibili su internet le reazioni dei medici di fronte alla regressione in pochi minuti di malattie che loro sapevano bene essere difficilmente curabili con mesi di terapie farmacologiche. Il documentario che Petrov ha preparato per documentare i suoi primi anni di lavoro La luce dell’eternità è facilmente reperibile su Youtube con sottotitoli in italiano. Ancora, con prudenza e diligenza, ha dedicato vari anni a registrare tutti i referti medici delle persone che si rivolgevano a lui, con l’attestazione della stato di malattia ed il successivo attestato di guarigione, da parte delle stesso medico o dello stesso Istituto sanitario. [… http://www.karmanews.it/7063/petrov-e-la-rigenerazione-degli-organi/ …]

VIDEO RESTAURATO CON AUDIO GUIDA IN ITALIANO PER LA RIGENERAZIONE DEI DENTI Anche se mi è costato molte, molte ore di lavoro per il restauro di questo vecchio video moldavo sulla rigenerazione dei denti di un allievo di Petrov, per la sua conversione artistico-digitale dal vecchio formato 4:3 all’attuale 16:9 più diverse migliorie grafiche, e infine per produrre una accurata traduzione grazie a Zuhra Sayfutdiyarova,  con la seguente produzione di audio e voce che guidano il processo rigenerativo, mi sono sentito di regalarlo a tutti per il bene comune e per contribuire alla modifica delle vecchie credenze in funzione di una sostituzione con un nuovo modo di pensare: l’accettazione di questa nuova tecnologia di rigenerazione e ricrescita degli organi!

 

Queste operazioni hanno un impatto karmico sottile (ad ogni azione c’è una reazione…), e io non pretendo nulla ma se qualcuno volesse valorizzare le mie energie e il mio tempo investiti nella creazione dell’audio guidato, del restauro multimediale e delle mie ricerche spesi, e così effettuare una libera donazione, può farlo con il link donazione in fondo alla pagina, GRAZIE 🙂 !!!

URINOTERAPIA IN NATURA E IN TUTTE LE CULTURE, RELIGIONI E TRADIZIONI DEL MONDO: LA FONTANA D’ORO, L’ELISIR DI LUNGA VITA, LA RIGENERAZIONE CELLULARE, VITAMINE B12 e K2 … e molto altro ancora

A cura di Marco Giai-Levra

“Oh mia amata Parvati! Ho narrato i dettagli di Shivambu Kalpa. Questa è la sua tecnica. Si dovrebbe tentare di mantenere il segreto. Non dirlo a nessuno“. – Shiva-Dio parla a sua moglie Paravati – Verso 107  del Damar Tantra

Può essere la nostra urina, come dicevano gli antichi, la “fonte dell’eterna giovinezza”, “la fontana d’oro”, “la pietra filosofale”  tanto cercati? Decine sono i nomi con cui questo Amnios sintetizzato e personalizzato dal nostro corpo è stato chiamato.

Secondo le varie culture, religioni e pratiche diffuse in tutto il mondo, l’urinoterapia è uno strumento di guarigione di corpo-mente, e contestualmente anche una piattaforma più sottile di ascensione e elevazione spirituale.

Non ha nulla a che vedere con perversioni mentali e sessuali, anzi proprio il contrario: gli yogi indiani usano questo metodo per controllare i propri sensi e per rivolgersi al Divino.

Urinoterapia

Urinoterapia

SIMPATIZZANTI E PRATICANTI OGGI
Senza tener conto del fatto che tutti noi, volenti o nolenti, abbiamo praticato l’urinoterapia per 9 mesi immersi nel liquido amniotico che è saturato dalle urine del feto per oltre il 90%, in Germania questa pratica (chiamata anche con i termini sanscriti Amaroli o Shivambu) ha attirato cinque milioni di persone praticanti, due milioni in Giappone e un milione in Olanda, tanto per citare qualche cifra dall’Europa. Praticanti in tutto il mondo sono a milioni, oggi come da sempre.

STORIA

La pratica dell’urinoterapia risale a epoche molto antiche: il medico dell’antica Grecia Galeno usava prescriverla a molti suoi pazienti[, mentre nell’antica Roma Plinio, nella sua Naturalis historia, consigliava di trattare con l’urina ferite, ustioni, cicatrici e morsi di animali; inoltre l’urina veniva usata come sbiancante dei denti.

L’uso religioso della terapia dell’urina è documentata in un testo in sanscrito risalente a 5000 anni, il Damar Tantra in cui la pratica si chiama “Shivambu Kalpa”. Il Papiro di Ebers, uno dei più antichi trattati di medicina, che ci ha raggiunto dall’antico Egitto, è stato scritto nel XVI° secolo a.C., e offre 55 ricette mediche che utilizzano urina.

L’urina è stata considerata strumento di guarigione in molte culture asiatiche per secoli, e in India questo trattamento è stato parte della tradizione medica per migliaia di anni. Non era infatti mai considerata un prodotto di scarto del corpo, ma piuttosto come un prodotto distillato e selezionato del sangue, contenente delle sostanze utili per la cura del corpo.

È stata denominata “l’oro del sangue” o “elisir di lunga vita”, indicando il suo potenziale terapeutico. La pratica dell’urinoerapia trova la sua origine nella cultura indiana, trasferendosi attraverso i secoli in culture e tradizioni diverse. Le antiche cronache ne testmoniano l’uso presso egizi, ebrei, greci e romani, dal Medioevo al Rinascimento fino a  tempi più recenti, fino a oggi. Questa pratica è stata più recentemente discussa e condivisa in 2 conferenze internazionali: nel 1996 in India e nel 1999 in Germania, dove le persone provenienti da diversi paesi hanno condiviso e presentato le proprie ricerche.

[… Ricordiamo ancora che: la parola Orina od Urina significa nell’antico linguaggio semantico, Akkadico, protoSinaitico, Ebraico antico, Samaritano: La bevanda, la forza,la Luce, l’Energia, l’Informazione, (l’Ur – Or-o) cioe’ l’or-INA (l’anagramma di INA e’ ANI e significa in antico Fenicio ed Ebraico semplicemente l’IO dell’Essere), per cui il vero significato dell’urina e’ questo: la sorgente fondamentale, il dono, simbolo dell’anima Universale, la sintesi dell’Essere, il distillato della persona, capace di poteri tramutanti, cioe’ di far passare da uno stato ad un altro (dalla malattia alla salute), infatti l’urina e’ il distillato del sangue; per mezzo dei reni essa e’ estratta dal sangue, possiamo chiamarla l’Oro del Sangue; essa e’ l’unico ed il vero “Elisir di lunga Vita” di cui parlano tutte le tradizioni antiche; in Sanscrito l’urina si dice “Amaroli”, da “Amar” che significa immortalita’ !, dalla stessa parola deriva anche la nostra parola “Amore” quindi l’urina e l’amore della ConoScienza che genera Consapevolezza, fin dall’antichita’ sono strade da percorrere per giungere alla tanto sospirata immortalita’. …] [http://www.mednat.org/cure_natur/tecniche/urino_terapia.htm]

TABU’ NELLA NOSTRA SOCIETA’… MA PERCHE VERAMENTE? IL MOTIVO DEL DISGUSTO STA NELLA DIETA MALSANA CHE PROVOCA PUTREFAZIONE, PUS E MUCO CHE SI RIVERSANO NELLE URINE, COSA CHE NON AVVIENE CON UNA DIETA CRUDISTA E FRUTTARIANA
Molti storceranno il naso o esprimeranno disgusto al solo pensiero, ma tale disgusto è dovuto soprattutto all’impurità della loro dieta e di conseguenza all’impurità della loro mente. Per cui associano immediatamente qualcosa di impuro a questo argomento. Ragioniamo. Non si usa forse dire anche presso la nostra cultura che l’urina di un neonato è “acqua dorata”? … Perchè? E’ naturale: il neonato è ancora relativamente puro, nutrendosi solo del latte biosintetizzato per lui, così egli ha ancora un corpo puro e di conseguenza anche la sua urina lo è.

“Il senso di dustugo è direttamente proporzionale all’impurità dovuta a una dieta malsana, che rende impuro corpo, mente e spirito, rendendo ciechi spiritualmente”.

Ne consegue che purificando la propria dieta si purifica la mente (mens sana in corpore sano) in modo adeguato, anche la propria l’urina diventerà il miracoloso liquido sterile, distillato del nostro plasma sanguigno pieno di virtù terapeutiche, e oserei dire quasi “proprietà magiche”.

URINOTERAPIA IN INDIA E NELL’INDUISMO
Non è un caso che in India oltre alla auto-urinoterapia (Shivambu o Amaroli) si associa, o sostituisce a seconda dei casi, la terapia di urina di mucca (Gomutra),
che è un prodotto puro, di un animale erbivoro, che non presenta nei propri intestini la putrefazione dovuta al consuno di carne, o cibi alto proteici. Quindi l’urina di mucca in particolare, ma quella di tutti gli animali erbivori che si nutrono in modo naturale, è praticamente “pura” e conserva tutte le proprietà. Si tratta di un elisir universale che possono usare tutti.

Krishna Govinda, Dio, la Persona suprema e Signore delle mucche.

Krishna Govinda, Dio, la Persona suprema e Signore delle mucche.

Perfino Dio stesso, Krishna, da neonato (in realtà Lui è il non-nato perchè il  suo corpo è trascendentale, al di là di questo universo materiale) viene onorato e omaggiato con impacchi di sterco sacro di mucca (che in India si usa come l’argilla) e docce di urina di mucca. Uno dei nomi con cui ci si rivolge a Krishna è Govinda, o Signore delle mucche.

Raccolta dell'urina di mucca

Raccolta dell’urina di mucca

Due indiani che praticano urinoterapia con l'urina di mucca.

Due indiani che praticano urinoterapia con l’urina di mucca.

Urina di mucca in bottiglia in vendita come rimedio ayurvedico.

Urina di mucca in bottiglia in vendita come rimedio ayurvedico.

IL DAMARA TANTRA E’ IL TESTO PIU’ANTICO CHE CI SPIEGA COME SI PRATICA
Shivambu Kalpa è il testo in sanscrito, un capitolo del ‘Damar Tantra’,
più antico che  contiene 107 versi sui benefici dell’ “Acqua pura che è la propria urina”. In questo testo, la terapia urina viene indicata come Shivambu Kalpa (Shivambu=acqua di Shiva; Kalpa=tecnica o metodo), una tradizione ayurvedica relativa alle scritture indù conosciuti come i Veda. Quando si inizia Shivambu Kalpa (Urine Therapy o UT) ci sono alcune esigenze alimentari da considerare descritte come “molto buone nella pratica di Amaroli”. L’obiettivo principale di questo sistema è quello tale pratica.

Shiva e Parvati

E’ una tecnica di purificazione, ascensione e controllo dei sensi

Ecco la traduzione solo dei primi 30 versi di 107

[…  Migliaia di anni fa, come è riportato nel Damar Tantra, una delle scritture sacre Indiane, il Dio Shiva, primo e assoluto asceta, meditatore, yogi e ayurveda, espone alla Dea moglie Parvati le tecniche di utilizzo della propria urina, Shivambu (Acqua Benefica), per elevarsi allo stato divino di salute e ottenere guarigione da tutte le malattie e immortalità, sperimentando così il livello di esistenza, coscienza e comprensione del Dio stesso.

Questo lavoro, composto di 107 aforismi, dei quali ne presentiamo soltanto i primi trenta, risulta essere il più antico trattato scritto sulle tecniche di salute e guarigione e le loro realizzazioni.

Shiva dice:

O Parvati! Ti esporrò le azioni raccomandate e i rituali di Shivambu Kalpa che conferiscono numerosi benefici. Quelli di noi ben versati nelle Scritture hanno accuratamente specificato le metodologie certe per lo scopo.

Sono consigliati utensili fabbricati con i seguenti materiali: oro, argento, rame, bronzo, ottone, ferro, argilla, avorio, vetro, legno di alberi sacri, ossa, pelle e foglie.

Lo Shivambu (la propria urina) deve essere raccolta in un utensile in uno qualsiasi di questi materiali. Tra questi, gli utensili di argilla sono i migliori e quelli di rame di gran lunga i migliori.

Chi intende praticare la terapia deve abiurare i cibi salati o amari, non dovrebbe sforzarsi eccessivamente, dovrebbe fare un pasto leggero la sera, dovrebbe dormire per terra, e dovrebbe controllare e dominare i propri sensi.

Il praticante sagace dovrebbe alzarsi quando tre quarti della notte sono trascorsi, e dovrebbe urinare rivolto verso est.

Il saggio lascierà fuori la prima e l’ultima porzione delle urine e raccoglierà solo la parte centrale. Questa è considerata la procedura migliore.

Così come c’è veleno nella bocca e coda del serpente, o Parvati, così è anche nel caso del flusso di Shivambu.

Shivambu è nettare celeste, che è in grado di distruggere vecchiaia e infermità. Il praticante di Yoga dovrebbe prenderlo prima di procedere con i suoi altri rituali.

Dopo la pulizia della bocca e aver svolto le altre funzioni essenziali mattutine, uno dovrebbe bere la propria chiara urina, che è l’annientatrice di vecchiaia e infermità.

Chi beve Shivambu per la durata di un mese sarà purificato internamente. Berlo per due mesi stimola ed energizza i sensi.

Berlo per tre mesi distrugge tutte le malattie e libera da tutti i problemi. Bevendolo per cinque mesi, uno acquisisce visione divina e la libertà da tutte le malattie.

Continuando la pratica per sei mesi rende il praticante altamente intelligente e competente nelle scritture, e se la durata è di sette mesi, il praticante acquisisce forza straordinaria.

Se la pratica è continuata per otto mesi, uno acquisisce un’aura permanente come quella d’oro, e se è continuata per nove mesi, uno liberato da tubercolosi e lebbra.

Dieci mesi di questa pratica fa di uno un vero tesoro di lustro. Undici mesi purificherebbero tutti gli organi del corpo.

Un uomo che ha continuato la pratica per un anno diventa eguale al sole in splendore. Chi ha continuato per due anni conquista l’elemento Terra.

Se la pratica è continuata per tre anni, una conquista l’elemento Acqua, e se è continuata per quattro anni, anche l’elemento Luce è conquistato.

Chi continua la pratica per cinque anni conquista l’elemento Aria, e chi continua per sette anni vince l’orgoglio.

La continuazione della pratica per otto anni consente di conquistare tutti gli elementi importanti della Natura, e la sua continuazione per nove anni libera dal ciclo di nascita e morte.

Uno che ha continuato la pratica per dieci anni può volare attraverso l’aria senza sforzo. Uno che ha continuato per undici anni è in grado di ascoltare la voce della propria anima.

Colui che ha continuato la pratica per dodici anni vivrà tanto a lungo quando durando la luna e le stelle. Egli non è disturbato da animali pericolosi come serpenti, e nessun veleno può ucciderlo. Non può essere consumato dal fuoco, e può galleggiare sull’acqua proprio come il legno.

O Dea! Chi prende Shivambu quotidianamente ed esclude cibo salato, acido e amaro della propria dieta acquisisce rapidamente realizzazioni divine. Liberato da tutti i disturbi, e possedendo un corpo paragonabile a quello di Shiva stesso, si diletta come gli dei nell’Universo per un’eternità. …] [Tradotto dall’Inglese da Andrea Scarsi] [http://www.andrea-scarsi.com/damar-tantra.htm]

Shiva - Dio
Shiva – Dio

Pratica di base:
Come si fa? … Ancora più semplice: si beve il solo flusso centrale, scartando inizio e fine, della propria urina, preferibilmente prodotta tra le 2 e le 4 di notte, oppure nel primo mattino, in quanto molto carica di ormoni e melatonina, prodotti con il buio.

Ci sono fior di libri che sviscerano l’argomento in tutte le lingue, molti tradotti in italiano.

URINOTERAPIA NEL BUDDHISMO
L’urina fresca o invecchiata, presa in questo modo o mescolata con altre erbe o frutti con ad esempio il Myrobalan o Haritaki (Terminalia Chebula) è la medicina base del vero e originale monaco che segue le orme del Buddha Gautama Siddharta, fino essere indicato come un requisito o prescrizione nei testi più antichi:

  1. Il Vinaya-Pitaka, l’antica raccolta delle regole monastiche buddiste.
  2. La Sutta Pitaka, l’antica raccolta dei discorsi del Buddha.
  3. Il cosiddetto ‘Commento’, testi e considerazioni scritti da monaci (buddisti) nei secoli seguenti alla morte del Buddha, allo scopo di chiarire il significato dei testi presenti nelle due raccolte prima citate

In una traduzione in inglese del Mahakkhandhaka (un testo in Mahavagga trovato nel Vinaya-Pitaka) il Buddha dice:

“La vita religiosa si basa sull’urina invecchiata come sua unica medicina. E’ necessario impegnarsi nel vivere tutta la vita in questo modo. Ghee, burro, olio, miele e melassa sono gratificazioni permesse, ma supplementari .

Una traduzione alternativa dice:

“Proseguendo [nella vita santa] l’urina fermentata diventa il suo [del monaco] sostegno. Per il resto della vita bisogna impegnarsi a vivere così. Le gratificazioni supplementari permesse sono: Ghee, burro fresco, olio, miele, zucchero “ .

Gautama Siddharta, conosciuto come il Buddha

Gautama Siddharta, conosciuto come il Buddha

Ci sono quattro prescrizioni necessarie elencate nel Vinaya Pitaka. In Pali, la lingua dei più antichi testi buddhisti, sono chiamati “i quattro requisiti”, considerati come un minimo assoluto per i monaci di essere in grado per vivere la “vita santa”, in linea con l’insegnamento del Buddha. Le traduzioni sopra citano “l’urina fermentata” come il quarto di questi requisiti. Tutti e quattro devono essere conosciuti, posseduti, osservati e recitati dal bhikkhu (monaco) nel momento in cui prende l’iniziazione monastica durante l’apposita cerimonia. E ‘responsabilità del maestro assicurarsi che tutti i giovani monaci conoscano questi requisiti secondo la seguente prescrizione del Buddha:

“Prescrivo, o monaci, che colui che segue l’ordine più alto (bhikkhu), pronunci i quattro requisiti” .

Queste sono le quattro prescrizioni obbligatorie elencate nel Vinaya-Pitaka:

  1. Vestiti: vesti fatte di stracci presi da un mucchio impolverato come risorsa
  2. Cibo: bocconi di cibo ricevuto in elemosina come risorsa
  3. Abitazione: i piedi di un albero come risorsa
  4. Medicina: urina fermentata come risorsa

Questi requisiti e prescrizioni descritti dal Buddha come indispensabili, o il minimo indispensabile.

[http://www.dhammatalks.net/Books9/Bhikkhu_Dhammajiva_The_Buddha_Medicine.htm]

In alcuni commentari e di fatto viene utilizzata anche l’urina di mucca chiamata Muttam o Putimuttam (anche mukta e putimukta) in Pali, derivante dal termine sanscrito  Mutra (Gomutra è il nome sanscrito per l’urina di mucca, go=mucca, mutra=urina). Puti significa letteralmente invecchiato, fermentato o imputridito. Aldilà del termine in sé stesso, l’uso per scopi particolari dell’urina appositamente invecchiata è esposto nell’antico testo sacro indiano Damar Tantra.

URINOTERAPIA NELL’ISLAM
Nell’islam è severamente proibito fare l’auto-urinoterapia, ma la lungimiranza del profeta Maometto (pace su di lui) e la sua intuizione, ha permesso di inserire ugualmente questa formidabile medicina tramite l’uso delle urine dell’erbivoro più comune in quelle zone: il cammello.

L’uso di urina di cammello a scopo medicinale effettuato era tradizionalmente tra gli arabi beduini. Ibn al-Qayyim riporta: L’autore di al-Qanoon (Il Canone della Medicina) – più noto in occidente come Avicenna (persiano ابن سينا; Balkh, 980 – Hamadan, giugno 1037) – ha scritto che l’urina di cammello più vantaggiosa è quella dei cammelli beduini chiamati Najeeb.

Non è un caso quindi che nello Yemen, un paese islamico in cui tutti i fedeli musulmani mangiano carne praticamente tutti i giorni si utilizzi come tonico ed energizzante l’urina di cammello, seguendo il consiglio del Profeta Maometto (pace su di lui) che in alcune Hadith (scritture sacre, oltre al Corano) prescrive l’urina dell’animale a tre uomini che erano giunti ammalati a Medina. Un hadith riportato da al-Bukhari (2855) e Muslim (1671) afferma che delle persone erano giunte a Medina e si erano ammalate, con il ventre gonfio. Il profeta ha detto loro di mescolare del latte con dell’urina di cammello e berla, e così facendo essi sono guariti.

Nello Yemen, l’urina di cammello viene usata dalle donne come shampo o balsamo per i loro capelli lucidi. Secondo la rete televisiva araba al-Arabiya, i saloni dei parrucchieri in tutto il paese vendono questo prezioso tonico’  a ben 4 dollari al litro, un prezzo alto considerando il livello di reddito della maggior parte degli acquirenti.

