marcogiailevra

Libero ricercatore indipendente su salute, longevità, ehretismo, crudismo, fruttarianismo, sungazing, nutrimento pranico.

Archivi Categorie: scritture rivelate

DIVIETO DI DIGIUNO IN QUESTE DATE: VEDIC SCIENCE

A cura di Marco Giai-Levra

Avevo precedentemente giàscritto un articolo sui giorni “impuri” o Ashudda in sanscrito, in cui a causa di particolari influenze lunari e planetarie non conviene digiunare perchè è spiegato dagli Shastra (Scritture rivelate) che porta malessere fisico, mentale e spirituale, addirittura degradando il karma e mandando in miseria il digiunatore. In altre parole diventa difficile e pericolo, per non dire rovinoso digiunare in questi giorni Ashudda.

L’articolo completo con tutta la spiegazione lo potete trovare al seguente link:
https://marcogiailevra.wordpress.com/2017/02/18/digiuno-lunare-di-ekadashi-regole-vediche-quando-digiunare-shuddha-ekadashi-e-quando-non-digiunare-ashuddha-ekadashi/

blue-moon-large

Nell’induismo in generale sono prescritti 2 giorni di digiuno lunare al mese, obbligatori per i devoti del Signore. Questi giorni sono detti Ekadashi e dovrebbero ricadere 11 giorni dopo la luna piena o la luna nuova, ma poi avvengono sempre degli aggiustamenti astrologici e quindi non è così automatico, anche perchè l’astrologia vedica si basa sul perfetto calendario lunare, e non sul nostro calendario solare (che in realtà è artificiale, non naturale come quello lunare).

Sul web è disponibile un calcolatore dei giorni di Ekadashi, dove potete immettere anche luogo e anno per essere sicuri di non sbagliare le date prescritte, oltre a scoprire i fatidici giorni impuri, le Ashudda Ekadashi, i giorni in cui NON bisognerebbe intraprendere la pratica del digiuno.

Il calcolatore automatico lo potete trovare a questo indirizzo:
http://www.drikpanchang.com/vrats/ekadashidates.html

Per scoprire quali sono i giorni impuri (Ashudda Ekadashi)  in cui non conviene affatto digiunare dovete controllare nella lista delle date delle differenti Ekadashi. Bene, quando vedrete che il nome di una Ekadashi è preceduto dalla parola Vaishnava, allora potrete anche notare che il giorno prima è riportato il nome della stessa Ekadashi senza essere preceduto dalla parola Vaishnava, e quindi saprete che tale giorno precedente è Ashudda, ossia “impuro”.

Grazie alla magnanimità di coloro che hanno sviluppato questa e altre piattaforme simili, adesso tutti possono essere in grado di determinare e conoscere i “giorni no” per il digiuno. Questo è particolarmente utile se si pianificano dei digiuni più lunghi.

Hare Krishna a tutti 😇 !!!

Pensiero-Mantra del giorno:
“Sono un TuttUno con Krishna e Krishna è con me” 😊😊😊

© 2017 Marco Giai-Levra

fonti:
http://www.drikpanchang.com

FREE DONATION TO MARCO 😉 😉 😉 !!! Pourquoi Pas 🙂 ??? :

Digiuno lunare di Ekadashi, regole vediche: quando digiunare (Shuddha Ekadashi) e quando NON digiunare (Ashuddha Ekadashi)

A cura di Marco Giai-Levra

Le date Ashudda (impure) in cui NON digiunare

Nel seguento link troverete l’articolo esplicativo e le date in NON digiunare:
https://marcogiailevra.wordpress.com/2017/05/20/divieto-di-digiuno-in-queste-date/?preview_id=1807&preview_nonce=4cbcc79322

Qui sotto segue la spiegazione di Shudda e Ashudda Ekadashi.

Shuddha e Ashuddha Ekadashi

Ekadashi è il giorno prescritto per il digiuno lunare nell’induismo e corrisponde all’11° giorno dopo la Luna Piena e all’11° giorno dopo la Luna Nuova, entrambe comprese (Eka in sanscrito significa undici). Anche seguendo le prescrizioni riguardo il digiuno lunare spesso si crea confusione sul quando il digiuno debba essere attuato, se il giorno in cui ricorre sia fausto o infausto. Esaminiamo degli esempi e cosa dicono gli Shastra (le Scritture) a questo proposito, sulla base di un articolo redatto dei devoti Narottam Das e Arjun Nandlal.

the-moon

Nel 2015, per esempio, molti calendari indù hanno fatto cadere Ekadashi il 27 giugno e non il 28 come avrebbe dovuto. Ora, tutto ciò ha creato molto scompiglio tra molti e questo articolo ha lo scopo di chiarire questi dubbi.
Shuddha significa puro e Ashuddha significa impuro. Non si deve osservare un digiuno che ricade su Ekadashi che non è pura (Ashuddha) come citato dai versi degli shastra qui sotto. Pertanto, a volte si deve digiunare Dvadashi (il giorno dopo – il 12 ° giorno) se capita che tale Ekadashi non è pura.
Come rende un Ekadashi impura? Questo succede quando il 10° e l’11° giorno (dopo Luna Piena o Luna Nuova comprese) si sovrappongono. Allora questa Ekadashi è considerata impura e pertanto il digiuno NON dovrebbe essere osservato in questo giorno, ma andrebbe eseguito il giorno dopo Dvadashi .