Esistono anche delle ricerche mediche islamiche che evidenziano la presenza di nano particelle in grado di curare il cancro nell’urina di cammello.

Ma spesso queste notizie sono ignorate dal resto dei musulmani immigrati in Europa o che vivono in altre regioni, nonostante esistano alcune scritture sacre Hadith in cui il profeta menziona e prescrive questa terapia con l’urina di cammello.

Urinoterapia in alcuni paesi islamici, nello Yemen in particolare

Urinoterapia in alcuni paesi islamici, nello Yemen in particolare


Ecco le Hadith in questione:

  1. Narrato Anas: Alcune persone della tribù di Ukl erano andate dal Profeta e avevano abbracciato l’Islam. Il clima di Medina non si addiceva a loro, tanto che il Profeta ordinò loro di andare dai cammelli della carità (alla mandria di Milch), e di bere il loro latte e la loro urina (come medicina). Sahih Bukhari 8: 82: 794

  2. Malik ha riferito che alcune persone appartenenti (alla tribù) di Uraina andarono dal Messaggero di Allah (che la pace sia su di lui) a Medina, ma hanno trovato il suo clima non-congeniale. Così il Messaggero di Allah (che la pace sia su di lui) disse loro: Se vuoi, si può andare dai cammelli di Sadaqa e bere il loro latte e le loro urine. Dopo averlo fatto erano guariti. Sahih Muslim 16: 4130

  3. “Un tradizionalista mi ha detto che hanno riportato  di Muhammad b. Talha da Uthman v. Abdul-Rahman che, negli assalti di Muharib e B. Thalaba, l’apostolo aveva catturato uno schiavo chiamato Yasar, e lo mise come pastore a capo della sua Mandria di cammelli di Milch, nel quartiere di al-Jamma. Alcuni uomini di Qays di Kubba di Bajila andarono dall’apostolo, sofferenti per la loro milza ingrossata a causa di un’epidemia, egli li ha detto che se fossero andati dai cammelli di Milch e avessero bevuto il loro latte e loro urina sarebbero guariti, così essi fecero. Dalla Sirat Rasul Allah (La vita del Profeta di Dio), da Ibn Ishaq (3) pagine 677, 678

La purezza dell’urina del profeta: ben 26 Hadith ne parlano!
Nelle seguenti Hadith invece è riportato e confermato un episodio che riguarda la purezza del profeta Muhammad (pace su di lui) e nel trattare questo argomento racconta che egli aveva urinato di notte in un contenitore, e che un’altra persona aveva inavvertitamente bevuto da questa ciotola, pensanto che fosse acqua dolce. Al mattino quando il profeta si sveglia e vuole vuotare il contenitore apprende l’accaduto e sorridendo proclama che la persona non avrà mai più mal di stomaco, oppure sarà per salvata dal fuoco (l’inferno). Poichè lui era puro così lo era anche la sua urina. Ad ogni modo queste Hadith parlano di ingestione di urina umana (quella del profeta) questa volta, sempre in testi islamici, anche se il profeta non è da considerarsi un uomo comune, ma un puro devoto.

Ne riporto solo due versioni come esempio:

Narrazioni di Imam Suyuti [1]

  1. Imam Jalal al-Din Suyuti riporta da Tabarani e Bayhaqi che narrava da Hukaymah bint Umaymah  (possa Allah benedirla) da un’autentica catena di trasmissione che lei disse: IL PROFETA AVEVA UNA CIOTOLA IN LEGNO NELLA QUALE EGLI USAVA URINARE E POI PORLA SOTTO IL SUO LETTO. UNA NOTTE LA CERCO’ MA NON LA TROVO’, E CHIESE “DOV’E’ LA CIOTOLA?”. LA GENTE DELLA CASA DISSE “BARRAH, LA RAGAZZA SCHIAVA DI UMM SALAMA NON SAPEVA, L’HA TROVATA E HA BEVUTO DA ESS. IL PROFETA REPLICO’: CERTAMENTE, D’ORA IN POI LEI SARA’ PROTETTA DAL FUOCO CON UN GRAN MURO”
  2. Imam Jalal al-Din Suyuti riporta da Abu Ya’la, Hakim, Dar Qutni, Tabarani and Abu Nu’aym da Umm Ayman, che disse: IL PROFETA UNA NOTTE SI ALZO’ E URINO NELLA SUA CIOTOLA. DURANTE QUELLA NOTTE, MI SVEGLIAI PER LA SETE E BEVVI QUELLO CHE C’ERA NELLA CIOTOLA DEL PROFETA. AL MATTINO GLI DISSI COSA AVEVO FATTO, AL CHE EGLI SORRISE E MI DISSE: “CERTAMENTE TU NON SOFFRIRAI PIU DI MAL DI STOMACO”

[http://scholarspen.blogspot.com/2005/05/prophets-urine_10.html]

Di seguito trovate i riferimenti a queste ben 26 Hadith concernenti lo stesso episodio con piccole variazioni. Questo lo rende un racconto autorevole.

[1] Al-al-Kubra Khasa’is 2: 252, Matba’ah Da’irat al-Ma’arif, Hayder Abad.
[2] Al-Mu’jam al-Kabeer
[3] (Majma ‘al-Zawa’id 8: 270.271, Dar al-Kitab al-Arabi, Beirut).
[4] (al-Tahqeeq li Mishkat al-Masabeeh ‘, no hadith: 362, 1: 117, Prnt Taba al-Maktab al-Islami Beirut)
[5] Hadith no: 1423, 3: 293, Prnt. Mu’assasat al-Risalah, Beirut.
[6] 2: 111, prnt Tab al-Maktabah al-Islamiyah
[7] 8: 271, PRNT. Dar al-Kitab al-Arabi, Beirut
[8] al-Shifa, 01:41, PRNT. Matba’ah Rustum Mustafa al-Halabi, Cairo
[9] 4: 233, Dar al-ma’rifah, Beirut.
[10] Sharh al-Muhazzab, 1: 234, Dar al-Fikr, Beirut
[11] al-Shifa Sharh, 1: 361, PRNT. Al-Matba’ah al-Azhariyyah al-Misriyyah, Cairo
10 Dhikru abeedihi wa imaa’ihi 5: 326, Maktabah al-Ma’arif Beirut
[13] Cfr: Talkhees al-habeer, Ibn Hajar Asqalani, 01:31, Maktabah Athariyyah, Sanghla Hill, Pakistan
[14] Cfr: Ibid.
[15] Dala’il al-Nubuwwah, 2: 380-381, PRNT. Dar al-Baz, Mecca, Hilyat, ‘Trjimah 147 Umm Ayman’, 2:67, Dar al-Fikr, Beirut
[16] Biografia no: 1145 ‘Umm Ayman al-mawlat Nabiyy wa hadhinatuhu’, 4: 433, prnt, Maktabah al-Mathna, Baghdad
[17] Al-Mu’jam al-Kebeer, Umaymah bint Ruqayqah Bint Sayfi, Hadith no: 477, 24: 189, PRNT. Makatabah Ibn Taymiyah, Cairo
[18] Al-Isti’ab, 4: 251, Matba’ah al-Sa’adah, Misr
[19] Faiz al-Qadeer, 5: 177, PRNT. Dar tutto ma’rifah, Beirut
[20] 4: 251, Prnt. Maktabah al-Mathna, Baghdad
[21] 7:67 PRNT. Matba’ah Majlis al-Da’irat Ma’arif al-Nizamiyah, Haiderabad
[22] 1: 31-32, PRNT. Maktabah Athariyyah, Sanghla Hill, Pakistan)
[23] VEDERE: USDL-Ghabah, Izz al-Din al-ABN Atheer, 5: 403, PRNT. Dar Ihya al-Turath al-Arabi, Beirut
[24] Cfr: Usd al-Ghabah, Izz al-Din al-ABN Atheer, 5: 403, Prnt. Dar Ihya al-Turath al-Arabi, Beirut)
[25] Dala’il al-Nubuwwah, 2: 381, Dar al-Baz, Makkah
[26] 2: 30, al-Maktabah al-Nuriyyahh al-Ridhwiyyah, Laiylpur.

L’URINOTERAPIA NELLA BIBBIA

  • Proverbi 5:15 Bevi delle acque della tua cisterna, E de’ ruscelli di mezzo della tua fonte. [Bibbia italiana di Gerusalemme]

  • Proverbs 5:15 Drink H8354 H8798 waters H4325 out of thine own cistern H953, and running waters H5140 H8802 out of H8432 thine own well H875. [Bibbia di Re Giaocomo – King James]

  • Proverbs 5:15 shathah H8354 mayim H4325 . . . . bowr H953 . nazal H5140 . . . . . ‘be’er H875 [Trascrizione fonetica da Bibbia ebraica]

Il passo di Proverbi ha qui due livelli di significato: GNOSTICO ed ALCHEMICO.  Bevi l’acqua della tua cisterna…In ebraico il termine per cisterna significa anche VESCICA, ossia luogo ove si depositano le acque. Ma in senso gnostico il passo suona come: ATTINGI ALLA TUA CONOSCENZA INNATA, ALLA CONOSCENZA DELLA TUA ANIMA. “perchè non scorrano al di fuori”.

Tre livelli di significato:

  1. continenza
  2. non disperdere l’urina, ma riassorbirla
  3. non divulgare la gnosi e i misteri agli indegni, ossia agli STRANIERI. Straniero qui è colui che non ha nulla in comune con i FIGLI DI DIO, con gli iniziati.

[http://mikeplato.myblog.it/2010/07/14/temp-8521b751898072383dbc7bebacf7336c/]

L’URINOTERAPIA NEL TALMUD EBRAICO
Il Talmud (ebraico תלמוד, che significa insegnamento, studio, discussione dalla radice ebraica ל-מ-ד, LMD) è uno dei testi sacri dell’ebraismo.

Il Talmud conosce l’uso di urina umana ed animale come medicinale da prendere internamente o anche applicato esternamente, e nel Medioevo sottili distinzioni sono state fatte per quanto riguarda l’utilità medica specifica di urina di un bambino, o un cavallo di, o un asino di, di uomini e donne, o di asine, o di suini. Per quanto riguarda Israele Isserlein ci segnala che “l’unico rimedio che usava per la gotta era  strofinare urina calda sopra la zona dolorante”.

Era consuetudine, in epoca talmudica, per chi soffre di ittero a bere urina asino come una cura. Si usava anche l’urina di cammelli e cavalli, tutti animali erbivori.
(Talmud Babilonese, Tractate Bechorot 7a)

L’URINOTERAPIA IN CINA
Secondo la Chinese Urine Therapy Association ci sono 100.000 persone che praticano la terapia delle urine in Cina. Essi credono e sostengono che la “teoria” che sta dietro potabilità dell’urina risiede nel fatto che il fluido differisce dagli escrementi, e deriva direttamente dalla circolazione del sangue che assorbe nutrienti nel cibo, ed è quindi un “genuino prodotto metabolico”.

“L’urina viene dal sangue. I suoi componenti chimici provengono dal sangue e quindi è pari al  sangue. L’urina di una persona sana è sterile “,

L‘urina ha sia gli antigeni che gli anticorpi, e bevendola, si può riassorbire queste sostanze e migliorare la capacità del corpo di combattere le malattie. Poiché i componenti di urina provengono dal corpo stesso, essa “funziona meglio di farmaci di sintesi e non ha effetti collaterali”. Come nel Damar Tantra anche qui si consiglia di usare solo la parte centrale del flusso perchè è più puro.  La lista delle patologie trattate è sterminata, e ha avuto successo laddove le terapie convenzionali hanno fallito.

L’URINOTERAPIA IN NATURA
Il video sotto riportato, peraltro, è la dimostrazione che l’urinoterapia, diffusa tra gli uomini di tutte le culture da millenni, è una terapia o uno stile di vita del tutto naturale, diffuso anche tra gli animali e le grandi scimmie. Le scimmie non hanno i nostri blocchi culturali.

FONTE DI VITAMINA B12 E K2
Incredibilmente e inaspettatamente contiene anche vitamina B12 attiva e vitamina K2 che sono prodotti batterici e molte altre sostanze e nutrienti.
Infatti tutti sanno che buoi, cavalli e grandi scimmie antropomorfe, ecc. … NON HANNO NESSUNA CARENZA DI VITAMINA B12, nè di K2, anche quando sono completamente erbivori e fruttariani 🙂

La k2 serve per muovere il Calcio e quindi rendere possibili rimineralizzazioni e rigenerazioni quasi miracolose osse e, per alcune persone, anche di smalto e dentina, invertendo il processo di carie e cavità orali. La domanda è: PERCHE’ non c’è carenza di queste vitamine in essi? E perchè non se ne preoccupano come noi stupidamente facciamo? 🙂 forse sono meno stupidi di noi? Beh forse è proprio così, almeno da questo punto di vista…

Beh, il concetto è abbastanza semplice….

Questo avviene perchè i batteri necessari per corrompere le vitamine B e K, trasformandole rispettivamente in B12 e K2, sono presenti nel loro intestino. Essi con le feci e le urine contaminano e toccano ciò che dopo mangiano permettendo quindi a quei batteri di passare nello stomaco e di conseguenza anche nell’ileo (la parte finale dell’intestino tenue), permettendone finalmente il totale assorbimento in quest’area specifica, piena di villi intestinali preposti a questo scopo.

La vitamina K2 permette lo spostamento del Calcio da una parte all’altra del corpo, pertanto la rigenerazione e rimineralizzazione di ossa e denti. E’ da abbinare alla vitamina D (per fissare il Calcio) sintetizzata grazie a 2 ore al giorno di Sole. Quando il Sole non c’è e non viviamo ai tropici, possiamo, come palliativo efficace, fare 1 o 2 lampade tipo doccia solare 1 o 2 volte al mese, senza alcuna protezione, in quanto quei raggi UV ultravioletti contenuti anche nello spettro solare permettono la biosintesi della famosa vitamina D. Una crema protettiva risulta rovinosamente un veleno estraneo al corpo. Un altro sistema può essere comprare una lampada UV al 10% per rettili, usarla costantemente sul proprio tavolo di lavoro o comodino.

Nell’intestino come dovrebbe essere, cioè sano e pulito, ci sono questi batteri ma a causa di malassorbimento molte persone non riescono più ad assimilare queste vitamine. Le ragioni sono dovute alla dieta innaturale e all’intasamento degli intestini, per cui i batteri non riescono a muoversi verticalmente fino all’ileo.

La soluzione più immediata è vecchia come il mondo e usata in tutte le nostre culture e si chiama oggi URINO TERAPIA. Ci sono molti testi sacri antichi che ne spiegano bene le tecniche, come il DAMARA TANTRA ad esempio, risalente a migliaia di anni fa. Qui si spiega come la parte utile è il flusso centrale, mentre scarti e tossine sono concentrati solo nel’inizio e nella fine del flusso.

CONTENUTI E NUTRIENTI – ANALISI NEI PRESTIGIOSI LABORATORI MILES
L’urina è della stessa sostanza di cui è costituito il liquido amniotico umano, il quale ha grande potere rigenerativo sul feto, anche in caso di danneggiamento arti o organi. Questo grazie al suo alto contenuto di UREA e ALLANTOINA, presenti infatti nelle più costose creme rigenerative. La differenza è che mettono urea estratta da urina animale, quando abbiamo la nostra sintetizzata dal nostro corpo e calibrata perfettamente per noi.

E’ il super nutriente segreto … Ecco il contenuto secondo le analisi dei prestigiosi laboratori Miles effetuate nel 1975 per gli studi del Dr. Free:

  • Alanine, total ….. 38 mg/day
  • Arginine, total ….. 32 mg/day
  • Ascorbic acid ….. 30 mg/day
  • Allantoin ….. 12 mg/day
  • Amino acids, total ….. 2.1 g/day
  • Bicarbonate ….. 140 mg/day
  • Biotin ….. 35 mg/day
  • Calcium ….. 23 mg/day
  • Creatinine ….. 1.4 mg/day
  • Cystine ….. 120 mg/day
  • Dopamine ….. 0.40 mg/day
  • Epinephrine ….. 0.01 mg/day
  • Folic acid ….. 4 mg/day
  • Glucose ….. 100 mg/day
  • Glutamic acid ….. 308 mg/day
  • Glycine ….. 455 mg/day
  • Inositol ….. 14 mg/day
  • Iodine ….. 0.25 mg/day
  • Iron ….. 0.5 mg/day
  • Lysine, total ….. 56 mg/day
  • Magnesium ….. 100 mg/day
  • Manganese ….. 0.5 mg/day
  • Methionine, total ….. 10 mg/day
  • Nitrogen, total ….. 15 g/day
  • Ornithine ….. 10 mg/day
  • Pantothenic acid ….. 3 mg/day
  • Phenylalanine ….. 21 mg/day
  • Phosphorus, organic ….. 9 mg/day
  • Potassium ….. 2.5 mg/day
  • Proteins, total ….. 5 mg/day
  • Riboflavin ….. 0.9 mg/day
  • Tryptophan, total ….. 28 mg/day
  • Tyrosine, total ….. 50 mg/day
  • Urea ….. 24.5 mg/day
  • Vitamin B6 ….. 100 mg/day
  • Vitamin B12 ….. 0.03 mg/day
  • Zinc ….. 1.4 mg/day

Si tratta quindi di una vera e propria Auto-SuperNutrizione, creata dal nostro corpo per il corpo

Nel 1975, uno dei fondatori di Miles Laboratories, il dottor Free, ha pubblicato nel suo libro  riguardo Urinalysis in Clinical Laboratory Practice”, in cui ha sottolineato che non solo è l’urina di un composto corpo sterile (più pura dell’acqua distillata), ma che adesso è accertato che l’urina contiene migliaia di composti, e come i nuovi strumenti analitici più sensibili dei precedenti, evolvendosi, rileveranno ancora nuovi componenti utili.

Contienene anche DMT endogeno: la dimetiltriptamina (DMT), è una triptamina psichedelica endogena, presente in molte piante e nel fluido cerebrospinale degli esseri umani. Tracce di DMT sono state rinvenute in:

  • plasma sanguigno (1.000 e 10.600 ng / L)
  • sangue (50-790 ng / L), feci (50 ng / kg)
  • urine (100 ng / L )
  • rene (15 ng / kg), rachicentesi (2,330-7,210 ng / L)

urino_1

urino_2

E’ IL NOSTRO LIQUIDO AMNIOTICO NEL QUALE AVVIENE LA RIGENERAZIONE CELLULARE
Ricondiamoci che il feto nei 9 mesi di immersione nel liquido amniotico, che è saturo della sua urina, è in grado di autoripararsi, compresi danni da trauma ai vari organi. Grazie a questo liquido possiamo sviluppare i polmoni. Quindi tutti hanno praticato inconsapevolmente l’urinoterapia durante questo periodo.

[… Dalle osservazioni effettuate si e’ dimostrato  che l’urina fetale e’ il maggior costituente del liquido amniotico.
I feti quindi si sviluppano in un sacco ripieno di questo liquido amniotico o falda. Le pareti di questo sacco sono formate da una membrana sottile ed elastica chiamata “Amnios” o “Sacco Amniotico”. Il liquido amniotico e’ costituito – per la maggior parte – da urina fetale. Il liquido amniotico in cui il feto umano e’ immerso e’ quindi costituito da acqua cioe’ dal liquido amniotico + urina-  …]
[… http://www.mednat.org/cure_natur/liquido_amniotico.htm  …]

[… Noi siamo concepiti e cresciamo, immersi nel liquido amniotico, che di fatto e’ simile all’urina ! gia’ dall’ottava settimana siamo immersi nell’urina che emettiamo nel liquido amniotico e la beviamo tutti regolamente. …]

[… Noi cresciamo nella pancia di nostra madre in una sacca che contiene il liquido amniotico. Il liquido amniotico in cui il feto umano è immerso è costituito principalmente da urina. In realtà il bambino “respira” continuamente fluido amniotico saturo di urina, e senza questo fluido i polmoni non si svilupperebbero. I dottori credono che anche la morbidezza della pelle dei bambini, e la capacità di guarire velocemente e senza cicatrici da interventi di chirurgia pre-parto siano dovute alle proprietà terapeutiche del fluido amniotico saturo di urina. …]

[… Il liquido amniotico in cui il feto umano è immerso è costituito primariamente da urina. In realtà il bambino “respira” continuamente fluido amniotico saturo di urina, e senza questo fluido i polmoni non si svilupperebbero.  …]
[http://www.mednat.org/cure_natur/tecniche/urino_terapia.htm]

CONTROINDICAZIONI
Nel periodo in cui si desidera sperimentare questa terapia  con i suoi benefici, bisogna astenersi da carne, pesce e cibi alto-proteici, i quali oltretutto conferirebbero all’urina un odore e un sapore nauseabondi, a causa dell’elevata percentuale di muco e tossine, causati da questi alimenti stessi.

Questo è  il motivo pricipale, conscio e meno, per cui è considerata una sostanza priva di utilità da coloro che si nutrono di questi cibi abominevoli, i quali per questo motivo non riescono a concepire l’urinoterapia.

Per coloro che non vogliono cambiaree la propria dieta malsana carnea o altoproteica allora l’unica possibilità di beneficiare di questo metodo è utilizzare dell'”urina universale”: quella di mucca nutrita al pascolo senza integratori, oppure di qualche altro animale completamente erbivoro.

Invece con una dieta crudista basso proteica e fruttariana, il gusto invece può risultare inaspettatamente gradevole e dolce.

CONGRESSI MONDIALI SULL’URINOTERAPIA
Sono già stati organizzati diversi congressi mondiali dove centinaia di specialisti e medici, stanchi della medicina convenzionale, hanno portato e messo a confronto i propri studi, esperimenti e successi su questa terapia delle urine.

1 ° Conferenza mondiale sulla terapia dell'urina nel febbraio 1996 tenuta in India

1 ° Conferenza mondiale sulla terapia dell’urina nel febbraio 1996 tenuta in India

Più di 500 specialisti, stanchi della medicina tradizionale si sono riuniti presso la prima conferenza mondiale sulla terapia delle urine. Il presidente, il dottor Devidas Tirocdkar è stato l’organizzatore del primo urotherapy World Congress. Uno dei principali oratori era GK Thakkar, guida della fondazione “Acqua della vita” in India, il dottor Nakao, dal Giappone con 600 scienziati e medici provenienti da 17 diverse nazioni, ha dichiarato che essi assumono la propria urina e lo utilizzano per anche per i massaggi.

2 ° Congresso Mondiale urinoterapia, Stadthalle City, Germania maggio 1999

2 ° Congresso Mondiale urinoterapia, Stadthalle City, Germania maggio 1999

2 ° Congresso Mondiale urinoterapia, Stadthalle City, Germania maggio 1999

2 ° Congresso Mondiale urinoterapia, Stadthalle City, Germania maggio 1999

2 ° Congresso Mondiale urinoterapia, Stadthalle City, Germania maggio 1999

2 ° Congresso Mondiale urinoterapia, Stadthalle City, Germania maggio 1999

650 scienziati, medici insieme a 2 Chimici da Messico e Corea hanno partecipato a questo congresso. E ‘stato tradotto in 8 lingue diverse, con 23 paesi partecipanti. Dr. Coen Van Der Kroon, Paesi Bassi è stato il presidente del comitato dell’Organizzazione integrata da Miss Ingeborg Allman, Goftfried Jilg, Edeltraud Schaferperras, dalla Germania e Volker Moritz da Paesi Bassi. Grandi relatori come il dottor Ryosuke Uryu dal Giappone insieme con il Dr. Nakao dal Giappone anche. QFB Sonia Rodriguez dal Messico, il dottor Jhon Wynhausen da Stati Uniti e il Dr. Christian Tal Schaller dalla Francia, anche erano presenti

Più di 1000 persone hanno partecipato provenienti da tutto il mondo.

Dr. Chistian Tal Schaler e lui moglie Johanne da Frace.
QFB Sonia Rodríguez, México.
Dr. Pierfrancesco Paolo. Italia.

Si è tenuta nella sala riunioni di Stadthalle Gersfeld, Germania

3 ° World Congress Urintherapy Belo Horizonte, Brasile. dal 30 aprile al 30 maggio 2003

3 ° World Congress Urintherapy
Belo Horizonte, Brasile. dal 30 aprile al 30 maggio 2003

3 ° World Congress Urintherapy Belo Horizonte, Brasile. dal 30 aprile al 30 maggio 2003

3 ° World Congress Urintherapy
Belo Horizonte, Brasile. dal 30 aprile al 30 maggio 2003

I medici, gli scienziati insieme con il pubblico di tutto il mondo sono stati invitati. Il Louciadas auditorium ricevuto elegante, raffinato grandi esponenti come il Dr. Coen Van Der Kroon, Paesi Bassi, il dottor Jhon Wynhausen dagli Stati Uniti, il dottor Pier Roviere Fransesco dall’Italia, QFB Sonia Rodriguez dal Messico, il dottor Tal Schaller Christhian dalla Francia, Atomo Inoue dalla Colombia.

Il presidente Dr. Fatima Pimienta era l’organizzatore della manifestazione, con Padre Renato Roque Barth’s come assistente.

4 ° Congresso Mondiale Urinetherapy
Seoul, Corea
15 settembre 16, 17, 2006

Più di 20 paesi hanno partecipato. Il coreano era la lingua ufficiale, ma è stato tradotto in inglese e giapponese. Il Presidente Kook Hee Kang, ha accolto persone provenienti da Messico, Giappone, Italia, Australia, Germania, Stati Uniti, Brasile, Colombia, Argentina, Francia, Paesi Bassi, India, Africa e Venezuela.

4° Conferenza Mondiale Urinoterapia, Corea, 2006

4° Conferenza Mondiale Urinoterapia, Corea, 2006

5th.Congresso Mondiale Urotherapy a Guadalajara Jalisco, Messico 2009

5° Conferenza Mondiale Urinoterapia, Messico, 2009

5° Conferenza Mondiale Urinoterapia, Messico, 2009

Si sono tutti riuniti per condividere e conoscere il nostro interesse reciproco a questo grande evento, il V Congresso Mondiale di Urotherapy 2009 a Guadalajara in Messico. L’Organizzazione World Organization for Excellence Health Care si è riunita per offrire e fornire le conoscenze e le esperienze nei settori della medicina e della chimica, così istituzioni e persone che partecipano attivamente alla realizzazione di stili di vita sani, hanno insieme contribuito a una migliore qualità della vita per l’umanità.

Hanno partecipato i rappresentanti di molti Paesi da 5 diversi continenti: America, Europa, Asia, Oceania e Africa, dove tutti hanno condiviso con metodo scientifico e sperimentale, molte conoscenze e testimonianze, contribuendo così al benessere dell’Umanità e del mondo intero.

Organizzazione

Dr. Ryosuke Uryu
Dr Rovere Pierfrancesco
QFB Sonia Rodriguez
Dr. Coen Van Der Kroon
Pe. Raymundo Reyna
Pe. Jorge E. Zarraga

Japón. Italia México, Germania, Africa, Australia
5th.World Congresso Urotherapy México 2009.

6 ° Congresso Mondiale di Urotherapy  nella città di San Diego, USA, 14,15,16 novembre 2013

6 ° Congresso Mondiale di Urotherapy nella città di San Diego, USA, 14,15,16 novembre 2013

Nelle varie conferenzi e congressi mondiali si è discusso di:

  • risultati medicinali ed usi
  • implicazioni politiche e finanziarie
  • opinioni religiose e spirituali

Tuttavia, non c’era molto di nuovo circa l’uso di base dell’urina come medicina perchè il “super-succo” contro tutte le malattie è per le persone che sanno su di esso e che hanno la volontà di porre fine alla sofferenza inutile.

Le ultime News su questa antica conoscenza: l‘urina è la medicina perfetta!
Usata per migliaia di anni, la terapia con l’urina viene riscoperta, e dimostra sempre di essere la medicina perfetta che è sempre stata. Anche le malattie moderne come l’AIDS e piaghe possono essere trattati con successo con “l’acqua dalla propria cisterna” (espressione presente nella Bibbia). La buona (vecchia) novella si sta diffondendo con il passaparola (più come un segreto), ma anche grazie a grandi eventi come le Conferenze Mondiale di Urinoterapia.

Grandi nomi del mondo nell’ambito della terapia dell’urina, come Coen van der Kroon (autore del libro “The Fountain d’oro), il dottor Schaller (Francia), il dottor Atom Inoue (Columbia), Dr. Sonia Rodridgues (Messico), il dottor Kang Kook Hee (Corea del Sud e organizzatore della prossima conferenza mondiale), Dr John Wynhausen (USA), il dottor Lutz Riedel (Germania), il dottor Carmen de la Concepcion (Cuba), il dottor Ryosuke (Giappone), per citarne solo alcuni, si sono riuniti a fornire prove del loro lavoro clinico con i pazienti, e per aiutare le persone sofferenti a capire che l’urina non è un rifiuto tossico, ma un ampio spettro di agenti di guarigione, insuperabile da qualsiasi altro farmaco.

Conferme:
L’urina è una medicina miracolosa

E ‘stato scientificamente confermato che l’urina, ingerita o esternamente applicata, combatte infezioni, allergie e malattie della pelle. La terapia dell’auto-urina (AUT) incrementa la forza del sistema immunitario e promuove la guarigione di malattie che sono considerate incurabili.

Cancro – AIDS – TB
Il cancro, uno dei principali killer con lunghi periodi di sofferenza, è sulla “lista beneficio” di AUT, con molti casi segnalati e studi scientifici, c
ome anche lo è l’AIDS, la malattia dei tempi moderni, con nessuna cura. Ci sono troppi casi di successo del trattamento per essere ignorati, soprattutto in Africa. La tubercolosi, una malattia che è stata trattata con successo una volta con gli antibiotici,  ora a causa di un uso eccessivo degli stessi ha sviluppato ceppi resistenti, ed è per questo ancora una malattia mortale con circa 3 milioni di persone muoiono ogni anno. E’ stata trattata con successo con l’urinoterapia.

Malattie croniche
Se si pensa ai tanti casi di malattie croniche, tra cui le allergie, ci si chiede perché la gente vada dal medico ogni settimana, consumando grosse quantità di farmaci e poi soffrendo gli effetti collaterali negativi prima o poi. Credono nei farmaci chimici e costosi. Credono anche che l’urina è un rifiuto tossico. La Conferenza Mondiale ha dimostrato ancora una volta che l’urina è la migliore medicina a tutto tondo. Nei nostri tempi di “educazione di massa” ci si chiede se la gente diventerà interessata nel metodo più semplice, gratuito e allo stesso tempo, la medicina più efficace.

IL MECCANISMO DELL’URINOTERAPIA SECONDO IL DOTTOR RYOIOCHI NAKAO
Dr Nakao è stato il primo medico ad alzarsi e ad esprimere i suoi studi clinici sulla meccanica della terapia di urine, dedicando il suo tempo per la comprensione del suo effettivo funzionamento. Ha ricevuto un premio Nobel per il suo impegno nel dimostrare il potere di questa terapia.

Dr Ryoichi Nakao MD spiega le sue opinioni sul meccanismo dell’auto-urina terapia come segue:

“Prima di tutto, per esaminare questo meccanismo, bisogna considerare che l’efficacia dell’urinoterapia  non dimostra di essere una medicina. L’urina invece è una fonte di informazioni sulla malattia nel corpo o, in altre parole, si tratta di una copia dei cambiamenti che si verificano nel corpo.

A causa dei seguenti motivi, ritengo che quando queste informazioni contenute nell’urina passano attraverso la gola tutto questo viene analizzato dai sensori nella gola, e che il sistema immunitario umano può quindi essere attivato per curare la malattia. Vale a dire, i segnali sono dati dal cervello che può attivare le funzioni necessarie per curare la malattia.

  1. Gli esperimenti sono stati condotti e si è riscontrato che quando l’urina è stata introdotta nello stomaco utilizzando un catetere, bypassando la gola per un periodo di un mese, nessuna efficacia è stata osservata.
  2. Il fatto che il cancro si verifica in vescica, tratto urinario e reni dimostra che la presenza di urina all’interno del corpo non ha alcun effetto diretto sulle cellule cancerogene. Ma quando la stessa urina viene assunto per via orale e passa attraverso la gola, una diminuzione della crescita delle cellule cancerogene o scomparsa del tumore è stata osservata in pazienti affetti da cancro.
  3. Anche se l’urina non viene ingerita ma usata solo come gargarismi, gli effetti sono risultati essere gli stessi  di quando era ingerita.
  4. Se gargarismi con acqua sono stati fatti subito dopo l’ingestione di urina è stata osservata nessuna efficacia della terapia.
  5. L’interferone, una delle molte sostanze bioattive presenti nelle urine, presenta una situazione analoga a quella della auto-urina terapia, cioè che solo una quantità minuta assunta per via orale è necessaria per fornire al cervello le informazioni necessarie per curare il corpo. Negli studi clinici, solo 100 UI o 1/100.000 di milione di unità internazionali di interferone somministrato per via orale ha avuto gli stessi effetti di 10 milioni di unità somministrate da iniezioni. (Hayashibara Biochemical Labs., Inc. Okayama, in Giappone e il dottor Cummins di Amarillo Cell Culture, Amarillo Texas).

A causa di quanto precede, si può presumere che le cellule sensori che possono percepire i cambiamenti estremamente minimi del corpo, potevano controllarli se stimolati dalle giuste informazioni trasportate dell’urina. Il dottor Ryoichi Nakao afferma che tali cellule-sensori si trovano nella cavità orale e della gola.

La teoria del dottor Nakao per la stimolazione della produzione di citochine spiega inoltre che l’urina è la fonte di informazione specifica per una malattia in corso. Quando è inserita nella gola, le cellule sensori rilevano queste informazioni, e le trasmettono  al cervello. A sua volta, il cervello attiva la ghiandola produzione di citochine che regola il sistema immunitario. Dal cervello, l’interleuchina X, insieme con altri enzimi e le citochine provocano il recupero dalla malattia. La propoli, una sostanza resinosa che le api raccolgono dalle gemme e dalla corteccia delle piante è conosciuta fin dai tempi antichi per avere effetti anti-batterici e anti-tumoriali. L’urina mescolata con la propoli, aumenta la sua efficacia contro il cancro, l’epatite e altre malattie secondo la ricerca fatta in Giappone. (Dr Ryoichi Nakao).

I fattori che regolano il sistema immunitario sono stati originariamente conosciuti come una sostranza chiamata interleuchina (IL). Successivamente, le interleuchine, fattori stimolanti, l’interferone e altre sostanze simili erano generalmente chiamate citochine poiché sono secreti dalle cellule, e influenzano le altre cellule in un modo o nell’altro. (Dr Ryoichi Nakao).

RICERCA SCIENTIFICA SULLA TERAPIA CON L’URINA DEGLI ANIMALI ERBIVORI
Gli scienziati provenienti da tutti gli angoli del mondo hanno presentato i loro risultati con le applicazioni delle urine, anche con l’uso dell’urina di animali contro malattie delle piante, animali e malattie umane.
Per esempio il docente Prof. Mohamed O’Hay dal Sudan ha parlato degli usi medicinali delle urine di cammelli, capre e dell’urina umana per alcuni tipi di batteri e virus L’efficacia variava tra le urine dell’esemplare  maschio o femmina della stessa specie.

Le urine di animali erbivori sono particolarmente e terapeuticamente raccomantadate agli umani con una dieta onnivora, in quanto troppo impura.

PERSONAGGI PUBBLICI
Ecco acuni personaggi pubblici che curiosamente hanno praticato l’urinoterapia:

  • Pochi sono quelli che sanno che Mahatma Gandhi era un fautore e praticante dell’urinoterapia.
  • Morarji Desai , quinto primo ministro dell’India, e un sostenitore della urinoterapia Nel 1978, il primo ministro dell’India , Morarji Desai, un veterano dell’urinoterapia, ha parlato con Dan Rather per 60 minuti su questo argomento. Desai affermò che l’urinoterapia è la soluzione medica perfetta per i milioni di indiani che non possono permettersi le cure mediche.
  • L’attrice inglese Sarah Miles ha bevuto la propria urina per oltre trent’anni, sostendo con convinzione che immunizza contro le allergie  tra gli altri benefici per la salute.
  • Moisés Alou, ex Major League Baseball, giocatore si urinava sulle mani per alleviare calli, sostenendo che ciò gli permetteva di battere senza l’utilizzo di guanti ovatta.
  • Madonna ha spiegato al David Letterman talk Show che urinando su i suoi stessi piedi, cura il suo piede d’atleta.
  • Il combattente di arti marziali Lyoto Machida ha rivelato in un’intervista che beve la propria urina. Suo padre, Yoshizo Machida, ha ammesso ha invitato Lyoto nel cominciare questa terapia per liberarsi di una tosse che era cronica.
  • Il  boxer Juan Manuel Márquez ha bevuto la propria urina nel corso di una sessione di allenamento ripresa televisivamente per la serie della HBO 24/7; egli ha rivelato che credeva che la pratica era stata di grande beneficio nutrizionale, favorendo i suoi allenamenti intensivi.
  • L’autore JD Salinger è stato un praticante.

CONCLUSIONI
Tenendo conto che questo rimedio si basa su tradizioni millenarie in tutto il mondo e che non costa assolutamente nulla, vale certamente la pena di sperimentarne e verificarne l’efficacia.

Quindi possiamo concludere che: URINE THERAPY IS A NATURAL AND NICE REMEDY 🙂 VITAMINE B12 E K2 ASSICURATE, e molto, molto altro ancora!!!

 

IL CIBO PREFERITO DAL GORILLA PIÙ LONGEVO DEL MONDO SONO I POMODORI!!!

L CIBO PREFERITO DAL GORILLA PIÙ LONGEVO DEL MONDO SONO I POMODORI!!!

A cura di Marco Giai-Levra

Incredibile ma vero!!! Il gorilla più longevo del mondo, nato in cattività e residente nello zoo di Columbus (Ohio, USA), ama il frutto-ortaggio solenacea coltivato dall’uomo, e lo preferisce a qualsiasi altro cibo. La grande scimmia è un esemplare femmina e si chiama Colo.

Colo, nata il 22 dicembre 1956, ha festeggiato il suo 58° compleanno nel 2014. Al momento ha superato in longevità l’esemplare chiamato Jennifer che era nata in natura. Naturalmente questa considerazione si basa solo sul limitato numero di gorilla naturali presi in esame.

Secondo lo yogi Yogananda il pomodoro conferisce forza mentale, determinazione e alimenta il cervello, accentuando il suo effetto grazie al colore rosso che immette nel corpo l’elemento Fuoco (Azione), e soddisfacendo il palato grazie all’alto contenuto di glutammato di sodio naturale, che provoca le sensazioni derivanti dalla soddisfazione del gusto fondamentale chiamato Umami (il saporito o lo squisito, in giapponese). Sulla lingua ci sono dei recettori appositi per il gusto Umami. Naturalmente questo è salutare fino a che si trae da fonti assolutamente naturali e non trasformate.

gorilla pomodoro colo longevità solenacee

Colo, il primo gorilla nato in uno zoo, ha festeggiato il suo 56 ° compleanno il 22 dicembre 2012, con suo cibo preferito, i pomodori

Il glutammato di sodio chimico aggiunto a tutti i prodotti commerciali per renderli una potente droga è da considerarsi altamente dannoso. A causa di questo composto il cosiddetto “cibo spazzatura” assume un sapore “libidinoso” che cattura la mente umana e la fa vibrare a basse frequenze, accecandola soprattutto spiritualmente.

Ritornando al topic è interessante notare con una grande scimmia antropomorfa, avendone la scelta, preferisca un frutto tra gli ortaggi come il pomodoro rosso maturo. Che abbia immesso nell’animale una Coscienza psichica più virtuosa?

Sappiamo dai Veda che gli alimenti Satvici (virtuosi, frutta, alimenti freschi, succosi, vegetali, nutrienti, dolci) rendono felici e allungano la durata della vita.

Ironia della sorte, nelle foto che ritraggono Colo nel suo 56° compleanno nel 2012 sebra che ella sorrida. Per la longevità, è notevole la sua età, visto che si crede che l’età media dei gorilla si aggiri intorno ai 37 anni.

colo gorilla longevo longevità pomodoro solenacee

Colo, una femmina di gorilla di pianura occidentale, è il gorilla più longevo di qualsiasi zoo e del mondo tra quelli conosciuti

Quindi trattiamo con rispetto e non sottovalutiamo un frutto come il pomodoro, che a volte viene visto dai neo fruttariani come un frutto di serie B. Ma spesso questa omissione determina poi l’impossibilità di perseguire la via di questo regime alimentare.

Alla faccia della dieta macrobiotica che vorrebbe che si eliminassero tutte le solenacee, quando poi mangiano cibi non commestibili allo stato naturale e senza cottura, come legumi, cereali, farine, ecc. Ecco la dimostrazione di quanto di sbagliano!

Nota aggiuntiva in difesa dei pomodori

Spesso si legge che i pomodori sono tossici, che contengono nicotina, che creano dipendenza, ecc. … e anche molto peggio anche se si ascoltano le teorie macrobiotiche, teorie che vengono annientate se osservate dal punto di vista crudista e fruttariano.
In realta solo il fusto e le foglie sono tossiche e le eventuali parti verdi. Solo nelle parti verdi del frutto c’è un’alta percentuale di solanina, la quale abbassa la sua concentrazione fino a tendere a zero nel momento in cui il frutto matura e diventa completamente rosso. I pomodori maturi crudi non sono affatto tossici e la quantità di nicotina (niacina o acido nicotico) è abbastanza irrilevante.  A questo proposito riporto le seguenti importanti affermazioni tratte dal libro “La chimica degli alimenti” di Cabras Paolo e Martelli Aldo:

 “Il contenuto di nicotina di una sigaretta è di 8-9 mg e la quantità assorbita è di circa 1 mg. Fonti alimentari di nicotina sono melanzane, pomodori, patate e the e 1 mg di nicotina è contenuto in 10 Kg di melanzane e 20 Kg di pomodori”.