Quando si dovrebbe iniziare Ekadashi Vrat (voto): all’alba o a mezzanotte?

Srila Prabhupad ha detto: “Per quanto riguarda la prima domanda, osserviamo Ekadashi dal sorgere del sole, fino al successivo sorgere del sole. Le 24:00 (mezzanotte) riguardano il calcolo astronomico occidentale, ma il calcolo astronomico vedico inizia dall’alba oppure dal sorgere della luna. Generalmente viene considerata l’alba. Il nostro calcolo è simile a questo: quando c’è l’alba, Ekadashi tithi deve essere già cominciato.

Tithi o thithi è il giorno lunare o tempo necessario affinchè l’angolo longitudinale tra luna e sole aumenti di 12 °, il cui inizio cade in diverse ore del giorno, le quali variano in durata da 19 a 26 ore circa.

Se Ekadashi tithi non è in l’alba e il tithi inizia, diciamo dopo pochi minuti dopo il sorgere del sole, allora accettiamo quel giorno come precedente per Ekadashi. Tutte le nostre cerimonie sono calcolate in questo modo. Questo significa che dobbiamo vedere il tithi durante l’alba. Pertanto, a volte le nostre date di cerimonie non coincidono esattamente con i calcoli occidentali”. – lettera Prabhupada, 30 Settembre 1969)

Qui potete scaricare Vaisnava Reminder, un software per Windows e Wine (Linux, Mac, ecc.), che vi genererà un calendario Vaisnava con allarmi che ricordano gli eventi, i digiuni e le Ekadashi.

Citazioni dalle scritture rivelate (Shastra)

HARI BHAKTI vilasa 12/202 da SAURA Dharmottara
Ekadashi (11° giorno dopo Luna Piena o Luna Nuova comprese)
e Dvadashi (12° giorno dopo Luna Piena o Luna Nuova comprese) sono entrambi qualificati per digiuno. Inoltre, si dovrebbe digiunare quando Ekadashi è combinata con Dvadashi, ma NON si deve mai digiunare quando è combinata con Ekadashi Dashami (10 ° giorno dopo Luna Piena o Luna Nuova comprese).

HARI BHAKTI vilasa 12/226 da GARUDA Purana
Oh brahmana, le anime che hanno imparato rifiutano le Ekadashi che coincidono con Dashami perché sanno che  digiunando in questo giorno, si ottiene solo povertà e miseria.

HARI BHAKTI vilasa 12/230 da Skanda Purana
I demoni risiedono nei grani (cerali, farine, ecc.) di qualsiasi Ekadashi che si sovrappone con Dashami e chi digiuna in questo giorno raggiunge risultati negativi. Il Signore Hari risiede in ogni Ekadasi, che si sovrappone con Dwadashi. Se qualcuno osserva il digiuno in questo giorno, riceve correttamente i risultati completi.

HARI BHAKTI vilasa 12/246 da Skanda Purana
Ogni devoto del Signore che osserva consapevolmente o inconsapevolmente Ekadashi sovrapposte con Dashami dovrebbe capire che Sri Vishnu certamente non è contento di lui.

HARI BHAKTI vilasa 12/248 da Skanda Purana
Perciò, o migliore tra gli esseri umani, non è consigliabile osservare delle Ekadashi sovrapposte con Dashami. Tutti i grandi saggi e hanno raccomandato e dichiarato a voi di osservare solo i digiuni delle Ekadashi pure (Shuddha Ekadashi).

HARI BHAKTI vilasa 12/270 da kūrma purāṇa e Brahma Vaivarta Purana – Srila Vyasadeva parla a Suta Gosvami
Oh Suta Goswami, se qualcuno osserva rigorosamente un Ekadashi pura, che è non miscelato con Dasami, è allauspicious. Pertanto, le persone dotte, i conoscitori della letteratura vedica hanno stabilito che il digiuno durante le Ekadasi impure (Ashuddha Ekadashi) è improprio.

Insieme a questo articolo sono anche riportate anche le seguenti informazioni sulla Shraddha cioè (rito per i funerali, 10 giorni, 13 giorni, 6 ° mese e le 11 ½ cerimonie mese) e la sua connessione con Ekadashi.