Quindi a quanto pare per assorbire la stessa quantità di nicotina di una sigaretta bisogna mangiare 20 Kg di pomodori! 🙂

A me i pomodori creano dipendenza … ma solo perchè sono troppo buoni!! 😀

colo ohio gorilla longevità pomodoro solenacee

Più di 50 anni fa: Colo, allo zoo di Columbus, Ohio, è stato il primo gorilla a sopravvivere nascendo in cattività

colo gorilla test intelligenza attitudinale psicologico pomodoro longevità

Il cucciolo Colo viene sottoposto a un test psicologico e attitudinale

Colo bagno lavato gorilla longevità pomodoro solenacee primate primato

Il cucciolo Colo viene lavato.

Srila Prabhupada ha detto che la dieta crudista “raw-food” è la migliore per la Coscienza di Krishna e per la Spiritualità

Nanda Kumar das – Memories of Srila Prabhupada

Prabhubada incoraggia una dieta crudista “raw-food”

[Quando mi sono trasferito nel tempio, ho mangiato tutto il Prasada (cibo vegetariano offerto a Dio, che acquisisce una qualità spirituale e trascendentale, N.d.T.) che era servito. Poi sono diventato il cuoco di Prabhupada, così ho avuto una cucina, e ho potuto preparare quello che volevo. Provenivo da un background di crudismo alimentare (raw-food) tipico del Sud California, e ho iniziato a mangiare insalate, frutta e cibi semplici ma volevo essere sicuro di non essere in contrasto con ciò che Prabhupada voleva.

Un giorno ho deciso di chiedere a lui cosa ne pensasse di una dieta cruda invece di prendere il normale Prasadam. Egli disse: “A dire il vero, una dieta raw è la dieta migliore per la coscienza di Krishna. E ‘semplice. Mantiene il corpo sano e leggero. Noi non la prescriviamo alle masse perché la maggior parte delle persone non sono in grado di seguirla, e non vogliamo che siano distratte dalla Coscienza di Krishna. Ma se tu sei in grado di seguirla, questa è la dieta migliore per la Coscienza di Krishna.]
Nanda Kumar Das – ricordando Srila Prabhupada

Srila Prabhupada

Srila Prabhupada


Prabhupada incoraggia la pratica dell’Hatha Yoga

[Inoltre, una delle cose alle quali ho dovuto rinunciare quando mi sono trasferito al tempio era l’hatha-yoga. Tutti mi hanno detto che hatha-yoga è incluso nel bhakti-yoga e non c’è quindi bisogno di farlo; Bastava solo ballare nel kirtan. Io sono stato testardo per un po ‘, ma quando mi sono trasferito nel tempio, non c’era effettivamente tempo e posto per farlo.

Poi, quando ho avuto modo di stare con Prabhupada, ho iniziato a praticarlo di nuovo. Nella metà mattina, prima di cucinare per lui, sono andato nel cortile del tempio e ho effettuato alcune yoga-asana, ma volevo assicurarmi che fosse giusto farlo. Dopo averlo fatto fatto per due o tre giorni avevo piena intenzione di chiedere Prabhupada la sua opinione, ma quando gli ho portato il piatto con il pranzo, lui mi ha detto: “Vedo che stai facendo esercizi di yoga in cortile.” Ho detto: “Sì, signore. Stavo per chiederti la tua opinione a riguardo. Gli altri devoti mi hanno detto che non buono, e che non fa parte del nostro processo”. “In realtà,” Prabhupada ha risposto, “Questi esercizi sono molto buoni per la salute. Non vogliamo che le persone si distraggano (dalla Coscienza di Krishna, N.d.T.), così noi non lo prescriviamo. Ma per te, è molto buono e io ti incoraggio a farlo”.

Poco tempo dopo, stavamo facendo una passeggiata in un parco a San Diego quando qualcuno stava facendo una verticale in lontananza. Prabhupada guardò e disse: “Oh, questo è Sirshasana? Questo è molto buono per la salute. Ci sono così tanti di questo tipo di esercizi come Sirshasana, Yogasana, Padmasana, che sono molto buoni per la salute”. Con un po’ di sarcasmo verso lo yoga, un confratello anziano chiese: “Allora, dovremmo farlo tutti i giorni, Prabhupada?”, ma Prabhupada non gli rispose, continuando a camminare. Quando eravamo finalmente tornati alla macchina, Prabhupada si voltò e disse: “Non è necessario”. Mi sono ricordato quello che Prabhupada mi aveva detto e mi sono reso conto che Prabhupada rispondeva lo stato d’animo della domanda. Il vero concetto che esprimeva è che tutto ciò che è buono per la tua Coscienza di Krishna, fallo. Tutto ciò che non è buono, smettilo.]
Nanda Kumar Das – ricordando Srila Prabhupada


DEFINIZIONI

Dieta Raw o dieta Raw Food- Dieta crudista, la quale si avvale solo di frutta e vegetali commestibili così come sono, allo stato crudo o naturale, senza nessuna manipolazione o trasformazione chimica.
Prasadam / Prasad misericordia”, prodotti alimentari vegetariani e altri oggetti che sono santificati e sono offerti prima offerta al Signore Krishna per il suo piacere
Kirtan il canto dei nomi e glorie del Signore
Hathayoga un sistema di esercizi fisici per aiutare a controllare i sensi
Bhaktiyoga la scienza della devozione amorevole verso l’Essere Supremo

Memories: Anecdotes of a Modern-day Saint (Volume 2, Tape 22, pg. 217-218)

Ricordi di Srila Prabhupada – das Nanda Kumar
Copyright © 2002 Monsoon media
Tutti i diritti riservati

Trascrizioni di video interviste condotte e compilati da Siddhanta Das.
Traduzione di Marco Giai-Levra, 2015.

Per ordinare i volumi di Memorie: Anecdotes of a Modern-Day Saint or Memories: The Video Series,, si prega di contattare:
http://prabhupadamemories.com/

Ushnodaka Therapy, l’acqua ayurvedica: il segreto del bere acqua calda o precedentemente bollita, provvidenziale anche per crudisti e fruttariani!!!

Un prezioso segreto Ayurvedico di perfetta salute, bellezza e equilibrio: Ushnodaka Therapy, cioè la regolare abitudine di bere acqua calda o tiepida per tutta la giornata. Rafforza la digestione, allevia il bruciore di stomaco, favorisce la perdita di peso, facilita la decostipazione dovuta a raffreddore, tosse, febbre, e disintossica il corpo.

Immette l’elemento Fuoco-Agni nel corpo, se assunta calda, tiepida o raffreddata in seguito, matenendo questa qualità (l’intelligenza sottile del Fuoco) per una giornata. La maggior parte dei problemi o malattie sono causati da costipazione da muco e tossine, dovuti alla natura di cibi innaturali, oppure al cibo non-digerito. Quindi anche il cibo sano, se non digerito, intossica l’organismo.

Questa intelligenza dell’Essere Celeste (Deva, essere dei cieli o Luminoso) del Fuoco (Agni) rimane nell’acqua fino al calare delle tenebre, anche se viene fatta raffreddare in seguito. Di notte gradualmente il Deva del Fuoco abbandona il fluido e l’acqua torna alla sua normale Natura raffreddante. Per immettere Agni bisogna far bollire l’acqua senza nessun coperchio per almeno 20 minuti, provocando una diminuzione di volume per evaporazione. Potra essere assunta calda, tiepida o fatta raffreddare.

acqua calda

Il fattore che fa  la differenza in forza, vitalità e energia, è la potenza del Fuoco gastrico (o forza digestiva) che ognuno ha in una certa misura , secondo il suo tipo di metabolismo ayurvedico. Quando questo Fuoco diminuisce, il corpo si indebolisce e si ammala.

Se vivessimo in un clima e luoghi naturali, cioè con clima tropicale come se fossimo in un paradiso dell’Eden, allora tutto il giorno il caro Sole (“l’agente di di cottura Supremo”) immetterebbe il Fuoco nel nostro corpo, aumentandone la forza digestiva e quindi l’energia, nonchè l’assorbimento dei nutrienti.

Chi non vive in un luogo tropicale invece, e segue una dieta crudista o fruttariana può accusare col tempo dei problemi e indebolimenti o infezioni, a causa della diminuzione di tale Fuoco, o del suo semi-spegnimento. Possiamo però sanare questa situazione semplicemente ingerendo acqua calda o bollita in precedenza.

Più forte è il Fuoco digestivo, più forte è la resistenza mentale e fisica, e quindi il sistema immunitario, e più brillante diventa il bagliore della pelle.

L’Ayurveda consiglia di bere la vostra acqua calda: i cibi freddi e liquidi possono indebolire il fuoco digestivo (Agni). L’ acqua fredda rallenta il processo digestivo, diluendo i succhi gastrici, in modo che non possano fare il loro lavoro nel modo più efficace, richiedendo così troppa energia per la digestione, utilizzata per portare la temperatura del liquido risultante nello stomaco alla temperatura corporea interna (fino a 1-1,5° in più di quella esterna, cioè  arriva intorno ai 38°).

Il risultato è il cibo parzialmente o non-digerito che si muove attraverso il sistema digestivo, e che può non essere eliminato correttamente. Ci si può anche sentire pesante, stanco e gonfio. L’eliminazione adeguata è importante per evitare l’accumulo di materiale di scarto nell’intestino, perché tale accumulo crea tossine e blocca l’assimilazione dei nutrienti da parte del corpo.

Deepanam paachanam kantyam laghushnam basthi shodhanam ||
Hidmaadmaanaanilashleshmasadyahashuddhinavajware |
Kaasaampinasashwaasapaarshwarukshu cha shasyate |

L’acqua calda stimola la fame, fortifica e prepara per una buona digestione, allevia mal di gola, purifica la vescica, riduce il singhiozzo, equilibria vata e kapha. Facilita i sintomi di raffreddore, tosse, febbre e dispnea (respirazione difficoltosa). Rimuove le vampate di freddo e “Ama”(le scorie e le tossine metaboliche del corpo).  E’ un vero e proprio drenaggio linfatico.

Attenzione: se affetti da reflussi gastrici, iperacidità, infiammazioni, gotta, Pitta in eccesso o febbri non si deve bere acqua molto calda. In tali casi, bollita e raffreddata l’acqua è migliore.

Come funziona
La proprietà `”Dipana” (quelle erbe e quelle preparazioni a base di erbe che stimolano il fuoco digestivo) di acqua calda provoca l’espansione degli strotas (microcanali) che trasportano i succhi digestivi, aumentando così il loro flusso, con la conseguente corretta digestione del cibo.

L’acqua bollente o bollita, cambia la sua natura: la rende più leggera e aumenta la sua potenza (virya), riducendo il raffreddamento (sheeta), provocando il riscaldamento (Ushna). Bollendo l’acqua potabile per cinque minuti l’intelligenza del elemento del fuoco viene incorporata, espandendo le proprietà dell’acqua. Questa purificazione sui livelli sottili e grossolani (sukshma), permette di pulire i canali e penetrare i livelli più profondi della fisiologia idratando i tessuti. Quindi, diventa più facile per il corpo a eliminare le tossine e le impurità.

I testi antichi affermano la differenza nel tasso di assorbimento di acqua normale e acqua bollita:
• acqua normale – impiega circa 6 ore se ogni canale è libero
• acqua bollita e raffreddata – impiega circa 3 ore per essere assorbita, e aiuta ad aprire i canali
• acqua calda speziata – impiega circa 1 ora e mezza, grazie all’incremento del Fuoco Agni, provocato da erbe e spezie riscaldanti o piccanti-pungenti.

Quantità e frequenza
Ayurveda raccomanda di sorseggiare acqua potabile calda con un contenuto minerale moderato. Quanta acqua si deve bere dipende dalla vostra età, la quantità di lavoro fisico o esercizio che fate, il tempo, la vostra dieta, i livelli di stress, gli integratori alimentari a base di erbe, e il vostro tipo di corpo. I tipi di metabolismo Pitta sono caldi e di solito più assetati rispetto ai tipi Kapha. i tipi di Vata sono spesso stitici o hanno la pelle secca e, quindi, hanno bisogno di bere più acqua. Bere da sei a otto grandi bicchieri di acqua bollita al giorno è una terapia profonda per idratare la pelle e il corpo e mantenere le tossine sotto controllo. La frequenza piuttosto che la quantità è importante qui.

Durante i pasti
Si tratta di una regola digestione ayurvedico che bere l’acqua fredda durante e dopo un pasto non è cosa buona per il corpo. L’acqua ai pasti può essere temperatura ambiente o caldo, ma non deve mai essere ghiacciata o a una temperatura inferione a quella corporea, altrimenti si va a spegnere il fuoco digestivo. Quarantacinque minuti dopo il pasto, si può bere molta acqua, secondo il bisogno del corpo per la digestione. L’acqua può essere sorseggiata durante e dopo i pasti.

Come bollire
Fate bollire una quantità sufficiente di acqua di rubinetto meglio se senza cloro o l’acqua minerale in una pentola aperta, per almeno dieci minuti.
Conservare l’acqua in un thermos e prendere qualche sorso (o più, se si ha sete) ogni mezz’ora per tutta la giornata. Per aumentare l’effetto positivo è possibile aggiungere 1-2 fettine di zenzero fresco (o un pizzico di zenzero in polvere) per l’acqua quando la bollitura. Una volta fatto questo si ha “ushnodaka”, o ac:qua calda (bollita). Non avrete bisogno di ri-riscaldare l’acqua si raffredda: la sua natura è ora “calda”.

Ayurveda prescrive tre diverse temperature per acqua potabile bollita, a seconda del tipo di corpo:
• Kapha può sorseggiare l’acqua calda. Questo riduce l’accumulo tossico kapha a cui la pelle è soggetta.
• I tipi Pitta dovrebbero raffreddare l’acqua bollita a temperatura corporea e bere con o dopo i pasti. I tipi Pitta devono stare attenti ad evitare le temperature calde.  Questa raccomandazione viene meno se la dieta è crudista o fruttariana, in quanto il metabolismo è “vatizzato” o raffreddato.
• I tipi Vata possono bere l’acqua calda, evitando di assumerla fredda. Il loro freddo interno, secca la pelle, che ha bisogno di acqua calda a per l’idratazione, per depurare i canali e bruciare Ama (scorie e tossine).

L’acqua bollita può essere utilizzata per tutto il giorno, ma non dovrebbe essere conservata durante la notte, in quanto le sue proprietà terapeutiche scadono.

Acqua fresca
Ayurveda spiega anche le proprietà dell’acqua fredda come segue:

“Sheetam madaatyayaglaanimoorchaachardishramabhramaan || Trushnadaahapittasravishanyambu niyacchati ||”

L’acqua fredda riduce l’intossicazione da alcol. Allevia stanchezza, vertigini, sensazione di vomito e disseta. Allevia i sintomi di eccesso di pitta, rakta(infiammazioni per eccesso di Fuoco) e intossicazione da veleno.

Acqua potabile
L’acqua che non è dannosa per la salute e ha tutte le qualità utili per essere assunta è definita acqua potabile. L’acqua potabile dovrebbe essere priva di metalli pesanti, particelle sospese e agenti patogeni come i batteri.

L’Ayurveda raccomanda l’acqua piovana pura, che è priva di impurità, microbi. Questa è chiamata come “Gangambu”. Tale acqua piovana è sana, rinfrescante, raffredda il corpo, aumenta la vigilanza e sazia papille gustative. Le proprietà di Gangabu pura o acqua piovana sono narrate come segue.

“Jeevanam tarpanam hridyam hlaadi buddhiprabhodhanam |

Tanvavyaktarasam mrushtam sheetam laghvamrutopamam || “

Nello scenario attuale ambientale cieli inquinati, venti polverosi, prodotti chimici vomitati dalle industrie causano piogge acide. Non è consigliabile bere tale acqua piovana. Anche in ayurveda è stato spiegato che l’acqua piovana deve essere utilizzata dopo aver analizzato sua purezza.

L’acqua contaminata con fango, erbacce, alghe e microbi viene definita “Dushtajala” in ayurveda., e non deve essere utilizzata per nessuno scopo, poichè è dannosa per gli esseri viventi.

Alcune precauzioni, secondo l’opinione del medico ayurvedico dottor Bhate:

  • Quando si vuole bere, preparare una acqua fresca bollita.
  • Non conservarla. L’acqua conservata sviluppa sostanze acide.
    Il thermos
    può essere utilizzato per affrontare questo problema.
  • Far bollire l’acqua a fuoco basso, e quando comincia l’ebollizione, l’acqua è ritenuta trasformata in Ushnodaka e in più leggera quando il suo volume diventa il 50% dell’originale. Queste indicazioni sono utili per di eccesi di Vata e Pitta.
  • Quando rimane il 75%, tale acqua è utile solo per sintomi Vata.
  • Quando il 75% è bollito e rimane il 25% , l’acqua Ushnodaka si prende cura di tutti e tre i dosha.

Grazie a Agni (Fuoco) catturato nell’acqua bollita, tutte le acque bollite sono più facili da digerire di quelle non bollite. Si può fare in fretta e facilmente una soluzione digestiva con l’aggiunta di spezie varie.

Il termine Ushnodaka può significare che la quantità di acqua che si ottiene facendola bollire è ridotta a 1/8, 1/4 o 1/2 del suo volume iniziale; a volte si utilizza anche solo per indicare l’acqua sufficientemente bollita.

La discussione sull’acqua Ushnodaka non può essere completa senza accennare appena alla possibilità di bollirla con pezzi di metallo purissimi come il rame, l’argento, l’oro per fare un ‘Dhatu-pushti Jal’ (purificare, rigenerare e integrare i tessuti con preparazioni di microelementi) immetendo le proprietà microelementali nell’acqua conservata in pentole di terracotta.

Peperoncino di Caienna “the Wonder Spice” : la “Spezia Meraviglia”!!!

Questo è un incredibile frutto-spezia dal valore medicinale e terapeutico immensurabile: sto parlando del peperoncino di Caienna, questo frutto-medicina donatoci da Dio e dalla Natura per risolvere una moltitudine di problemi. Riportiamo gli studi e le esperienze del famoso erborista John Christopher.

Caienna

Caienna

John Raymond Christopher (1909-1983) era un erborista americano, spesso chiamato “il dottor Christopher”. Egli è conosciuto per le sue numerose pubblicazioni sulle erbe e sulla guarigione naturale, tra cui “Scuola di guarigione naturale”. E’ anche noto per lo sviluppo di più di 50 formule di erbe che vengono utilizzate in tutto il mondo, nonchè fondandatore della scuola di guarigione naturale a Springville, nello Utah . Fu accolto come erborista americano più eminente in un sondaggio nazionale condotto dalla Utah Survey Associates.

Vediamo le informazione che il dottor Christopherci riporta sul peperoncino di Caienna.

La saggezza e l’esperienza del Dr. John Christopher saranno l’oggetto della nostra trattazione in questo articolo. Il Dr. Christopher era un Maestro Erborista e Naturopata di grande fama in America, noto anche all’estero. Dai suoi insegnamenti hanno imparato così tanti, e la sua influenza è stata così grande, che la maggior parte sono concordi nel ritenerlo fra i maggiori promotori di guarigione naturale della seconda metà del 20° secolo.

I seguenti estratti dai suoi articoli sono riprodotti con il permesso scritto dell’editore, Christopher Publications, PO Box 412, Springville, UT 84663 1-800-372-8255.

CAIENNA

  1. ATTACCHI CARDIACI: “in 35 anni di pratica, lavorando con la gente e insegnando naturopatia, non ho mai perso un paziente che mi ha chiamato per un attacco di cuore, e la ragione risiede nel fatto che, ogni volta che vengo chiamato -se il paziente è vivo e respira- io gli faccio bere una tazza di tè di peperoncino di Caienna (un cucchiaino di pepe di Caienna in una tazza di acqua calda, e in pochi minuti chiunque è in grado di rimettersi in piedi e di rivitalizzarsi). Questo è uno degli aiuti più veloci ed efficaci che potremmo mai dare al cuore, perché lo alimenta immediatamente. La maggior parte dei cuori soffrono di malnutrizione a causa degli alimenti trasformati che mangiamo, ma in questo caso si ottiene una buona dose potente di cibo vero. Questo è qualcosa di bello che tutti dovrebbero sapere e conoscere, perché un attacco di cuore può venire ai vostri amici o alle persone care in qualsiasi momento, nonchè a voi stessi. Il tè caldo lavora più velocemente di compresse, capsule e tè freddo, perché il tè caldo apre la struttura cellulare: fa espandere e accettare il caienna molto più velocemente, e va direttamente al cuore, attraverso il sistema arterioso, portando i suoi potenti nutrienti”. [Dr. Christopher¹s Newsletter 1-12]
  2. STERILIZZARE E FERMARE UN’EMORRAGGIA: I vecchi erboristi sostengono che pepe di Caienna (Capsicum o peperoncino) dovrebbe essere versato direttamente in una nuova ferita, per sterilizzare e fermare l’emorragia. [Herbal Home Helath Care P.61]
  3. CRAMPI MESTRUALI: Se una giovane donna ha problemi mestruali, può prendere in considerazione anche che i suoi organi femminili potrebbero non essere in buone condizioni. Anche se dovrebbe essere inutile dirlo, dovremmo evitare farmaci e medicinali nella gestione dei crampi mestruali. Al fine di trattarne i sintomi, alcune persone preferiscono il tè rosso al lampone, il tè alla menta, la camomilla, o il tè di erba gatta. Si può prendere una capsula di caienna con uno qualsiasi di questi rimedi caldi per aiutare gli organi interni. Se i crampi sono molto gravi, è possibile utilizzare l’unguento di Caienna esternamente sull’addome facendolo agire come un contro-irritante, ma bisogna assicurarsi di coprire l’applicazione con una garza, perchè può macchiare le cose sotto. [Every Woman’s Herbal p.13]
  4. TINTURA DI CAIENNA: guarisce le ferite, tagli e secrezioni di muco, buono per il mal di gola e la tonsillite; Le soluzioni più lievi possono essere utilizzati nel naso, negli occhi e lnele orecchie per ripulire da batteri e infezioni a livello microscopico. È stato usato con successo per la rianimazione dei neonati: alcune gocce somministrati per via orale. Lo stimolante migliore e più sicuro che l’uomo conosca. [Dr. Christopher¹s Newsletter 3-2]
  5. UNGUENTO DI CAIENNA: E ‘ottimo per il collo rigido, dolori muscolari, mal di testa, dolore, rigidità articolare, artrite, ecc. Gli ingredienti dell’unguento sono: olio di oliva, Caienna, Olio di Wintergreen (Gaultheria procumbensEricacee), cristalli di menta puri distillati e cera d’api. [Herbal Home Health Care p.196]
Caienna

Caienna

DOSAGGI

  1. ARRESTARE UN’EMORRAGGIA: Una ferita, esterno o interno, arresta il sanguinamento se l’individuo beve una tazza di acqua (preferibilmente calda) con un cucchiaino di pepe di Caienna (peperoncino) mescolato in essa. L’emorragia si ferma in genere entro dieci secondi dopo aver bevuto il tè di Caienna. Il Caienna equalizza e normalizza la pressione sanguigna dalla parte superiore della testa, fino ai piedi. Ciò mantiene la pressione dalla zona dell’emorragia, così coagulerà naturalmente, impedendo picchi e fiotti di forte pressione sanguigna che pompano rapidamente il sangue nella zona sanguinnate. [Herbal Home Health Care p.61]
  2. EPISTASSI: un cucchiaino di pepe di Caienna in una tazza di acqua (calda preferita) adottate internamente fermerà la maggior parte delle epistassi rapidamente. In caso di emergenza possiamo contare sul peperoncino di Caienna. Come accennato un cucchiaino di Caienna bevuto in un bicchiere d’acqua calda fermerà sangue dal naso in quasi tutti i casi, prima che si riesca a contare fino a dieci. Questo non è un miracolo: è il principio del Caienna come stimolante cellulare: viaggiando attraverso l’intero flusso di sangue, regola la pressione in modo che il flusso sia la stesso nei piedi così come nella testa o in qualsiasi altra parte del corpo. Questo richiede una forte pressione lontano dalla zona sanguinante, consentendone così una rapida coagulazione. [Herbal Home Health Care p.110]
  3. UNGUENTO DI CAIENNA: come necessario per via topica.
    Ingredienti: Puro Caienna in polvere, olio di oliva, Caienna in polvere, Olio di Wintergreen, cristalli menta puri distillati e cera d’api.
  4. TINTUTRA DI CAIENNA: La tintura si compone di Caienna e alcol.[Spirit of Health Editor¹s note: See Herbal First Aid Salve and Muscle & Joint Repair Oil from Southern Botanicals. These contain the herbal ingredients of the Christopher salve. Herbal First Aid Salve has a beeswax base, and Muscle & Joint Repair Oil has an olive oil base and is stronger than the Salve.]

cayenne-pepper-and-chili-mill-wallpaper

TESTIMONIANZE

  1. OCCHI: Caienna è utilizzato anche per gli occhi, anche se potrebbe sembrare estremo -ma non lo è-. Il Dr. Christopher ha ricordato l’episodio in cui un suo allievo in piedi durante una conferenza ha posto un pizzico di peperoncino di Caienna in un occhio. Il Dr. Christopher era sicuro che lo studente avrebbe perso i sensi! Ma in pochi istanti l’occhio fermò la lacrimazione, e divenne chiaro, luminoso e sano. [Questo è il motivo per cui il dottor Christopher ha incluso il Caienna nella sua formula oculare con l’Eufrasia]. [Every Woman’s Herbal p.13]
  2. TAGLIO PROFONDO: una persona del nostro pubblico ha raccontato di come si era tagliata in profondità con uno strumento tagliente all’interno della sua mano, le dita e anche sul palmo. Il sangue schizzò fuori in modo torrenziale. Pose una grande quantità di peperoncino di Caienna sulla ferita, e in pochi secondi il flusso sanguigno venne rallentato coagulando il sangue, e l’emorragia venne fermata interamente entro pochi secondi. Con una buona dose di Caienna coprì la ferita, poi coprì e avvolse il tutto. Era così entusiasta dei rapidi risultati, che non vedeva l’ora di raccontarlo al nostro meeting sulle erbe. Ma, come ha raccontato, non è riuscita nell’intento, perché invece di una cicatrice lacera e brutta, per mostrare quanto duramente si era ferita, la zona era stata guarita completamente e non c’era nessuna cicatrice. [Dr. Christopher¹s Newsletter 1-12]
  3. ULCERE: Una signora aveva frequentato la nostra serie di conferenze a base di erbe per qualche tempo. Un giorno ci ha raccontato a proposito del grave caso di ulcera gastrica caso del marito. Il suggerimento del loro medico era quello di asportare una parte dello stomaco, ma lui aveva detto che avrebbe preferito soffrire il dolore, piuttosto che rischiare una simile operazione.Aveva anche rifiutato il suggerimento della moglie di provare il Caienna, ridicolizzando tutti gli studi effettuati su di esso. Incontrandomi in città, avrebbe urlato, “Ciao, Doc! Chi hai ucciso oggi con il Caienna?”. Divenne talmente antipatico, che lo evitavo quando potevo. Passarono i mesi e un giorno lo vidi per la strada, che caminava verso di me. Ho cercato di evitarlo, ma lui è riuscito ugualmente a raggiungermi. Questa volta ero rimasto stupito perché non c’erano osservazioni taglienti o sarcasmo. In realtà, egli si era scusato molto e aveva chiesto se poteva parlare con me per un minuto, e poi mi ha raccontato questa storia: lui era tornato a casa dal lavoro una sera, “abbastanza malato per morire”, con i sintomi della sua ulcera gastrica. Sua moglie non era in casa. Stava subendo un tale dolore che avrebbe voluto suicidarsi. Andò pertanto presso l’armadietto dei medicinali allo scopo di trovare un qualche tipo di farmaco velenoso e abbastanza mortale da ucciderlo. Ma aveva scoperto che la moglie aveva buttato via tutte le vecchie bottiglie di medicinali e farmaci. Tutto ciò che è stato lasciato nell’armadietto delle medicine erano alcune erbe e un grande contenitore di pepe di Caienna. Era così arrabbiato che, dopo aver visto il Caienna, aveva pensato che in una grossa dose lo avrebbe ucciso dal bruciore. Aveva così preso un cucchiaio colmo di Caienna in un bicchiere di acqua calda, deglutendolo e precipitandosi in camera da letto. Cadde sul letto e si coprì la testa con un cuscino in modo che i vicini non potessero sentire le sue urla “di morte”. La cosa successiva che si ricordava, era sua moglie che lo stava scuotendo per svegliarlo, la mattina seguente. Lei gli disse che aveva dormito per tutta la notte (invece di assumere ogni mezz’ora le tavolette antiacido come al solito). Con sua grande sorpresa aveva scoperto che il dolore era sparito, per la prima volta dopo mesi. Da allora ha continuato fedelmente con il Caienna tre volte al giorno, divenendone un grande sostenitore. [Dr. Christopher¹s Newsletter 1-12]
  4. PRESSIONE – Dr. Christopher, storia personale: avevo l’indurimento cronico delle arterie, tra i 20 e i 30 anni, al punto che era considerato dai medici molto grave. Nessuna compagnia di assicurazione in quel periodo mi avrebbe assicurato, nemmeno per $ 1.000. Questo può far capire in quale cattiva condizione tergiversavo. Ero molto preoccupato, e ho iniziato a usare il peperoncino di Caienna. Ho assunto fino a un cucchiaino tre volte al giorno, continuando, da quando avevo trentacinque anni in avanti: lo sto ancora usando. E ‘stato fantastico! Con il tempo arrivai ai 45 anni di età, dieci anni dopo che avevo iniziato a utilizzare il Caienna, un gruppo assicurativo ha accettato di assicurarmi per $ 100.000, una sorta di assicurazione sulla vita. Sono andato per sottopormi all’esame da parte dei medici periti. Essendo una grande compagnia di assicurazione essa ha richiesto due medici, per ogni persona inviava due medici in diversi momenti (4 visite in totale). Attraverso gli esami un medico mi ha detto, “Beh, questo è sorprendente. Vedo che a sua età anagrafica è di 45 anni, ma la sua struttura venosa è quella di un adolescente”. Egli aggiunse: “Questo è eccellente”, e mi ha dato un certificato di buona salute. Sono andato così dall’altro dottore e nel suo secondo esame egli ha effettuato il test di pressione del sangue sul mio braccio. Ha pompato con il suo equipaggiamento cinque volte diverse, tanto che il mio braccio si stava irritando, e mi è il medico era sempre un po’ turbato, al che ho chiesto, “Qual è il problema, non funzionano le tue attrezzature?” “Oh sì, hanno sempre funzionato fino ad ora, ma io continuo a guardare il grafico che dice i valori pressori che dovrebbe avere uno di 45 anni di età, ma le pressioni sistolica e diastolica sono assolutamente perfette. Non riesco a capirlo.” Ho detto quindi, “Questo è giusto. E ‘perfetto.” E anche lui mi ha dato un certificato di buona salute. Così ho superato gli esami di buona salute a 45 anni di età per ottenere un’assicurazione di $ 100.000 con dei buoni valori di pressione arteriosa, grazie al pepe di Caienna (ca 1954).Prima mi era stato detto dai medici, che a causa della mia artrite, dell’indurimento delle arterie, delle ulcere dello stomaco e di alcuni incidenti che mi avevano ridotto abbastanza male, non avrei mai potuto vivere oltre il mio 40 ° anno di età. Eppure, a 45 anni la mia salute mi è stata considerata in buone condizioni. Questo, per me, è stato uno dei più grandi punti a favore del peperoncino di Caienna. Se ha potuto aiutare me, allora sarà in grado di aiutare chiunque. L’ho visto usato così tante volte nel corso degli anni con tale successo, che sento che è una delle nostre grandi erbe. [Dr. Christopher¹s Newsletter 1-12]

Formule Caienna disponibili includono:

CAYENNE CONCENTRATO – 250.000 unità di calore di peperoni Habanero biologica, Africa Bird Pepper, peperoni cinesi e asiatici, messicani Habaneros e California Jalapenos. Estremamente potenti !!

CAIENNA MISCELA IN POLVERE – Polvere di peperoncini di Caienna.

OLIO DI RIPARAZIONE MUSCOLI E GIUNTURE – Olio di Wintergreen, menta piperita concentrato di olio, peperoncino di Caienna, radice di zenzero, Arnica fiori, San Johns Wort fiori di calendula (Calendula) fiori, e l’olio vergine di oliva biologico.

UNGUENTO ERBE PRONTO SOCCORSO – Arnica fiori, radice di consolida, Lobelia, radice Goldenseal, corteccia di quercia bianca, Calendula, Yarrow Fiore, Cleavers, St. John¹s Wort, olio Wintergreen, peperoncino di Caienna, radice di zenzero, i cristalli mentolo, Ghiaia di root, Verbasco, Wormwood , radice di altea, Skullcap, noce nero corteccia di pino e resina in una base di cera d’api e olio di oliva.

ALTRE TESTIMONIANZE:

Un contadino usava per dare il peperoncino di Caienna ai suoi polli e e alle sue mucche quando erano malate, ma mai ai bambini se erano indisposti. Uno dei figli aveva detto, “Si  preoccupava più di quegli animali che di noi! Egli avrebbe dovuto dare il Caienna anche a noi, anche. Il dottor Christopher ci ha assicurato che il Caienna è uno dei più grandi rimedi di tutti i tempi fra le erbe, anche se è uno dei più incompresi e derisi. Ha detto che ogni casa dovrebbe avere una buona scorta di pepe di Caienna”.

Precedentemente, il dottor Christopher aveva bisogno di essere iniziato all’uso del Caienna. Quando stava frequentando il collegio sullo studio delle erbe in Canada, l’insegnante ha annunciato che stavano andando a studiare il Caienna. «Perché il Caienna?» Chiese il dottor Christopher. “Brucerà il rivestimento dello stomaco.”

“Dove hai preso le informazioni,” chiese l’insegnante, il dottor Nowell. “Oh, mia madre mi ha detto,” rispose il dottor Christopher.

Tutti in classe risero – tranne l’insegnante e il Dr. Christopher. Il Dr. Nowell prese il Dr. Christopher e nei pressi di Vancouver gli presentò oltre una dozzina di persone le cui vite erano state salvate dal Caienna: le persone con problemi di cuore, ulcere, asma e molti altri disturbi. Ovunque andassero, la gente era piena di gratitudine per aver imparato le virtù terapeutiche del Caienna, e da allora in poi il dottor Christopher ne è stato un grande divulgatore.

Mentre il dottor Christopher stava lavorando nel mondo degli affari, usando sempre il peperoncino di Caienna, in un viaggio di lavoro, si incontra con un atleta, un uomo che aveva una cintura nera di karate. Parlando con lui apprendse che proveniva da una famiglia con una storia di alta pressione sanguigna, e che suo zio era morto di varici. Era sotto la cura di un medico, al momento. Ogni mattina, il dottor Christopher gli suggerisce un cucchiaio di Caienna in un bicchiere d’acqua calda, seguito da un paio di cucchiai di olio di germe di grano. Il giovane voleva sapere quello che il dottor Christopher stava prendendo e voleva provare alcuni rimedi. “Sei probabilmente troppo pollo,” Dr. Christopher gli disse scherzando! Questa psicologia inversa funzionò; il Dr. Christopher notò che il suo Caienna stava scomparendo gradualmente, ma a vista d’occhio. Quando sono tornati dal viaggio, l’uomo continuò prendendo il Caienna, un cucchiaino da tè tre volte al giorno. Il medico curante del giovane è stato stupito al successivo check-up: dopo una vita di alta pressione sanguigna, ora aveva finalmente un certificato di buona salute.

Una volta che il bambino era stato colpito all’addome: un proiettile lo aveva colpito nella spina dorsale, rimbalzando e provocando una seconda ferita nel corpo. Una studentessa di erboristeria del Dr. Christopher, che viveva lì accanto, sentito il colpo accorse immediatamente; lei sapeva che i genitori non erano a casa e che i bambini erano di età compresa tra 4 e 8 anni. Quello di otto anni sgorgava di sangue da entrambi i lati. Correndo e mescolando un cucchiaino di pepe di Caienna in un bicchiere d’acqua calda, lo fece ingoiare al ragazzo e immediatamente chiamò l’ambulanza, che era a 18 chilometri di distanza. L’addetto al pronto soccorso disse che il ragazzo avrebbe probabilmente sanguinato a morte, e che la distanza era troppo grande. L’ambulanza arrivò precipitandosi sul bambino (che aveva giocato a “guardie e ladri” con la pistola del padre, che aveva trovato sotto il cuscino del letto). Quando arrivò in ospedale, era diventato il centro di attrazione, non perché la sua ferita non fosse grave, ma perché stava chiacchierando senza sosta e non c’era più sanguinamento. L’emorragia si era fermata quasi istantaneamente, e quando arrivarono​​ in ospedale Il medico capo ha detto ai genitori, “Ho visto molte vittime nella mia vita, ma questa è la prima volta che in una tale circostanza di emergenza, aprendo un addome non ho trovato alcun sangue, ad eccezione di una piccola quantità, che c’era prima che l’emorragia si fermasse così rapidamente. Questo -rimedio- ha salvato la vostra la vita del ragazzo. “

In quello stesso anno, il dottor Christopher trattò altre quattro vittime da arma da fuoco, e ogni volta tutti hanno risposto allo stesso modo, anche se a volte il sangue si coagula, uscendo in fiotti prima di fermarsi completamente. Prima di essere riusciti a contare fino a 10 però, l’emorragia pesante dovrebbe fermarsi completamente dopo la somministrazione del peperoncino di Caienna. Il Dottore ha anche utilizzato la tintura di Caienna su ferite aperte e, come diceva lui, “Ci può essere un po ‘di mormorare su di esso”, riferendosi alla sensazione di bruciore provocata dal Caienna, ma l’emorragia si ferma.

Dr. Christopher raccontò la storia divertente di un suo allievo che aveva cominciato insegnare corsi sulle erbe per conto suo. A questo giovane è accaduto a precedere di Dr. Christopher, in una lezione una sera in Arizona. Il giovane ha detto: “Sapete, signore e signori, il dottor Christopher mi ha sempre fatto ansimare. L’ho visto bere due o tre cucchiai di Caienna in acqua – e io avevo appena vengono i brividi. Ma stasera ho intenzione di fare qualcosa che lui non possa aver mai fatto”. Con questo, si chinò in un contenitore di Cayenne e ne pose un pizzico nel suo occhio destro. Il Dr. Christopher pensò che l’uomo fosse impazzito e si era preoccupato che uno dei suoi studenti facesse una cosa del genere in pubblico, pur sapendo che il Caienna non può mai danneggiare la struttura cellulare, non importa quanto delicata essa sia. Le lacrime scorrevano lungo la guancia dell’uomo mentre continuava imperterrito a parlare, e quando ebbe finito, aprì il suo occhio invitando tutti a guardare. L’occhio appena scintillava; era di gran lunga il più brillante dei due, anche se il dottor Christopher ha detto che non aveva mai visto questo rimedio eseguito dal vivo – e che lui stesso non ha mai aveva avuto mai il coraggio di provare su sè stesso.

Una volta, quando si viaggia con un partner commerciale, il dottor Christopher consigliato il Caienna a lui, come l’uomo aveva estremamente alta la pressione sanguigna e tali emorroidi doloranti che aveva dovuto indossare una cintura. Il Dr. Christopher aveva usato la stessa psicologia inversa, utilizzata in altre occasioni, su questo uomo: “Non credo che lei sia abbastanza coraggioso”, e molto presto l’uomo stava asumendo il Caienna e l’olio di germe di grano, e in pochi mesi, non doveva più indossare la cintura apposita, e i valori pressori di sistolica e diastolica, al suo esame della pressione arteriosa, erano quasi perfetti. Non aveva più tempo per andare dal medico e aveva vissuto molti anni, continuando a prendere il suo Caienna.

All’inizio pratica del dottor Christopher, fu chiamato nel cuore della notte da una donna il cui marito era appena passato fuori da un attacco di cuore. Il dottore ha detto la donna per riscaldare un po ‘l’acqua, e arrivò a casa e mescolato un cucchiaino di Cayenne in acqua, appoggiato l’uomo, e gli diede un po’. Quando è venuto a, ha finito la coppa, e in pochi minuti si sentiva molto più forte. Presto stava bene, e si convertì al l’uso di erbe, persino l’acquisto e la gestione uno dei negozi di alimenti naturali a Salt Lake City per molti anni.

Cayenne può essere utilizzato su qualsiasi parte del corpo e per chiunque, Dr. Christopher lo ha dichiarato più volte. Ha anche salvato la vita di un bambino di sei settimane di età che era nato con asma cronica dando tè di Caienna, con un contagocce, fino a quando il bambino era in grado di respirare di nuovo. Ha detto che Caienna potrebbe anche essere assunto da clistere per la costipazione cronica (se sei coraggioso!).