Pujas Ekadashi e Shraddha

“La cerimonia della Shraddha (una preghiera per i defunti) delle oblazioni a un antenato non dovrebbe essere eseguita in coincidenza con una Ekadashi tithi. Quando la ricorrenza del tithi della morte ricade il giorno di Ekadasi, la cerimonia della shraddha NON si dovrebbe tenere in Ekadashi ma il giorno dopo (Dvadashi)”. – Sat Kriya Sara Dipika 151 Bhagavatam 7.14.23

SPIEGAZIONE
Il giorno della cremazione non dovrebbe coincidere con Ekadashi o Maha Dwadashi, in quanto i defunti andrebbero all’inferno secondo il Srila Jiva Goswami.
Srila Jiva Goswami ha riportato citazioni da molti shastra affermando che la cerimonia shraddha delle oblazioni agli antenati non dovrebbe essere eseguita nel giorno lunare di Ekadashi tithi. Quando il tithi della ricorrenza della morte cade il giorno di Ekadasi, la cerimonia shraddha NON dovrebbe essere tenuta su Ekadashi ma il giorno successivo, o Dwadashi.

Nel Brahma Vaivarta Purana è detto:
Se si esegue la cerimonia della shraddha delle oblazioni agli antenati nell’Ekadasi tithi, poi l’esecutore, gli antenati per i quali si osserva la shraddha e il Purohita (monaco o consulente spirituale della famiglia) che incoraggia tale cerimonia, vanno tutti all’inferno.
(ACBSP. Bhagavatam 07:14:23 – SPIEGAZIONE, estratto)

Garuda Purana Preta Khanda 8.3
Il Signore Vishnu ha risposto a Shree Garudaji: “Se entrambe le famiglie sono senza maschi,  le donne dovrebbero svolgere le esequie. Oppure il re può eseguire tutti i riti “.

Garuda Purana Preta Khanda 34,127
“È il figlio che dovrebbe fare il sapindana di suo padre, non il padre per il figlio. A causa dell’affetto il sapindana del figlio non dovrebbe essere fatta dal padre”.

Garuda Purana Preta Khanda 34. 132.133
“Per una persona senza figli, il fratello, il figlio del fratello o il discepolo possono fare il sapindana nel ruolo di sapinda”.
“Per tutte le persone senza figli, la figlia può eseguire sapindana supportata da un ritvij o Purohita”.

NOTA BENE (sintesi della postfazione di Narottam Das e Arjun Nandlal):
Ci sono variazioni tra organizzazioni spirituali diverse ma qui sono esposti solo consigli spirituali che si basano sulle Scritture. Grazie mille per aver trovato il tempo di leggere questo articolo. Spero che questo articolo vi aiuterà in qualche modo e prego che ti aiuti a apprezzare la bellezza e la notevole lungimiranza dell’antica cultura indù. Vogliamo educare tutti i lettori e demistificare il percorso dell’induismo (Sanatana Dharma). Non esitate a condividere questi articoli con gli amici e famiglia.
Jai Hind … Jai Shree Radha Krishna.
Compilato per l’elevazione del Sanathan Dharma da Narottam Das e Arjun Nandlal

Hare KRISHNA e Shanti a tutti 🙂 !!!

© 2017 Marco Giai-Levra

fonti:
http://www.dipika.org.za

FREE DONATION TO MARCO 😉 😉 😉 !!! Pourquoi Pas 🙂 ??? :

 

IMPERSONALISMO, TU SEI DIO, DIO È “SOLO” UN OCEANO-MAGMA DI GRAZIA-AMORE-BEATITUDINE: ILLUSIONE SUPREMA!!!!

A cura di Marco Giai-Levra

Al giorno d’oggi è spesso diffusa la visione impersonalista di Dio, ossia quel punto di vista che riconosce solo l’aspetto impersonale del Signore ritenendolo addirittura l’aspetto originale, quindi l’unico reale.

Visto che Krishna che è Dio, dice “dei logici, Io sono la conclusione”, questo significa che siamo autorizzati ad usare la logica come strumento mentale per cercare di afferrare la Verità. E se facciamo un semplice ragionamento logico assumiamo che Dio per Sua definizione è Colui che non ha origine da nulla. Egli è Tutto e non ha bisogno di Nulla. E’ l’Essere Supremo, la Persona Suprema, è Eterno e Immutabile (era, è, sarà contemporaneamente, perchè la dimensione Spazio-Tempo non esiste nel mondo spirituale). Lui rivela Sè stesso nelle scritture sacre in tempi, luoghi e circostanze diverse, e in differenti modalità per essere dialogare in modo intellegibile per la forma mentale dei fruitori del messaggio divino.

Le Sue qualità sono eterne e infinite, e naturalmente così anche i suoi aspetti e le sue forme: tutto è senza limite, ossia non solo non ha mai fine, ma non c’è nascita, nè morte, nè origine per Lui.