All’età di settant’anni, pochi anni prima di morire, al dottor Christopher è stato chiesto da un suo studente se poteva misurare la sua pressione sanguigna. Il gruppo conferenza ha visto la lettura della pressione sanguigna di un giovane uomo sano, non il valore medio di un settantantenne. Oltre ad un sano stile di vita e con una dieta senza muco, il dottor Christopher aveva attribuito questa buona lettura di valori pressori, alle 3 volte al giorno la sua dose giornaliera di Caienna.

A dimostrazione che il peperoncino di Caienna è davvero miracoloso: il Dr. Christopher fa riferimento all’esperimento eseguito da medici negli Stati Uniti orientali e stampato su riviste mediche. Hanno messo un po ‘di tessuto cardiaco vivo in un bicchiere pieno d’acqua distillata, e nutrito nient’altro che da peperoncino di Caienna, puliendo, gettando via i vari sedimenti periodicamente formati, e aggiungendo altro che acqua distillata per sostituire ciò che era andato perso a causa dell’evaporazione. Durante l’esperimento, hanno dovuto tagliare il tessuto ogni tot giorni, perché altrimenti sarebbe cresciuto troppo rapidamente! Non avendo ghiandole di controllo (pituitaria e pineale), il tessuto solo ha continuato a crescere molto rapidamente. Hanno mantenuto questo tessuto vivo per quindici anni. Dopo che il medico che aveva intrapreso l’esperimento morì, i suoi collaboratori mantennero in vita il tessuto esaminato per altri due anni, prima di distruggerlo per l’analisi. Questo dimostra l’enorme potere rigenerativo e la guarigione de Caienna, in particolare sul cuore.

Copyright (C) 2004 La Scuola di guarigione naturale. Tutti I Diritti Riservati.

CIBI E COMBINAZIONI ALIMENTARI ACIDIFICANTI

CIBI E COMBINAZIONI ALIMENTARI ACIDIFICANTI

A cura di Marco Giai-Levra

Quali sono i cibi che acidificano?

I cibi acidificanti sono tutti quelli innaturali per l’essere umano, il quale ha in realtà una natura frugivora. Quindi tutti i cibi raffinati, elaborati artificialmente o non commestibili crudi allo stato naturale hanno un effetto acidificante. Al contrario il 99% dei vegetali crudi e della frutta alcalinizzano l’organismo, apportando minerali in forma liquida colloidale, ossia totalmente assimilabili. I minerali assunti da integratori invece hanno una microstruttura cristallina e quindi non sono assimilabili ma diventano sedimenti che permangono all’interno del corpo per anni, acidificandolo.

Tra i vegetali, quelli non commestibili allo stato naturale sono i legumi, i cereali e i grani, con tutti i loro derivati.

Cibi come i farinacei, i legumi, i cereali, i semi, la carne, il pesce e i latticini danno luogo a delle fermentazioni e quindi a delle acidificazioni: ossia il PH del nostro sangue va sotto i 7,35 diventando a più acido e il corpo va quindi in acidosi e deve neutralizzare questi acidi consumando i nostri minerali interni: come sopradetto questo significa malattia, invecchiamento e morte.

La soluzione quindi è virare gradualmente verso una dieta crudista-fruttariana (cioè quella più adatta all’uomo), alcalinizzare l’organismo e apportare minerali in forma liquida e assimilabile, estratta dai vegetali. Questa dieta va approcciata gradualmente perchè dà luogo a numerose crisi di disintossicazione da scorie e muco, dovuti ad anni o a decenni di errate abitudini alimentari. Spesso queste crisi vengono erroneamente scambiate dai neofiti per carenze nutrizionali.

Infine è lecito pensare che, una volta finito il processo della disintossicazione, si possano reintegrare i minerali perduti, in modo naturale e quindi “invertire l’invecchiamento”.

Il 99% della frutta (dolce, acida, grassa) e dei vegetali crudi commestibili hanno un effetto alcalinizzante e apportano minerali nell’organismo. Quindi questi cibi, rinfoltendo la nostra riserva di minerali, aiuteranno a neutralizzare tutte le acidificazioni dovute allo smaltimento delle scorie e dei rifiuti tossici, nonchè del muco presenti nel corpo a causa di decenni di malealimentazione.

I cibi che acidificano sono:

  • tutti i cibi elaborati e raffinati industrialmente.
  • tutti i cibi cotti: generano in diversa percentuale il fenomeno della leucocitosi nel corpo in quanto vengono riconosciuti dall’organismo come non-cibo, facendo scattare le difese immunitarie.
  • Nel caso di vegetali allo stato naturale e poi cotti l’acidificazione è più lieve.
  • tutti i cibi di origine animale: carne, pesce, insaccati, uova, latte e formaggio.
  • tutti i vegetali che non sono commestibili crudi a piena maturazione e derivati: legumi, cereali, grani, farinacei.
  • tutti i vegetali che contengono un’alta percentuale di amido.
  • tutti i cibi ad alto contenuto proteico.
  • un apporto proteico superiore ai 30-35 grammi giornalieri dà luogo ad acifificazioni.

Altre cause di acidificazione sono le fermentazioni intestinali dovute a combinazioni alimentari errate. Anche i semi acidificano e in genere tutto ciò che ha un alto contenuto proteico.

Le combinazioni da evitare sono:

  • amidi+proteine
  • amidi+zuccheri
  • amidi+acidi
  • proteine+zuccheri
  • proteine+acidi
  • amidi+amidi (un solo tipo di amido concentrato a pasto)
  • proteine+proteine (un solo tipo di proteine concentrate a pasto)
  • grassi+proteine
  • grassi+zuccheri
  • grassi+acidi (avocado+limone è un’eccezione che conferma la regola e si può fare senza conseguenze)
  • grassi+grassi (un solo tipo di grasso concentrato a pasto)

Il contenuto proteico giornaliero medio dovrebbe essere compreso tra i 25 e i 30-35 grammi. Sopra i 30-35 grammi comincia l’acidificazione. Registrandosi su siti come fitday.com o cronometer.com ognuno può facilmente controllare questo valore.

Quando si violano le regole delle corrette combinazioni alimentari avvengono delle fermentazioni nello stomaco e/o nell’intestino. Fermentazione significa ebollizione ma in questo contesto è sinonimo di acidificazione, in quanto ne è la causa.

Le fementazioni creano nel corpo acqua, acido acetico, anidride carbonica e alcol. L’organismo utilizza solo l’acqua, mentre il resto deve smaltirlo e neutralizzarlo “bruciando” la nostra preziosa miniera di minerali, quindi come spiegato facendoci ammalare, invecchiare e andare più velocemente in contro alla morte.

Vale la pena di notare come i cibi acidificanti contengano già al loro interno delle combinazioni alimentari errate per l’essere umano: ad esempio i fagioli violano la regola “amido+proteine” in quanto contengono una percentuale considerevole di entrambi gli elementi. Infatti, come è noto, producono gas nell’intestino: questo gas è la conseguenza di una fermentazione, la quale dà luogo ad un’acidificazione. Gli acidi prodotti vengono assorbiti dai villi intestinali (ne abbiamo 3000 per centimetro quadrato) che li ributta nel sangue, abbassandone il valore del PH. Quindi segue la neutralizazzione degli acidi che si concretizza in una demineralizzazione.

Fonte: http://ehretismo.com/2012/03/salute-perfetta-ringiovanimento-fisico-e-longevita-questione-di-sangue/

Le motivazioni etiche del vegetarismo, a cura del Prof. Armando D’Elia

Le motivazioni etiche del vegetarismo

Prof. Armando D’Elia – editato da Marco Giai-Levra (https://marcogiailevra.wordpress.com)

Prof. Armando D’Elia

Naturalista, chimico, studioso di dietetica vegetariana (Comitato Scientifico AVI)

tratto da: “Facciamo la pace con i nostri animali”

Una prima considerazione, ovvia, è che mangiando carne si partecipa materialmente e personalmente al massacro di animali pacifici e innocenti, che dovrebbero essere nostri compagni di vita e che noi invece trasformiamo in vittime di una nostra ingiustificabile violenza.

Né può valere la considerazione che noi non ammazziamo con le nostre mani e che ci serviamo di intermediari che il più delle volte non vediamo: i lavoranti dei mattatoi, i fucili dei cacciatori, gli attrezzi dei pescatori, le trappole mortali. La realtà è che se ognuno di noi dovesse con le proprie mani uccidere un agnello o un coniglio, non ne avrebbe il coraggio e ci rinuncerebbe. Questa è una delle tante, tantissime prove che noi non siamo per natura carnivori. Il vero animale carnivoro, infatti, è innanzitutto in grado di raggiungere in corsa la propria preda (e l’uomo non è così veloce).

Ammesso che si sia raggiunta la preda, bisogna azzannarla (ma l’uomo non ha le zanne del carnivoro, né gli artigli), poi bisogna ferire o sgozzare la vittima (ma l’uomo non possiede l’insensibilità tipica del carnivoro), poi infine sbranarla e mangiare le carni ancora calde e palpitanti. Chi di voi è capace di tanto? Credo nessuno, anche perché l’uomo non ha la dentatura adatta per mangiare la carne cruda. Per mangiare la carne, l’uomo deve ricorrere a un artificio, deve, cioè, cuocerla, perché solo la cottura la rende masticabile dai nostri denti, che sono denti da frugivoro, di forma particolare, ben diversi dai denti dei carnivori. L’uomo è, quindi, “disarmato” fisicamente e psichicamente. È un animale inerme. Non è un animale carnivoro. Avvicinatevi a un erbivoro che pascola: non si allontana, non fugge, perché “sente”, con l’acutezza del suo istinto, che non ha nulla da temere da voi, sente che non siete pericolosi, che non siete carnivori. Ben diverso è il suo comportamento di fronte a un carnivoro. E purtroppo noi ricambiamo male quella loro innata fiducia perché da frugivori quali siamo per natura siamo giunti, per deviazione alimentare, a essere crudeli assassini proprio di quegli animali che, ignari ancora della loro sorte, manifestano tanta fiducia nei nostri riguardi.

Prof. Armando D’Elia

L’uomo sembra fatto per nutrirsi principalmente di frutta, radici e altre parti succulente (ricche d’acqua) dei vegetali. Le sue mani gli consentono facilmente di cogliere tutto ciò; d’altro canto, le sue mascelle corte e di forza media, i suoi canini uguali (di pari lunghezza) agli altri denti e i suoi molari a forma di tubero non gli permetterebbero né di brucare l’erba né di divorare la carne, a meno che egli non renda questi cibi commestibili attraverso la cottura.

Georges Cuvier

Fonte: “Le règne animal” di Georges Cuvier (baron). Tome I – 1817 pag 86

Chi difende il cibo animale dovrebbe costringersi a un esperimento decisivo per stabilirne la validità… lacerare le carni di un agnello vivo coi soli denti, e affondare la testa dentro i suoi intestini, estinguere la propria sete nel sangue fumante; quando, fresco di questa orribile azione, ritornasse agli irresistibili istinti della natura che si ergerebbero in giudizio contro di essa, e dicesse: “La Natura mi ha fatto per questo genere di lavoro”, allora, e solo allora, sarebbe coerente ……

Percy Bysshe Shelley

Percy Bysshe Shelley e la difesa del vegetarismo

…”Consideriamo senz’altro assurda la convinzione di quanti affermano che l’uso di mangiare la  carne abbia un’origine naturale. Che l’uomo non sia carnivoro per natura, è provato in primo luogo dalla sua struttura fisica. Il corpo umano infatti non ha affinità con alcuna creatura formata per mangiare la carne: non possiede becco ricurvo, né artigli affilati, né denti aguzzi, né viscere resistenti e umori caldi in grado di digerire e assimilare un pesante pasto a base di carne. Invece, proprio per la levigatezza dei denti, per le dimensioni ridotte della bocca, per la lingua molle e per la debolezza degli umori destinati alla digestione, la natura esclude la nostra disposizione a mangiare la carne.

Se però sei convinto di essere naturalmente predisposto a tale alimentazione, prova anzitutto a uccidere tu stesso l’animale che vuoi mangiare. Ma ammazzalo tu in persona, con le tue mani, senza ricorrere a un coltello, a un bastone o a una scure. Fa come i lupi, gli orsi e i leoni, che ammazzano da sé quanto mangiano: uccidi un bue a morsi o un porco con la bocca, oppure dilania un agnello o una lepre, e divorali dopo averli aggrediti mentre sono ancora vivi, come fanno le bestie. Ma se aspetti che il tuo cibo sia morto e se la vita presente in quelle creature ti fa vergognare di goderne la carne, perché continui a mangiare contro natura gli esseri dotati di vita?

Eppure, neanche quando l’animale è morto lo si potrebbe mangiare così come si trova, ma si lessa, si arrostisce, si modifica la sua carne per mezzo del fuoco e delle spezie, alterando, trasformando e mitigando  con innumerevoli condimenti il sapore del sangue, affinché il senso del gusto, tratto in inganno, possa accettare quanto gli è estraneo. […]

Plutarco, “Del mangiar carne”

Plutarco, “Del mangiar carne”

Editato da Marco Giai-Levra (https://marcogiailevra.wordpress.com)

4. Le proteine della frutta, a cura del Prof. Armando D’Elia

Le proteine della frutta

A cura del Prof. Armando D’Elia – editato da Marco Giai-Levra (https://marcogiailevra.wordpress.com)

Il tema di questo paragrafo riveste una particolare importanza nella problematica delle proteine. La sua trattazione è necessariamente complessa in quanto deve attingere a molteplici informazioni provenienti da fonti non solo assai disparate ma che possono sembrare a prima vista lontane dall’argomento trattato anche se poi si rivelano utili e convergenti in un medesimo intento.

Questo motiva il ricorso alla seguente esposizione “a stelloncini”, che in casi consimili è risultata essere la più conveniente per l’intelligibilità del testo.

Si è cercato tuttavia di dare, al succedersi degli stelloncini, nei limiti del possibile, un ordine logico conseguenziale.

Quando si parla di proteine qualificandole come uno dei cosiddetti principi alimentari, occorre sempre tener presente che tutti codesti principi partecipano assieme, alla sintesi della materia cellulare: deve prevalere, cioè una visione olistica, globale, “sinfonica”, in quanto tutti i nutrienti sono interdipendenti e tutti sono egualmente indispensabili. Si può essere certi che, viceversa una visione settoriale da luogo a valutazioni errate.

Del resto, tale interdipendenza è comprovata dal fatto che le proteine sono mal digerite in assenza di vitamine e che il loro metabolismo dipende da quello dei glucidi e dei lipidi, almeno in parte. Questo ci fa pensare subito al nostro cibo naturale, la frutta, dove, appunto, la coesistenza ed interdipendenza dei diversi principi alimentari da luogo ad un complesso (fitocomplesso) armonioso che rappresenta, nel contempo, l’optimum anche dal punto di vista nutrizionale.

Abbiamo prima affermato che l’uomo della foresta, dove aveva vissuto per milioni di anni, dovette passare nella savana. Ora, nella foresta era fruttariano, mentre nella savana, difettando la frutta, dovette divenire carnivoro; forse l’organismo umano, adattandosi alla alimentazione carnea, assunse le caratteristiche anatomiche e fisiologiche tipiche dei carnivori? NO, conservò le caratteristiche del fruttariano. Oggi, infatti, dopo milioni di anni di innaturale alimentazione carnea, le nostre unghie non si sono trasformate in artigli, il nostro intestino non si è accorciato, i nostri canini non si sono allungati trasformandosi in zanne, il nostro succo gastrico non ha aumentato la sua originale e debole acidità tipica dei fruttariani, il fegato non ha esaltato la sua capacità antitossica, ne è scomparsa l’istintiva attrazione esercitata sull’uomo in età infantile dalla frutta e neppure è scomparsa la altrettanto istintiva repulsione esercitata dalla carne sul bambino appena svezzato. Tutti segni, questi, che le proteine eccessive che, assieme ad altre caratteristiche negative, sono presenti nella carne, pur provocando danni enormi, non sono riuscite a modificare la struttura fisiopsichica dell’uomo: ciò dimostra che l’alimentazione carnea è così estranea agli interessi nutrizionali e biologici dell’uomo che questi non riesce ad adattarvisi, pur subendo le pesanti conseguenze di un innaturale carnivorismo per lunghissimo tempo.

I 22 aminoacidi (21 secondo alcuni, 23 secondo altri) esistenti negli alimenti si dividono, secondo la nutrizionistica ufficiale, in due categorie: quella dei 14 aminoacidi che possono essere prodotti (sintetizzati) dall’organismo umano e quella degli aminoacidi chiamati “essenziali” (8 o 10) che invece si ritiene non possano essere sintetizzati dall’organismo umano e pertanto dovrebbero essere assunti con gli alimenti. Lo scrivente si è più volte dichiarato contrario a tale teoria, dimostrando che gli “aminoacidi essenziali” sono un autentico “mito”. Tuttavia, ammettendone pure la reale esistenza come la medicina ufficiale pretende, è legittimo formulare questa domanda, di fondamentale importanza: da dove trassero, i nostri progenitori arboricoli, gli aminoacidi oggi chiamati essenziali, ritenuti indispensabili alla vita, durante i milioni di anni in cui furono abitatori della foresta e sicuramente solo fruttariani?

La risposta ad una simile domanda, non può essere che una sola, dettata dalla logica elementare e dal buon senso: evidentemente solo dalla frutta, anche se, secondo il parere di alcuni paleoantropologi, venivano probabilmente aggiunte alla frutta altre parti succulente di vegetali. E Poichè noi oggi continuiamo a possedere quelle stesse caratteristiche anatomiche, fisiologiche ed istintuali di quei nostri progenitori, dobbiamo dedurre che le proteine della frutta sono qualitativamente e quantitativamente sufficienti a garantire in modo ottimale la vita dell’uomo anche oggi.

Partendo da queste e da altre considerazioni il prof. Alan Walker, antropologo della John Hopkins University, è giunto alla conclusione che la frutta non è soltanto il nostro cibo più importante, ma è l’unico al quale la specie umana è biologicamente adatta. Per comprovare tale affermazione, Walker ha studiato lungamente le stilature ed i segni lasciati, nei reperti fossili, sui denti, dato che ogni tipo di cibo lascia sui denti segni particolari; scoprì, così, che “ogni dente esaminato, appartenente agli ominidi che vissero nell’arco di tempo che va da 12 milioni di anni fa, sino alla comparsa dell’Homo erectus, presenta le striature tipiche dei mangiatori di frutta, senza eccezione alcuna”.

Istintivamente, quindi, i nostri progenitori mangiavano quello che la natura offriva loro, cioè la frutta matura, colorita, profumata, carnosa, dolce. Ed è facile immaginare che i nostri progenitori mangiassero la frutta spensieratamente, nulla sapendo (beati loro!) sulla quantità e sulla qualità di proteine contenute nella frutta, guidati unicamente dall’istinto… e se la passavano bene.

E’ chiaro che la frutta è il miglior cibo, del tutto naturale, per l’uomo e per l’intera sua vita, a cominciare dal momento in cui è in grado di masticare. Il fruttarismo dell’uomo è innato, perché sbocciato dall’istinto, che ripetiamolo – è l’espressione genuina, perfetta, indiscutibile dei bisogni fisiologici nutrizionali delle nostre cellule; esso si manifesta anche prima della fine della lattazione, reso evidente dalla appetibilità e anche dalla avidità con le quali il bambino ancora lattante assume succhi di frutta fresca, che possono sostituire in certi casi anche il latte materno (succo d’uva, per esempio, come suggeriva Giuseppe Tallarico, medico illuminato, nella sua opera maggiore “La vita degli alimenti”).

Abbiamo prima, accennato alla masticazione. Per masticare occorrono i denti ed i denti cominciano a nascere verso la fine della lattazione, cioè del periodo in cui l’accrescimento del cucciolo umano è affidato alla suzione della secrezione lattea delle ghiandole mammarie della madre. Domanda: perché al termine della lattazione (e anche prima) l’istinto ci orienta decisamente verso la frutta? La risposta è semplice: esiste una strettissima correlazione tra il latte, che è il primo nostro cibo, necessariamente liquido, e la frutta, cibo che succederà al latte e che ci accompagnerà, nutrendoci, per il resto della nostra vita.

Esiste, quindi, iscritta biologicamente nell’atto di nascita della nostra struttura anatomica e della nostra fisiologia, una “continuità nutrizionale tra il latte materno e la frutta”, per cui possiamo a giusto titolo considerare questi due alimenti i prototipi alimentari ancestrali dell’uomo.

Per dimostrare quanto conclusivamente è stato detto nel precedente ‘stelloncino’ sulla continuità nutrizionale tra il latte materno e la frutta, bisogna tenere presente quello che ripetutamente abbiamo già affermato e cioè:

1. All’uomo non si addicono cibi ad alto contenuto proteico, che risulterebbero dannosi alla sua salute;

2. l’uomo ha un fabbisogno singolarmente modesto di proteine, come è facilmente dimostrabile esaminando il latte materno.