Da questo si evince che ha infiniti aspetti e forme, il che significa che la “non-forma”, “l’Oceano di Energia” è senza dubbio reale e và onorato dai devoti, ma quello è solo uno dei Suoi innumerevoli aspetti. Nei “99 bei nomi di Allah”, citati nel Corano ad esempio, questi aspetti si traducono come: il Misericordioso, il Compassionevole, il Buono, il Potente, ecc.
Questi sono tutti attributi che si addicono ad un persona, non ad un magma impersonale. Inoltre proprio uno dei 99 nomi di Allah è “colui che plasma la forma”: pertanto come potrebbe mai la forma originale di Dio essere un Oceano di Energia impersonale senza forma, e poi creare in seguito le sue forme personali (cioè quelle di cui noi siamo ad immagine e somiglianza) senza possedere questa qualità??? Se qualcuno produce qualcosa che ha una certa qualità, si presuppone che egli abbia già tale qualità.

Quindi la conclusione logica è che Dio è una Persona, la Persona Suprema, e che noi siamo fatti a sua immagine  e somiglianza, come viene spiegato nella Genesi Ebraica, cioè nel Vecchio Testamento. Nella Bibbia viene ancora detto che Dio passeggiava a fianco di Adamo nel Giardino di Eden: un po’ difficile per un Oceano impersonale passeggiare a fianco di  un uomo in un giardino!

sole_sfondo-desktop-314.jpg

Vishnu il Dio supremo nell’induismo il cui nome significa “quello che Tutto pervade” ha infatti una forma personale, umanoide con quattro braccia. E Krishna il Dio che ha emanato l’aspetto di Vishnu secondo i Vaishnava ha un aspetto umano.

Ma perchè allora nonostante queste facili considerazioni logiche và di moda considerare vero solo l’aspetto impersonale di Dio e falso quello che ha una forma di persona?

La risposta è semplice: INVIDIA SOLTANTO! Di chi??? Invidia verso Dio, l’Essere Supremo, l’Altissimo, l’Elyon dell’Antico Testamento della Bibbia.

Questo è il sentimento che ci ha fatto incarnare per la prima volta: “Perchè Lui si e io no? Perchè devo godere sempre insieme a Lui e con Lui, io adesso voglio provare a godere dei sensi in modo indipendente da Lui….”

Puff…. Accontentati immediatamente: siamo intrappolati e condizionati dal corpo materiale e dal karma che generiamo probabilmente da migliaia di anni, siamo qui letteralmente imprigionati e non riusciamo a liberarci. Questo avverrà fino a che con sottomissione e con tono dimesso, ci arrenderemo definitivamente a Dio, la Persona Suprema.

Sono assimilabili al concetto di impersonalismo anche le visioni New Age e altre ancora, quelle che promuovono solo “il Tuo Dio interiore”, in quanto l’invidia verso l’Essere Supremo è tale, che questi demoni e falsi spiritualisti non riescono a concepire di abbassare la testa, sottomettersi e svolgere il nostro eterno dovere: SERVIRLO!
Il rapporto che abbiamo con Dio è eterno e di eterna beatitudine, perchè solo servendolo possiamo godere anche noi. Lui ama i suoi devoti più di ogni altra cosa e desidera soddisfarli in tutto, in base alla devozione con cui lo hanno adorato.
Se una mano serve la bocca ne gode anch’essa, al contrario se si rifiuta di portare il cibo alla bocca perchè invidiosa della capacità di gustare, perisce la bocca, il corpo intero e quindi la mano stessa.

Riporto qui di seguito il dialogo tra Sua Divina Grazia Bhaktivedanta Swami A. C. Prabhupada e i suoi discepoli, avvenuto nel settmebre del 1975 a Vrindavana in India.

Srila Prabhupada

Srila Prabhupada

Srila Prabhupada: Sia gli esseri viventi sia Krishna sono pieni di coscienza. La coscienza di un essere vivente è dentro di lui e la coscienza di Krishna si diffonde ovunque. Questa è la differenza.

Discepolo: I mayavadi [gli impersonalisti] dicono che quando diventeremo liberati, anche noi ci diffonderemo ovunque. Ci fonderemo nel Brahman e perderemo la nostra identità individuale.

Srila Prabhupada: Questo significa che ti dimenticherai di tutto. Comunque piccola sia la coscienza che avevi, essa non esisterà più.

Discepolo: Ma comunque quello che dimenticheremo è solo illusione.

Srila Prabhupada: Se questa è la liberazione, allora lascia che ora ti uccida. Ti dimenticherai di tutto – la liberazione. [Risate] [Un passante canta in hindi] Questa è la liberazione – egli canta: “O mio Signore Krishna, quando mi abbandonerò ai Tuoi piedi di loto?” Questa è la liberazione. Come un bambino che si abbandona totalmente ai propri genitori – egli è liberato. Non ha ansietà. È fiducioso: “Oh, I miei genitori sono qui. Qualunque cosa facciano va bene per me. Nessuno può farmi del male.”

Discepolo: Gli impersonalisti dicono che la liberazione libera da ogni sofferenza.

Srila Prabhupada: Sì, ma se sei pieno di ansietà, dov’è la tua liberazione?

Discepolo: Dicono che può essere raggiunta se diventiamo uno con il Supremo.

Srila Prabhupada: Krishna è la coscienza suprema. Se perdi la tua coscienza, come puoi diventare uno con Lui?

Discepolo: Bene, non è esatto dire che perdiamo la nostra coscienza, ma che ci fondiamo nella coscienza suprema.

Srila Prabhupada: Questo significa che vuoi diventare Dio, ma perchè ora sei differente da Dio?

Discepolo: È il mio lila [il mio divertimento].

Srila Prabhupada: Se questo è il tuo lila, allora perché ti sottoponi a così tante austerità per raggiungere la liberazione?

Discepolo: Il punto è che la coscienza suprema non è incarnata, mentre ora noi siamo incarnati. Perciò, quando otterremo la coscienza suprema, anche noi non saremo più incarnati.

Srila Prabhupada: Ma come hai fatto ad incarnarti se sei il Supremo? Che cosa ti ha fatto incarnare? Non ti piace essere incarnato – il corpo dà molta sofferenza – perciò vuoi la liberazione. Ma chiunque ti ha fatto incarnare, Egli è il Supremo. Non sei tu il Supremo.

Discepolo: M’illudo, cosicché posso provare il piacere di essere liberato.

Srila Prabhupada: Perché un qualsiasi uomo sano di mente si metterebbe in una posizione in cui sarà ripetutamente preso a calci dalla natura materiale sotto forma di nascita, vecchiaia, malattia e morte? Qual è il divertimento?

Discepolo: Senza sofferenza, come puoi sperimentare il piacere?

Srila Prabhupada: Allora lascia che ti prenda a calci e quando smetto puoi sperimentare il piacere.

Discepolo: L’idea è che dopo aver sperimentato la sofferenza in questo mondo, la liberazione sarà molto dolce.

Srila Prabhupada: Ma perché c’è la sofferenza? Se sei supremo, perché ci sono sofferenze di tutti i tipi per te? Che cosa è questa sciocchezza: “La sofferenza è il mio lila”?

Discepolo: È sofferenza solo per coloro che non capiscono di essere supremi. Essi sono gli unici a soffrire, non io.

Srila Prabhupada: Allora sei come i maiali e i cani. Essi non capiscono che questa è sofferenza, ma noi sì. Perciò i mayavadi sono mudha, sciocchi e mascalzoni, che non sanno cos’è la sofferenza e cos’è il piacere. Mudho ’yam nabhijanati mam ebhyah param avyayam. Krishna dice: “Gli sciocchi e i mascalzoni non sanno che Io sono il Supremo.” Perciò dopo molte vite trascorse a soffrire e a parlare di ogni genere di sciocchezze, la persona che possiede la vera conoscenza si arrende a Krishna (bahunam janmanam ante jñanavan mam prapadyate). Questa è conoscenza. Quando si raggiunge questa consapevolezza, “ho solo sofferto e ho cercato d’illudermi con giochi di parole”, allora ci si arrende a Krishna.

Discepolo: Quindi la filosofia mayavada è veramente la suprema illusione?

Srila Prabhupada: Sì. Mayavadi bhasya shunile haya sarva-nasha: “Chi segue la filosofia mayavada è finito.” È condannato, rimarrà assorbito in quella falsa filosofia e non sarà più capace di accettare la vera filosofia. I mayavadi sono degli offensori, quindi rimarranno eternamente nell’ignoranza e penseranno di essere Dio. Essi predicano pubblicamente: “Perchè pensi di essere colpevole? Tu sei Dio.”

Discepolo: I cristiani hanno il concetto del peccato. Quando i mayavadi si recarono in America, dissero ai cristiani: “Dimenticate questa idea di peccato, Qualsiasi cosa facciate, va bene, perché siete Dio.”

Srila Prabhupada: Ai sacerdoti cristiani non piacque la filosofia mayavada. I mayavadi erano atei, più dei buddisti. I buddisti non accettano l’autorità vedica, perciò sono considerati atei, ma questi mascalzoni di mayavadi accettano i Veda e predicano l’ateismo. Pertanto sono più pericolosi dei buddisti, che, sebbene si supponga siano atei, adorano Buddha, un’incarnazione di Krishna, quindi un giorno saranno liberati. I mayavadi invece non saranno mai liberati. Nella Bhagavad-gita [18.66] Krishna ci rassicura: “Abbandonati a Me e Io ti libererò da tutti i pericoli.” Noi accettiamo Krishna. Questo è tutto. Il nostro metodo è molto facile.