Partiamo dall’argomento “latte materno”, che funzionerà da battistrada nella dimostrazione della sua continuità nutrizionale con la frutta. E’ noto che entro il sesto mese di vita extrauterina l’uomo giunge a raddoppiare il proprio peso e a triplicarlo entro il 12°, alimentandosi unicamente con il latte materno. Tutti i testi di chimica bromatologica e di fisiologia umana ci informano che il latte materno contiene l’1,2% di proteine. Ebbene, non è proprio così, in quanto, sino a 5 giorni dopo la nascita del figlio, il latte umano contiene il 2% di proteine e questa percentuale, a partire dal 6° giorno, comincia a calare progressivamente e lentamente sino a raggiungere, dopo 3-4 settimane, 1’1,3% e, dopo 7-8 settimane, 1′ 1,2%, percentuale che verrà poi mantenuta più o meno costante sino alla fine dell’allattamento.

Si constata, in sostanza, un evidente e regolare decremento del contenuto proteico del nostro unico “primo alimento” a misura che il neonato si avvia, con la comparsa progressiva dei denti, ad acquisire capacità masticatorie. Raggiunta tale capacità, ha termine quel periodo, dalla nascita allo svezzamento, che costituisce indubbiamente la fase anabolica più impegnativa, più intensa e più difficile dell’intera vita umana e che superiamo, come si è visto, con un cibo (il latte materno) contenente le modeste percentuali di proteine prima indicate.

Poichè la velocità di accrescimento è massima nei primissimi giorni di vita e poi via via decresce, è logico anche che la percentuale delle proteine contenute nel latte, e che costituiscono il necessario materiale di costruzione, debba seguire lo stesso andamento.

L’accrescimento ponderale dell’individuo continua, come si sa, anche dopo la comparsa dei denti, per terminare tra i 21 e 24 anni, ma con una velocità estremamente ridotta rispetto a quella del lattante.

E’ pertanto del tutto ovvio che l’alimento che subentrerà al latte materno dovrà avere una percentuale di proteine corrispondente ai reali bisogni di proteine dell’individuo non più lattante, in linea con la decrescenza, prima comprovata, di tali bisogni proteici. Riassumendo, “il fabbisogno proteico dell’uomo è massimo nel lattante, medio nell’adolescente, minimo nell’adulto”: questo ci dice il grande igienista Attilio Romano nel suo aureo lavoro “Pregiudizi ed errori in tema di alimentazione “; su questo insiste anche il prof. Alessandro Clerici nel suo Lavoro “Come si deve mangiare”. Occorre osservare:

  1. Senza alcun dubbio spetta al medico tedesco Lahmann il merito di avere, da pioniere illuminato, gettato, nel campo della dietetica umana, le basi scientifiche del fruttarismo, avendo scoperto e dimostrato che esso costituisce la innata prosecuzione naturale dell’alimentazione lattea.
  2. Ancora prima del Lahmann, un altro “grande”, Max Rubner, docente di cllnica medica all’Università di Berlino, aveva richiamato l’attenzione degli studiosi suoi contemporanei (e il Lahmann colse l’importanza di tale appello) sul fatto che “la scarsezza di proteine nel latte materno è un segno distintivo della specie umana che sconfessava i paladini dei regimi ricchi di proteine”.

Questa è la regola che vige in natura: destinare ai diversi esseri viventi cibi che contengano i principi alimentari indispensabili, ma solo nella quantità necessaria, che deve essere considerata l’optimum per l’individuo. Tanto è vero che non possiamo nutrire un neonato umano, il cui latte contiene 1′ 1,2% di proteine, con il latte per es. di mucca, che contiene il 3,5% di proteine senza determinati accorgimenti come la elementare diluizione, nel tentativo di evitare enteriti e altri malanni, anche gravi.

Il corpo umano, quindi, osserva proprio questa regola, cioè la cosiddetta “legge del minimo”, che a nostro parere potrebbe anche (e forse “meglio”) chiamarsi “legge dell’optimum” in quanto, se l’individuo ingerisce cibi contenenti dei nutrienti in quantità eccedenti il proprio fabbisogno, tale eccesso diviene per l’organismo una vera e propria scoria tossica ed il corpo cerca in tutte le maniere di sbarazzarsene, cosa che avviene in speciale modo per le proteine, come in precedenza s’è già detto.

Poiché la velocità di accrescimento dell’individuo non più lattante è decisamente inferiore a quella che aveva durante l’allattamento, è naturale ed ovvio che il contenuto proteico del primo cibo solido che l’uomo assume dopo lo svezzamento debba essere inferiore a quello del latte materno e da considerarsi l’optimum secondo la “legge del minimo”. Ciò, in armonia con il reale diminuito bisogno di proteine.

Ebbene, tale cibo non può essere che la frutta, che ha, appunto, in media, un contenuto proteico adeguato ai bisogni nutrizionali normali della fase successiva allo svezzamento:

cioè, mediamente inferiore a quella riscontrata nel latte materno che nel periodo terminale dell’allattamento si aggira attorno all’1,2%, come si disse.

A questo riguardo è interessante l’opinione del dottor Lovewisdom, uno dei più profondi studiosi dell’alimentazione naturale dell’uomo. Egli ci dice nel suo libro “L’adulto umano non ha bisogno di alimenti che contengono più dell’1% di proteine” “L’homme, le singe et le Paradis”. Del resto, una volta completato l’accrescimento, il nostro fabbisogno di proteine serve solo alla sostituzione delle cellule perdute per usura, cioè al semplice mantenimento dell’equilibrio metabolico e a tale scopo la frutta acquosa è più che sufficiente.

TUTTI I VEGETALI CONTENGONO PROTEINE

Tutti i vegetali, anche i più negletti e poco noti, contengono proteine, nessuno escluso: questo è un punto fermo, che occorre tenere sempre presente.

Diversi studiosi di vegetarismo sostengono essere sempre necessario integrare la frutta con altre parti tenere e succose di vegetali, sempre crude e fresche, sia pure in pasti separati, cioè con: radici (carota, rapa, sedano-rapa, barbabietola rossa), ricettacoli floreali e base delle brattee (carciofo), foglie, gambi e germogli (lattuga, cicoria, sedano, spinacio, cavoli di vario tipo), turioni (asparago, finocchio), infiorescenze e gambi (cavolfiore, broccoli di vario tipo), bulbi (cipolla), ecc. (tutti questi vegetali sono comunemente chiamati “ortaggi” in italiano, “lègumes” in francese).

Elenchiamo ora i più comuni frutti carnosi con i relativi contenuti proteici, in percentuale:

  • albicocca…………………………………………. 0,8
  • anguria……………………………………………. 0,9
  • arancia………………………………………. 0,9-1,3
  • avocado………………………………………….. 2,6
  • banana……………………………………………. 1,4
  • cetriolo………………………….. ……………… 0,9
  • ciliegia …………………………………………… 1,2
  • dattero …………………………………………… 2,2
  • fico ……………………………………………….. 1,5
  • fico d’India………………………………………. 0,8
  • fragola………………………………………….. 0,95
  • kaki …………………………………………………..1
  • lampone …………………………………………. 1,4
  • limone ……………………………………………..0,9
  • mandarino………………………………………….. 1
  • mela …………………………………………….. 0,35
  • melone …………………………………………… 1,3
  • mora………………………………………………… 1
  • nespola…………………………………………. 0,45
  • peperone ………………………………………… 1,2
  • pera …………………………………………………0,6
  • pesca ……………………………………………… 0,7
  • pomodoro………………………………………… 1
  • prugna……………………………………………. 0,8
  • uva …………………………………………….. 1-1,4
  • zucchina…………………………………………. 1,5

media: 28,75/26 =1,1%

Ed ecco le percentuali di proteine presenti negli ortaggi più comuni, limitatamente a quelli che si possono utilizzare crudi:

  • asparago………………………………………….. 1,8
  • barbabietola……………………………………… 1,2
  • barbabietola rossa………………………………. 1,6
  • carciofo……………………………………………. 2,4
  • cavolfiore…………………………………………. 2,6
  • carota……………………………………………… 1,2
  • cicoria……………………………………………… 1,6
  • cipolla……………………………………………… 1,4
  • cavolo verza……………………………………… 3,3
  • cavolo rosso………………………………………. 1,9
  • finocchio…………………………………………… 1,9
  • lattuga e simili…………………………………… 1,3
  • pastinaca………………………………………….. 1,7
  • porro………………………………………………….. 2
  • ravanello ……………………………………………. 1
  • sedano (foglie/gambi)…………………………… 1,3
  • sedano-rapa………………………………………. 1,5
  • spinacio……………………………………………. 2,2

media: 31,9/18 = 1,78%

Sarebbe, a questo punto, errato fare conclusivamente la media aritmetica tra il contenuto proteico medio della frutta e quello degli ortaggi per ricavare direttive alimentari pratiche. Tale calcolo darebbe 1,44 [(1,1 + 1,78)/2] e sarebbe valido se la nostra alimentazione fosse costituita per il 50% da frutta e per il 50% da ortaggi. Occorre invece dare netta preponderanza alla frutta, che è il principe dei nostri alimenti perché fu il cibo primigenio dell’uomo, quello con il quale il corpo umano si è forgiato. Dando invece in giusta misura la prevalenza alla frutta, in media la carica proteica dei cibi che dovrebbero essere utilizzati dall’uomo si attesta su 1,3% circa. Tale percentuale è largamente sufficiente, anzi superiore (sempre in media, che è quel che conta) al fabbisogno dell’uomo, specie dopo il completamento dello sviluppo, cioè dopo il 24° anno di età. Del resto, ciò è comprovato dal fatto che i fruttariani non soffrono di alcuna carenza e non hanno problemi di salute. Naturalmente i risultati dei calcoli sopra riportati non sono da prendere, “alla virgola” o al centesimo, ma vogliono avere, ed hanno, un valore orientativo generale e soprattutto vogliono offrire, ed offrono, una prova della continuità nutrizionale tra il latte materno e la frutta. A proposito dell’ottimale validità nutrizionale del fruttarismo potremmo dilungarci a riportare autorevoli opinioni, altri fatti, altre argomentazioni scientifiche per dimostrare tale validità, che garantisce all’uomo fruttariano il godimento di una piena salute fisio-psichica: ma su tutto l’abbondante apporto probatorio che così raccoglieremmo dominerebbe la prova-base, la più incontestabile, già da noi prima evocata, ma che tuttavia torniamo ad evocare: nella foresta, patria originaria dell’uomo, questi visse in perfetta salute, sugli alberi fruttiferi, per milioni di anni, alimentandosi di frutta e – sostengono ipoteticamente alcuni studiosi, come Lovewisdom – anche di altre parti tenere di vegetali.

Molto probabilmente il lettore si chiederà che bisogno c’è di dimostrare che la carica proteica del latte materno è la stessa (o presso a poco) non solo di quella della frutta, ma anche quella dei cosiddetti ortaggi. Non s’è detto che l’uomo preistorico viveva sugli alberi fruttiferi nutrendosi solo di frutta? Insomma, la sola frutta è sufficiente o no ad alimentare l’uomo? Cerchiamo di rispondere qui di seguito a tali interrogativi.

Si è già accennato in precedenza che secondo alcuni studiosi la frutta andrebbe integrata con altre parti tenere e succose di vegetali; condividiamo tale opinione, ma Poichè condividiamo anche la tesi di Cornei, Tallarico, Carquè, ecc., che cioè i nostri più antichi progenitori arboricoli si nutrivano “solo” di frutta, siamo tenuti a spiegare questa nostra apparente contraddizione.

Anzitutto, la frutta che i primi uomini mangiavano da arboricoli nella foresta intertropicale era, in quanto a capacità nutrizionale, enormemente superiore a quella di oggi esistente. La frutta d’oggi è infatti il risultato di migliaia di anni di frutticoltura che, dovendo commerciare con i prodotti della terra, lo fa utilizzando dei criteri di produzione della frutta basati su:

  • rendimento della pianta
  • colore
  • taglia
  • gusto
  • struttura
  • conservabilità
  • facilità di raccolta
  • sicurezza e continuo incremento del profitto.

Insomma la produzione odierna di frutta è profondamente artificiosa, mentre la frutta che nutriva l’uomo preistorico era il prodotto del libero giuoco delle forze vitali dell’aria, del suolo, delle arcane forze della natura, era figlia della luce, scrigno di energia solare, viva e vitalizzante, non cresciuta sotto lo stimolo anormale dei concimi chimici, dei diserbanti, degli anticrittogamici, i cui residui rendono oggi talora la frutta financo pericolosa per la nostra salute. c’è un abisso, dunque, tra la frutta che nutrì i primi uomini e la frutta d’oggi. L’uomo odierno a dire il vero comincia a rendersi conto che la frutta nutre poco e male e ha perduto i sapori della frutta “antica” di cui si sente la mancanza. Ed ecco sorgere, allora, iniziative tipo “archeologia dell’albero da frutta”, “banche del seme”, e soprattutto coltivazioni biologiche. Un esempio: la pera cosiddetta “spina” è la “pera antica”, bitorzoluta, contorta, decisamente brutta se guardala con l’occhio dell’esteta tradizionalista per il quale la pera, quella addomesticata, deve avere la forma classica e basta. In Italia di alberi di pere “spina” ne restano ormai pochi, destinati a sparire perché la gente vuole pere “belle” di parvenza e non nodose e brutte: anche se poi chi le assaggia rimane estasiato per il loro sapore, ormai non più riscontrabile nelle pere “moderne”, frutto di cultivar, incroci, innesti, manipolazioni genetiche, fitonnoni, ecc.. Lo stesso discorso vale per molte varietà di mele in via di scomparsa, come le mele “zitelle”, per esempio.

Deciso scadimento quindi, del valore nutrizionale della frutta moderna nei riguardi della frutta “antica” e quando diciamo “antica” ci riferiamo appena ad un secolo fa o già di là; ma a misura che andiamo a ritroso nel tempo la differenza si fa, ovviamente, sempre più marcata, tanto che riesce difficile solo immaginare quale potenza nutrizionale riservasse la frutta che servì alla nutrizione e alla crescita delle primissime generazioni dell’uomo arboricolo e fruttariano.

Abbiamo detto sopra che la gente ha cominciato a capire che la frutta odierna, nonostante che continuiamo ad essere da essa attratti, non solo nutre poco ma nutre anche male. Qui appresso spieghiamo perché.

Per effetto dei trattamenti e delle selezioni che l’uomo, come abbiamo prima accennato, applica in agricoltura e particolarmente in frutticoltura, la frutta prodotta è caratterizzata soprattutto da un eccessivo tenore di zuccheri. Ora, è vero che il nostro organismo funziona proprio grazie allo zucchero, ma è anche vero che lo zucchero, come qualsiasi altro alimento, per essere assimilato, deve trovarsi associato con vitamine, specialmente quelle del gruppo B, minerali, aminoacidi ed altri elementi nutritivi, con i quali costituisce un fitocomplesso equilibrato ed armonico.

L’eccesso di zucchero oggi riscontrabile nella frutta crea invece squilibrio e disarmonia, per cui l’organismo non è in grado di utilizzare tutto lo zucchero presente nella frutta: ecco perché si disse che la frutta d’oggigiorno fa correre il rischio di nutrire “anche male”. Come ovviare a questo squilibrio? Includendo nella nostra dieta una consistente quantità di alimenti non zuccherati, in particolare verdure crude ed ortaggi vari, che forniscono in abbondanza vitamine, minerali ed aminoacidi essenziali, indispensabili per ottenere una nutrizione equilibrata.

L’aggiungere verdure ed ortaggi alla frutta, anche se questa rimarrà quantitativamente preponderante, è, quindi, un “correttivo”? Certamente, è un utile correttivo. Naturalmente, sia la frutta che le verdure e gli ortaggi, per conservare la loro efficacia nutrizionale, devono essere consumati crudi ed è anche buona norma utilizzarli in pasti separati. Ma aggiungiamo subito che si tratta di un correttivo “temporaneo” e qui di seguito spieghiamo perché diciamo che è temporaneo.

Abbiamo visto – riassumiamo – che la frutta odierna, rispetto alla frutta che nutrì l’uomo preistorico, difetta di potere nutrizionale (e si cerca nell’attuale processo, in atto, di riavvicinamento alla natura, di coltivarla biologicamente, come rimedio primo), ma eccede, invece, in contenuto di zuccheri (glucosio/fruttosio) (e si cerca di ovviarvi proponendo di accompagnarne il consumo con ortaggi, che potranno, così, partecipare all’approvvigionamento di proteine). Poiché, come è evidente, si tratta di una situazione, quella attuale, “in movimento”, a misura che progredirà l’agricoltura biologica, migliorerà anche la qualità della frutta attuale, i cui lati negativi (eccessi e difetti sopracitati) si attenueranno gradualmente e alla fine scompariranno.

Ovviamente, quando la frutta riacquisterà totalmente le caratteristiche che permisero il pieno affermarsi dell’uomo preistorico arboricolo e fruttariano, cesserà il bisogno o la semplice convenienza di ricorrere agli ortaggi e l’uomo tornerà ad essere fruttariano al 100% e sarà quello un grande giorno, che riteniamo non troppo lontano, dato l’incoraggiante crescente interesse per questo così importante problema.

Editato da Marco Giai-Levra (https://marcogiailevra.wordpress.com)

SCIENZA DI KRISHNA: NORME CORRETTE IN CUCINA PER ADORARE LA DIVINITÀ

SCIENZA DI KRISHNA: NORME CORRETTE IN CUCINA PER ADORARE LA DIVINITÀ
Considerazioni, analogie e differenze tra un punto di vista crudista e la tradizione vedica (NdT)
Traduzione e commenti a cura di Marco Giai-Levra

banner_food_3_12

Propongo la seguente traduzione da documento originale, la quale raccoglie una serie di norme, lettere e consigli che dovrebbero vigere tra i vaishnava, ossia gli adoratori di Dio sotto l’aspetto di Vishnu o Krishna. Le seguenti informazioni provengono da lettere e conversazioni di Sua Divina Grazia A. C. Bhaktivedanta Svami Srila Prabhupada, fondatore del Movimento per la Coscienza di Krishna (ISKCON).

SP-043-Prabhupada-on-Vyasana-folded-hands

Ho aggiunto delle considerazioni personali filtrate dalla mia personale esperienza crudista-fruttariano-igienista, differenziando i miei commenti con il diverso colore blu. Si noterà come svariati alimenti e modalità sconsigliate o consigliate rimangono tali anche nel crudismo e igienismo, come a voler arrivare a delle affinità, pur partendo da tutt’altro punto di vista. Esistono analogie e differenze, ma se si vanno a esaminare direttamente i testi originali, senza passare attraverso dei commentari e delle interpretazioni (che, come dice Krishna stesso nel Cap.15 verso 16, sono fallibili), si potrà notare come le differenze sono talvolta state create proprio da interpretazioni personali o tradizionali delle scritture. La cucina degli Hare Krishna è vegetariana, da cui vengono esclusi ulteriormente uova (quindi non è lacto-“ovo”-vegetariana, ma solo lacto-vegetariana), aglio, cipolla, funghi, caffè, cioccolata e qualsiasi sostanza inebriante o stimolante.