Il bambino cerca di camminare, ma non ne è capace e cade. Il padre dice: “Mio caro figlio, prendi la mia mano.” Allora il bambino è salvo. Questi mayavadi si oppongono al verdetto di Dio. Dio dice: “Gli esseri viventi sono parte integrante di Me” e i mayavadi dicono: “Io sono Dio.” Questa è stupidità. Se fossero uguali a Dio, perché Dio direbbe: “Abbandonati a Me?” Essi non sono Dio, sono semplicemente dei mascalzoni che proclamano di essere uguali a Dio perché non vogliono arrendersi a Lui. Quindi questa conoscenza – che “devo sottomettermi a Dio” – la otteniamo solo dopo moltissime nascite. Allora abbandoniamo quegli sciocchi giochi di parole e otteniamo la vera liberazione nella coscienza di Krishna.

Marco Phoenix Giai-Levra

Le donne subordinate agli uomini nell’induismo: esistono nelle sacre scritture rivelate delle ragioni che riguardano la meccanica grossolana e sottile del corpo materiale femminile e del suo funzionamento specifico

LE DONNE SUBORDINATE AGLI UOMINI (INDUISMO, ISLAM E ALTRE RELIGIONI)
A cura di Marco Giai-Levra

Riporto qui la domanda di uno studente, la risposta di Sankarshan Das Adhikari e alcune precisaziondi dell’utente VRK. Uno studente fà una domanda su questo scottante argomento al suo guru che è un devoto di Krishna, Sankarshan Das Adhikari.

In realtà l’argomento è scandalizzante o scottante solo per chi è materialista e si identifica con il proprio corpo e il proprio falso ego, come verrà descritto qui di seguito. A livello basico è sempre e solo un sentimento di invidia, lo stesso tipo di sentimento invidioso (allora rivolto a Dio) che ci ha indotto a scegliere di incarnarci nell’universo materiale la prima volta, lasciando il posto eterno e spirituale dal quale proveniamo e rimanendo imprigionati e condizionati dai vari corpi che di volta in volta rivestiamo, di qualsiasi genere: maschile, femminile, pianta o animale. Secondo il nostro karma continuiamo a cambiare corpo o veicolo materiale, fino a quando riusciremo a liberare l’Anima per sempre e a tornare dall’Essere Supremo Eterno, Dio.

Quotes-by-Srila-Prabhupada-on-Light-Of-The-Soul

Dal punto di vista spiritualista (soprattutto nell’induismo) siamo tutti Anime individuali condizionate, reincarnate in questo universo materiale, e solo temporaneamente rivestiamo degli involucri o veicoli materiali di tipo maschile o femminile. Ogni tipo di veicolo ha le sue caratteristiche fisiche, mentali, ormonali, percettive, intellettive, ecc. I veicoli hanno caratteristiche diverse e non sono affatto tutti uguali. Essi hanno diverse qualità a livello di percezione spazio temporale, emotivo, sentimentale, intellettivo (nessuna di queste caratteristiche sono spirituali, ma sono tutte materiali grossolane oppure più sottili).

Quindi lo spiritualista è consapevole di essere un’Anima che riveste un corpo: non un uomo!!! Non una donna!!! Non un animale!!! Non una pianta!!! La mente e l’Ego fanno parte del corpo, sono i suoi elementi più sottili. Ma non sono Anima e non sono Spirito. Anima e Spirito sono sinonimi e possono essere considerati la stessa cosa. Noi siamo in realtà solo  Anima o Spirito. L’insieme di Anima e Corpo-Mente è un essere umano. Ma noi non siamo questo in realtà. Il corpo-mente è solo un vestito, o una macchina che viene guidata, ma che ci condiziona pesantemente e ci intrappola in questo universo materiale illusorio.

Pensare di essere “animalisti, femministe, maschilisti”, e molti altri “ismi”, oltre che suonare ridicolo, significa essenzialmente identificarsi con il proprio corpo, e questo fà di una persona un materialista, piuttosto che uno spiritualista, che ne sia consapevole o meno. Non siamo uomini, donne, animali o piante, ma siamo Anime temporaneamente vestite in quel modo.

E’ soltanto un sentimento più o meno consapevole di invidia pensare: “ma perchè lui si e io no??”.
Significa soltanto essere materialisti l’identificarsi con i propri corpo e falso ego!!
NOI NON ABBIAMO NIENTE A CHE FARE CON QUESTI ELEMENTI PERCHE’ IN REALTA’ SIAMO UN’ANIMA INDIVIDUALE ETERNA O SPIRITO!!!!

Occuparsi di questioni temporali, manifestazioni e lotte per i diritti “del proprio vestito temporaneo” del momento è stupido agli occhi dello spiritualista, il quale sà che non ha nulla a che fare con tutto questo, in quanto egli è Anima Eterna individuale e immutabile, frammento infinitesimale di Dio, la Persona Suprema.

I diritti delle donne, degli animali, o di qualsiasi altra cosa suona alle orecchie dello spiritualista evoluto come se si parlasse dei “diritti delle magliette verdi e delle camice rosa o beige”. Questo non significa che con questa visione si giustificano abusi e soprusi: ognuno è responsabile delle proprie azioni e riceverà sempre una reazione uguale a ciò che ha compiuto. La vittima è stato carnefice, e il carnefice è stato vittima. Questo ping-pong terminerà quando la parte in vantaggio, il carnefice applicherà il “perdono” che predicava il Cristo.

Ma certo non bisogna identificarsi con il corpo e l’ego (il personaggio temporaneamente impersonato in questa vita) e occorre capire la vera “natura di ogni corpo materiale” che sia umano, maschile, femminile, animale o vegetale, con l’aiuto della saggezza divina emanata dalle scritture sacre rivelate (i Veda indiani, la Bibbia, il Corano: queste rivelazioni sono Dio stesso, perchè sono il Verbo della Bibbia, il suono trascendentale, la sillaba OM dei mantra vedici che crea gli universi, e nessuna esprime principi contraddittori con le altre verità rivelate, ma tutte portano alla liberazione dell’Anima). L’anima individuale che guida il corpo è dello stesso tipo, ma ha un’evoluzione spirituale differente. Quello che cambia la Coscienza che Egli ha di Dio, l’Essere Supremo.

ANIMA

Nella saggezza vedica queste questioni sono sviscerate nei minimi dettagli, mentre in altre rivelazioni come quella islamica ad esempio viene detto solo cosa bisognerebbe fare, ma non ne viene rivelato il motivo. Questo è consono alla forma-mentis islamica, cioè quella di devoti che si sottomettono a Dio (Allah), senza porsi nessuna domanda. La parola Islam significa infatti “arrendersi a Dio”, quindi questa è la loro caratteristica più nobile. La conseguenza negativa invece è che molte persone non capiscono, fraintendono, deformano, distorcono le istruzioni originali rivelate dall’Arcangelo Gabriele, il mentore intermediario e interlocutore con il Profeta Maometto (Pace su di lui).

Tornando all’argomento dell’articolo riporto domanda  di uno studente e risposta di Sankarshan Das Adhikari.
DOMANDA di uno studente al guru:

Le donne subordinate agli uomini

La prego di accettare i miei umili omaggi,
Tutte le glorie a Srila Prabhupada.

Ho letto che secondo la cultura vedica la femmina deve essere subordinata agli uomini. I miei amici non sono d’accordo. Trovano questo difficile da capire. Essi ritengono che il rispetto dovrebbe essere da entrambi i partner in un rapporto, il che è vero. Ho capito da un po’ della nostra letteratura (vedica) che la donna dovrebbe essere subordinata all’uomo. Come posso aiutare questi amici a capire questo concetto?

Il tuo studente

RISPOSTA di Sankarshan Das Adhikari: Uomini e Donne subordinati gli uni agli altri
Nella cultura vedica gli uomini (i buoni devoti praticanti) adottano una posizione molto responsabile nel dare un servizio di prima classe alle donne da sempre, vigilando che siano adeguatamente onorate e che non vengano mai abusate. Quando le donne sperimentano come vengono così amorevolmente servite dagli uomini esse gentilmente, naturalmente, e con entusiasmo ricambiano gli uomini servendoli in cambio.

Così in realtà gli uomini si subordinano alle donne proprio come un figlio serve con amore e protegge la madre, e le donne si subordinano agli uomini proprio come una madre prende amorevolmente cura di suo figlio.

In breve, la cultura vedica si basa sul principio della subordinazione. Tutti si subordinano il loro amore a Krishna, al guru, ai devoti di Krishna, e anche ai non-devoti, dandoli la Coscienza Krishna (Coscienza di Dio, NdT).

Sankarshan Das Adhikari

L’utente RVK precisa ulteriormente
Sankarshan Prabhu ha come sempre dato una meravigliosa risposta. Vorrei aggiungere alcuni punti qui.

Potete fare i vostri amici capire qualcosa solo se è stato capito. Condanne da realizzazioni danno la capacità di convincere. La domanda che avete chiesto e la sua risoluzione è fondamentale per la missione della Sampradaya (tradizione di successione disciplica spirituale, NdT) nel nostro mondo moderno.

La subordinazione delle donne non significa inferiorità delle donne: una confusione da risolvere categoricamente!
Uomini e donne hanno ruoli precisi da svolgere nella missione e servizio al Signore. Quello che può fare una donna, un uomo non può e viceversa. Essi dovrebbero completarsi a vicenda. Questo è il matrimonio: una simbiosi, non è parassitismo.
Perché la Terra è sferica e non cubica?

Perché il prato è verde e non rosso?

Perché l’acqua è liquida e non solida?