Prasada Krishna

CIBI PROIBITI (o non-offribili, Ndt)
I cibi proibiti più comuni sono pesce, carne, vino, cipolla, aglio, Masur dhal (lenticchie rosse), riso bruciato, ravanello, melanzane bianche, canapa (marijuana), il cedro e succhi provenienti da alberi (se non bolliti prima), prodotti lattiero-caseari di bufala o di capra, e il latte con del sale dentro (preparazioni salate come le zuppe che includono del latte sono consentite). Inoltre, non si dovrebbero offrire cibi in scatola o congelati alle Divinità, ed è meglio evitare di offrire alimenti contenenti sostanze non salutari come il lievito e lo zucchero bianco. [Nel crudismo tutti questi alimenti (tranne aglio, cipolla, ravanello e cedro, anche se per Shelton, uno dei padri dell’igienismo, vanno esclusi anche aglio e cipolla) sono considerati insani in quanto rappresentano cibo non commestibile così com’è in Natura, che necessita della trasformazione chimica provocata dalla cottura per essere mangiato; secondo i Veda gli ortaggi che crescono sotto terra sono tamasici, ossia sotto l’influenza materiale tamas, che in sanscrito significa “ignoranza”; le altre due influenze materiali sono sattva o “virtù” e rajas o “passione”, NdT]

Srila Prabhupàda commenta: “Congelato significa marcio. Non prendo mai congelato …. è come se fosse marcio; piuttosto la stessa verdura viene fatta essiccare e conservata, in India utilizziamo questa pratica. Questa ha un buon gusto”. [Conversazione con Srila Prabhupàda, Vàndàvana, 3 Novembre 1976] [Nel crudismo, in alternativa ai vegetali crudi e freschi, si utilizza l’essicazione solare oppure artificiale a una temperatura inferiore ai 45° C, sotto la quale la cottura non avviene mai; questa pratica è utilizzata per concentrare il gusto, conservare e preservare il 100% dei nutrienti, al pari dell’alimento crudo, NdT]

“I cetrioli sottaceto: per quanto possibile, non si dovrebbero offrire alle Divinità cose che sono state preparate da non-devoti. Siamo in grado di accettare da loro frutta cruda, cereali (crudi, o simili cose crude). La cottura e la preparazione dovrebbero essere strettamente limitate ai devoti iniziati. E a parte questo, l’aceto non è buono ma è tamasico, cioè nelle tenebre; è quindi un cibo cattivo”. [Lettera di Srila Prabhupàda, 24 marzo 1969], [Da queste affermazioni si evince che i vegetali crudi offribili, ossia quasi tutti, non hanno karma e non inquinano la Coscienza dell’uomo, al contrario dei cibi cotti, che infatti devono essere preparati solo dai devoti per non creare attaccamenti alla materia e ai sensi più grossolani; anche nel crudismo l’aceto è considerato un acido innaturale troppo forte assolutamente da evitare, NdT]

“Per quanto riguarda l’uso della panna acida nel tempio, dovrebbe essere interrotto immediatamente. Nulla di ciò che è stato acquistato nei negozi deve essere offerto alle divinità. Cose prodotte dal karma [o dai karmi, i non-devoti, NdT] non dovrebbero essere offerte a Radha-Krishna. Il gelato, se si può preparare, va bene, ma altrimenti no”. [Lettera di Srila Prabhupàda, 6 aprile 1976] [Alimento considerato dall’igienismo-crudismo come acidificante, non commestibile da crudo, quindi da abiurare, NdT]

“Riso non raffinato, che si presenta come marrone può essere utilizzato … Non importa se lucidato o rozzo, ma quello bollito-doppiamente (ossia il riso parboiled o riso siddha) non deve essere utilizzato. Il riso parboiled è considerata impuro. Il riso cotto al sole (atapa) va bene “. [Lettera di Srila Prabhupàda, 17 ottobre 1967] [Alimento considerato dall’igienismo-crudismo come acidificante, non commestibile da crudo, quindi da abiurare, NdT]

“Fagioli di soia e lenticchie sono inoffribili”. [Istruzione personale di Srila Prabhupàda a Hàdayànanda DASA Gosvàmé] [Alimento considerato dall’igienismo-crudismo come acidificante, non commestibile da crudo, quindi da abiurare, NdT]

“Per quanto riguarda l’acquisto di cose al mercato, questi prodotti sono considerati purificati quando paghiamo denaro per essi. Questa è l’istruzione generale. Ma quando si ha qualche sospetto dovremmo evitarli. Ma se senza saperlo se qualcosa di questo tipo è stato acquistata, non è colpa nostra. Le cose su cui si ha qualche sospetto, tuttavia, devono essere evitate”. [Lettera di Srila Prabhupàda, 21 ottobre 1968]

Dal momento che è offensivo offrire qualcosa a Krishna che Egli non accetta, si dovrebbe essere molto cauti e non offrire (o mangiare) niente di discutibile.

CIBI OFFRIBILI
L’Hari-bhakti-vilasa elenca alcuni degli alimenti che potrebbero essere offerti: bilva (frutto dell’Albero sacro di Shiva, NdT). datteri, noce di cocco, jackfruit (frutto giaca o catala, NdT). uva, frutto di Tala, radice di loto, ortaggi a foglia, prodotti di latte di mucca, e prodotti a base di grano, ghee, e zucchero. I cereali, in particolare riso, dovrebbe sempre essere servito con il ghee. Il riso senza ghee è considerato asurico (demoniaco, NdT). [Si può ben notare che la frutta e i vegetali crudi a foglia sono offribili senza nessuna precauzione, contrariamente a quanto invece avviene ad esempio con i cereali: questo dimostra che sono un cibo di prima classe, di qualità sattvica, o sotto l’influenza materiale della virtù, e sono molto graditi a Dio; il ghee è il “burro chiarificato” ottenuto attraverso un processo di purificazione e trasformazione chimica che lo rendono più leggero e salutare: come fruttariano il primo pensiero a riguardo viene rivolto all’avocado, l’unico vero frutto grasso prodotto dalla Natura commestibile e squisito da crudo, detto anche “burro del marinaio”: sicuramente questo frutto carico di salutari grassi naturali monoinsaturi si può elevare su un piano superiore rispetto al ghee, in quanto è prodotto direttamente dalla Natura o da Dio, e non da un intervento umano, NdT]

Il Signore si compiace quando Gli vengono offerti cibi preparati con ghee, zucchero, yogurt, guòa (sagù o zucchero di canna) e miele; ceci preparati, dàls, zuppe (sabjés o biscotti inzuppati, NdT), le varietà di dolci e altri alimenti possono essere leccati, masticati, aspirati, o bevuti: sono tutti gradevoli.

Si possono anche offrire bevande come il succo di canna da zucchero, lo yogurt, l’acqua di limone zuccherato, acqua aromatizzata con cannella, canfora, o cardamomo, bevande alla frutta e di aromi e colori diversi.

succo-naturale-di-arancia-1

Molti passi della Caitanya-caritamrita descrivono preparazioni che piacciono a Krishna. Ecco un esempio da Antya-Lela, descrivendo ciò che i devoti di Sri Caitanya preparerebbero per Lui: «Hanno offerto [per Lui] preparati dal gusto pungente a base di pepe nero, preparati dal gusto dolce-acido, zenzero, preparazioni salate, tigli, latte, yogurt, formaggio, due o quattro tipi di spinaci, zuppa a base di cetriolo amaro [gukta o karela], melanzane mescolate con i fiori di Nimba, e fritto di paòola.>> [Cc. Antya 10,135-136] [Pepe, karela e melanzane sono tutti dei frutti, mentre gli spinaci sono foglie verdi, lo zenzero è consigliato come spezia digestiva, e i fiori di Nimba dal sapore appetibile sono tutti alimenti contemplati nel crudismo NdT]

krishnacowherdboyseating

In una lettera Srila Prabhupàda ha descritto i cibi in virtù e come presentarli al Signore: “Prodotti alimentari in virtù sono il frumento, il riso, legumi fagioli -non quelli di soia, NdT-, piselli), zucchero, miele, burro, e tutte le preparazioni latte, ortaggi, fiori, frutta, cereali. Quindi, questi alimenti possono essere offerti in qualsiasi forma, ma preparati in vari modi secondo l’intelligenza dei devoti”. [Lettera di Srila Prabhupàda, 13 Novembre 1968]

[Riporto e rimando il lettore direttamente al Cap. XVII della Bhavavad Gita, dove Krishna (Dio in Persona) definisce i cibi secondo le tre influenze della Natura materiale, cioè quelli  in “virtù, passione e ignoranza”.
VERSO 7
Anche i cibi, graditi a tutti, sono di tre tipi, che corrispondono alle tre influenze della natura materiale. Questo vale anche per i sacrifici, le austerità e la carità. Ascolta ciò che li distingue.
VERSI 8-10
I cibi in virtù accrescono la durata della vita, purificano l’esistenza e danno forza, salute, gioia e soddisfazione. Questi cibi sostanziosi sono dolci, succosi, grassi e saporiti.
I cibi troppo amari, aspri, salati, piccanti, secchi o caldi, sono preferiti da chi è dominato dalla passione. Essi generano sofferenza, infelicità e malattia.
I cibi cotti più di tre  ore prima di essere consumati [secondo alcune interpretazioni solo “cotti”, NdT], privi di gusto, di freschezza, puzzolenti, decomposti e impuri, sono preferiti da chi è sotto l’influenza dell’ignoranza.

Dalla descrizione si può notare che alcuni cibi situati dalla tradizione hindù sotto le varie influenze possono essere anche frutto di interpretazioni fallibli in quanto nel Cap. XV della Bhagavad Gita lo stesso Krishna afferma nel verso 16: “Ci sono due categorie di esseri: i fallibili e gli infallibili. Nel mondo materiale tutti sono fallibili, ma nel mondo spirituale tutti sono infallibili”, NdT]

Nella sua Caitanya-caritamrita, Srila Prabhupàda descrive il migliori tipi di riso per le offerte alle Divinità: “In India gukla-càval (riso bianco) è anche chiamato àtapa-càval, o riso che non è stato bollito prima di essere trebbiato. Un altro tipo di riso, chiamato siddha-càval (riso integrale), è bollito prima di essere trebbiato. In genere il riso bianco pregiato di prima classe è necessario per le offerte alla divinità” , [Cc. Antya 2,103, significato]

Un devoto può offrire in buona fede gli alimenti considerati prelibatezze dalla popolazione locale preferito, da lui stesso o dalla sua famiglia. Sanatana Gosvàmé, nel commentare un qloka e affermando che una persona può offrire i suoi alimenti favoriti o locali, scrive che questo significa che in generale sebbene alle persone possa non piacere un certo cibo, se ad un altro piace egli lo può offrire. Ma questo si riferisce agli alimenti approvati Scritture, non a quelli proibiti.
Quindi se uno è appassionato di un cibo proibito, non lo si può offrire al Signore. E così non lo si può mangiare.
Inoltre, non si dovrebbero offrire neanche gli alimenti consentiti ma che sono insipidi, sgradevoli, non-commestibili, impuro per qualsiasi motivo, o mangiati da insetti, animali o persone. [E’ interessante notare che la frutta cruda e scondita è buona e appetibile senza l’ausilio di condimenti o trasformazioni chimiche come la cottura, mentre altri vegetali risulterebbero non-­commestibili, ad esempio i grani, i cereali e i legumi, NdT]

Se nessun cibo offribile è disponibile, si può offrire solo della frutta. Se anche la frutta non è disponibile, si possono offrire erbe commestibili. E se le erbe non sono disponibili, si può offrire acqua pura, meditando di offrire preparazioni elaborate. Se anche l’acqua non è disponibile, si dovrebbe almeno mentalmente offrire della bhoga. [Essenza di godimento della vita, NdT]

DIMENSIONI DELL’OFFERTA AL SIGNORE
Srila Prabhupàda scrive nel suo Caitanya-caritamrita: “[Krishna] non diventa affamato come un comune essere umano, tuttavia, si presenta come un essere affamato e, come tale, egli può mangiare tutto e niente, a prescindere dalla quantità. La filosofia sull’atto di mangiare di Krishna è comprensibile ai nostri sensi trascendentali”. [Cc. Madhya 4,77, senso]

DSCF0961

In una lettera Srila Prabhupàda scrive: “Per quanto riguarda ilprasadam da offrire alle divinità, si prende da ciò che si è preparato solo la porzione sufficiente per un uomo posta in un piatto; questo prasadam dovrebbe essere offerto alla Divinità e non la quantità totale. Il resto dei prodotti alimentari può rimanere nel forno per mantenersi caldo fino a che i devoti non lo accettino e onorino”. * [lettera di Srila Prabhupàda, 14 febbraio 1969]

In Australia Srila Prabhupàda ha incaricato i devoti di offrire porzioni di bhoga a Krishna, così come le si offrirebbe a un ragazzo di sedici anni molto affamato. Ha anche indicato un certo numero di puri da offrire con l’ultima offerta di bhoga serale: sei grande, otto media o sedici puri piccoli dovrebbe essere sul piatto di Krishna.

GLI STANDARD IN CUCINA
Così come dobbiamo scegliere gli alimenti puri, ottimi da offrire ai Krishna, così dobbiamo anche prepararli in modi puro.

Per preparare il cibo per il Signore, si devono scrupolosamente osservare le regole per la pulizia e avere la massima cura nel preparare il cibo in modo corretto, mantenendo la Coscienza corretta in modo che il Signore accetti l’offerta.

Siccome la Coscienza di coloro che preparano il cibo entra nel cibo stesso, (specialmente dove la cottura è coinvolta), cucinare per le Divinità è limitato ai devoti con un’iniziazione braminica. Se un devoto mostra qualità di pulizia braminiche, purezza e stabilità, e quindi sembra qualificato per cucinare per la Divinità, può essere opportuno per lui avvicinarsi al suo maestro spirituale e chiedere l’iniziazione braminica. [Si ribadisce nuovamente che il processo chimico della cottura o comunque qualsiasi elaborazione o raffinazione del cibo offertoci dalla Natura provoca l’immissione di “Coscienza-sentimenti-emozioni-eventuale attaccamento alla materia e ai sensi” nel cibo stesso, NdT]

Srila Prabhupàda ha sottolineato che un bramino deve solo cucinare per il Signore. Egli scrive: “Per quanto riguarda la cottura, un non-bramino può aiutare, ma non cucinare”. [Lettera di Srila Prabhupàda, 24 Novembre 1974]

“La Divinità dovrebbe essere accudita ed il cibo offerto dovrebbe essere cucinato solo dai bramini, debitamente istruiti a riguardo”. [Lettera di Srila Prabhupàda, 19 dicembre 1974]

“Per quanto possibile i Devoti non-avanzati non potrebbero entrare in cucina o nel Settore della Divinità. Possono aiutare dall’esterno. Basta prendersi cura di loro in modo che possano diventare puri devoti”. [Lettera di Srila Prabhupàda, 4 aprile 1971]

“Se non si è avanzati, non si può cucinare. Bisogna essere un discepolo regolare, poi si potrà adorare le Divinità. Non ci si sono dubbi sul far cucinare i profani nel tempio di Nuova Delhi” . [Lettera di Srila Prabhupàda, 11 luglio 1976]

L’Hari-bhakti-vilasa sottolinea questo punto: “I cibi (soprattutto i grani-cereali) che vengono cucinati dai non-vaishnava o peccatori, o che non sono stati offerti Vishnu, equivalgono alla carne di cane. Si dovrebbe comprendere chiaramente i principi di pulizia (come una persona o un oggetto diventa contaminati), come la contaminazione viene trasferita, e come le cose vengono purificate.”

La Coscienza del cuoco entra nel cibo che prepara, e perciò deve sforzarsi di essere cosciente di Krishna mentre cucina. La cucina, dove si prepara il cibo per il Signore, è un’estensione della Camera Divinità, dove Lui mangia. Così lo stesso standard elevato di pulizia dovrebbe essere mantenuto in entrambi i luoghi.

Srila Prabhupàda ha sottolineato che i devoti dovrebbero sempre mantenere i più severi standard di pulizia. Egli scrive: “La cosa principale è che ogni volta che il prasadam viene offerto al Signore, tutto dovrebbe essere preparato e presentato con molto rispetto e pulizia.

Nel tempio di Jagannath, il Signore mangia 56 volte. Così il Signore può mangiare tutte le volte che si può offrire. Ma la cosa principale è che per ciò che viene offerto deve esserci rispetto e devozione …. il cibo che è stato offerto non dovrebbe mai essere rimesso nel frigorifero con gli alimenti inoffribili, o riportato in cucina… il frigorifero dovrebbe essere sempre molto pulito e puro … Se c’è qualsiasi cibo extra, vanno separati, e se c’è un frigorifero separato, non all’interno della cucina e contenente tutti gli alimenti inoffribili, allora si può avere ad esempio un frigorifero speciale per gli avanzi di prasadam …

Non si dovrebbe mai mangiare dentro la cucina; se c’è posto sufficiente per mangiare, allora perché si dovrebbe mangiare in cucina? La cucina deve essere presa in considerazione come la camera del Signore, e nessuno dovrebbe indossare le scarpe in cucina. Annusare e degustare gli alimenti per il Signore in fase di preparazione non dovrebbe mai essere fatto.

Parlare all’interno della cucina deve limitarsi a ciò che è necessario per la preparazione del prasadam o sul Signore, e i piatti sporchi (quelli presi dalla cucina e usati per mangiare) non devono essere riportati in cucina (ma se non c’è nessun altro posto per lavarli, allora dovrebbero essere messi nel lavandino lavandoli immediatamente), le mani devono sempre essere lavate nella preparazione prasadam, e in questo modo tutto deve essere preparato i modo molto pulito e puro. Qual è la difficoltà nel rispettare queste regole? Sono regole, e sono semplici regole, e devono essere seguite. Bisogna essere pronti a seguire le regole per Krishna. Altrimenti dov’è la prova che si ama Krishna. Non sono molto difficili da seguire”. [Lettera di Srila Prabhupàda, 16 giugno 1968]

E’ molto offensivo verso la divinità permettere che cibi conservati marciscano prima di utilizzarli per le offerte. I cuochi dovrebbero conoscere i prodotti disponibili e utilizzarli quando sono freschi. Srila Prabhupàda ha scritto: “In cucina non si dovrebbe vedere nulla che viene sprecato”. [Lettera di Srila Prabhupàda, 10 novembre 1975]

“Se, nel processo di cottura, il cibo cade a terra, se è crudo e può essere lavato bene, allora può essere offerto. Ma se è preparato e non può essere lavato, allora non è da offrire, ma può essere mangiato piuttosto che essere sprecata”. [Lettera di Srila Prabhupàda, 15 febbraio 1968], [Si può notare nuovamente che il cibo vegetale crudo è considerato sempre migliore del cotto e necessita sempre di meno trattamenti, NdT]

REGOLE IN CUCINA
Abbigliamento in cucina

  • Coprire i capelli in modo da evitare la caduta dei capelli in un preparato. Se c’è anche un solo capello nel cibo che viene offerto al Signore, si tratta di una grande offesa.
  • Non indossare lana in cucina.
  • Tutti gli indumenti devono essere puliti, cioè, non deve essere stato indossato in bagno, mentre si mangia o si dorme, o al di fuori del tempio.

Solo abbigliamento devozionale è permesso.
Pulizia personale

  • Si dovrebbe essere freschi di doccia, indossare il simbolo tilaka e la collana di tulasi.
  • Lavarsi le mani prima di entrare in cucina e lavarle di nuovo, se si tocca il viso, la bocca, o capelli, o se si starnutisce o tossisce (avendo -si spera- coperto la bocca).

hot_salad_500_0
Purezza del cibo

  • Dopo aver preparato gli ingredienti per cucinare, lavare tutte le verdure e la frutta e tutto ciò che può essere lavato.
  • Se qualcosa lavabile cade sul pavimento o in un lavandino, lavare, se non è lavabile, rifiutarla. Scartare tutto ciò che cade sui piedi, lavabile o meno che sia.
  • Il cuoco dovrebbe coprire tutti i preparativi fino a quando non siano pronti. Se un animale vede una preparazione prima che venga offerta, deve essere respinto. Nessuno, tranne il cuoco e il pujàré dovrebbero vedere il cibo non ancora offerto.

La porta della cucina dovrebbe essere sempre chiusa.
La porta del tempio deve essere bloccata, impedendo il passaggio.

  • Il personale della cucina deve coprire il ghee per friggere quando non è usato. Il ghee Vecchio dovrebbe essere sostituito regolarmente con del ghee fresco.
  • Fare in modo che tutti gli ingredienti siano ben conservati in contenitori chiusi.

Assicurarsi che le pentole siano veramente pulite prima di utilizzarle.
Controllare che i piatti delle divinità siano puliti prima di utilizzarli.
Cucina e la pulizia degli utensili
Vedere Pianificazione della pulizia

  • I devoti che servono in cucina devono pulirla accuratamente regolarmente, anche all’interno di stufe, forni e frigoriferi.
  • Il cuoco deve strofinare le pentole dopo che sono state utilizzate.
  • Nessuno deve mangiare o bere in cucina, né qualcuno dovrebbe usare il lavandino per sputare o bere.
  • Rimuovere tutti i rifiuti dalla cucina, almeno una volta al giorno.
  • Non conservare o avanzare Prasada in cucina. Appena possibile dopo l’offerta, e dopo che i piatti offerti sono stati lavati, rimuovere tutto il prasada dalla cucina.

Non prendere nessun maha fino a che * TUTTI * sono stati trasferiti fuori dalla cucina.
Mantenimento della Coscienza corretta

  • Concedetevi abbastanza tempo per preparare l’offerta in buona Coscienza. “La fretta fa danno.”
  • La conversazione dovrebbe essere limitato al Krishna-katha.
  • Non riprodurre le registrazioni di musica commerciale in cucina. Le registrazioni di bhajana e kértana sono appropriate.
  • La presenza contemporanea di uomini e donne in cucina dovrebbe essere evitato per quanto possibile.

Di solito solo i Vaishnava dovrebbero essere ammessi in cucina, dal momento che solo i devoti preparati possono correttamente comprendere e seguire tutte queste regole.
Le fritture dovrebbero essere fatte nel ghee puro. Il burro chiarificato usato per friggere deve essere regolarmente sostituito. (Idealmente, il ghee deve essere usato una sola volta, dal momento che ogni riscaldata riduce la sua digeribilità. Un cuoco per Divinità esperto userà una quantità minima di burro chiarificato per friggere e userà il resto per fare dell’Halvah o del condimento per il riso).
Il ghee dovrebbe essere messo nel suo contenitore usato dopo ogni utilizzo.
Utensili da cucina
Evitare l’uso di pentole di alluminio (è piuttosto velenoso) o quelle in acciaio smaltato, che possono impoverire e contaminare l’offerta.