Si tratta della Natura (Prakriti, NdT) con cui vengono creati.

Perché la natura delle donne è adatta a subordinarsi (la Natura del corpo femminile, NdT)?
Questa è la Natura della creazione di un corpo femminile. [E’ spiegato che il principio femminile è un principio lunare-passivo, al contrario del principio solare-attivo maschile, NdT].

In realtà, C’E’ UN SOLO MASCHIO (per sua Natura quindi dominante, NdT): Krishna (Dio, Allah, YHWH, ecc. tutte le altre emanazioni e rivelazioni divine, NdT), E TUTTA LA CREAZIONE MATERIALE E SPIRITUALE E’ DI SESSO FEMMINILE. QUESTO PERCHE’ TUTTI E TUTTO SONO SUBORDINATI A LUI (L’ETERNO, IL NON-NATO, COLUI CHE NON HA ORIGINE DA NULLA E NON HA BISOGNO DI NULLA, NdT).

Il corpo umano ha il solo scopo di realizzare Dio, soprattutto l’uomo (un’Anima temporaneamente incarnata in un corpo maschile, NdT).

All’Anima che ha (sviluppato nelle vite precedenti, NdT) molti più desideri materiali è stato dato un corpo di donna, in quanto si tratta di una persona che ama più di altre la Passione (3 sono le influenze materiali o guna: Virtù, Passione e Ignoranza, che influenza ogni azione, NdT).

indianwomen

Le donne sono naturalmente inclini ad essere attaccate al loro corpo e a tutte le relazioni che ci sono con esso.
Sono molto interessate a vestirsi bene e si decorano con ornamenti.

Non amano fare le austerità o le penitenze, n
é hanno la forza di effettuare molte tapasya (austerità, NdT), a causa del fatto di essere fisicamente più deboli rispetto agli uomini, e sono disturbate dai cicli mensili, ecc.
Danno priorità alle emozioni ponendole prima dell’intelletto, e si abbatteno sotto la pressione emotiva, a causa di essere  condizionate dalle vite passate, attaccate a molti desideri.

Rinuncia o sannyas non è pertanto raccomandato per loro.

Subiscono molto l’influenza dalla Passione e dall’Ignoranza (Rajo-Guna eTamo-Guna, si tratta di 2 di 3 delle influenze materiali dell’universo materiale: Virtù, Passione, e Ignoranza, NdT).

Questo è il motivo per cui le donne non hanno la rappresentanza brahminica.
Le donne hanno anche forti tendenze per cui possono anche essere molto crudeli, addirittura con i propri figli. L’aborto è un ritratto forte di questa realtà. Bhaktisiddhanta Saraswati Thakura ha detto che anche se una donna prende per la Coscienza di Krishna, è difficile per lei raggiungere a una piattaforma molto alta (è tuttavia possibile che ci siano tutte le eccezioni del caso, NdT).
Le scritture quindi non consigliano l’indipendenza per le donne (non essendo una caratteristica lunare-passiva, NdT). Questo perché il Purusha (Dominatore, pricipio attivo-solare-maschile-fecondatore, NdT) può stare senza Prakriti (Natura, Ndt), ma Prakriti ma non può esistere senza Purusha. Grandi devote come Mirabai (Merta, 1498 – 1547, è stata una poetessa e mistica indiana del periodo Moghul, NdT) sono eccezionalmente rare.

BvB - cartoon

La ribellione delle moderne ragazze e donne all’antica saggezza è un fatto sufficiente per corroborare questa verità. Si ribellano a causa del falso ego (il primo grave errore è quello di pensare di essere delle donne e identificarsi con il proprio corpo, quando si tratta solo di un involucro temporaneo, NdT). La ribellione di una donna contro la sua Natura (contro le caratteristiche tipiche del suo temporaneo veicolo o involucro materiale, NdT), porta solo a sperimentare diversi stadi e stati di miseria. Ad esse non piace la subordinazione, nè essere controllate. Gli uomini non amano umiliare se stessi trasformandosi in donne e costringendosi a presentare una Natura che non è quella caratteristica (del loro involucro temporaneo, NdT).
Così, per queste e molte altre ragioni, le donne dovrebbero essere subordinate, ma si badi bene, NON considerate inferiori.
Esse dovrebbero sposare dei devoti di prima classe qualificati, e vivere felicemente. Se il marito non è di prima classe, la donna non è ispirata ad essere di prima classe anch’essa ogni volta che alza lo sguardo a lui.
Se lui è eccellente, lei sarà portata a dare tutto per lui.
Pertanto e in questo senso, una donna raggiunge la liberazione attraverso il marito, che si presume essere un devoto di prima classe e che si prende la responsabilità di condurre alla liberazione i suoi dipendenti (famiglia, moglie e figli, NdT). Siccome lei non può capire le scritture da sola (mette e preferisce sempre i sentimenti rispetto all’intelletto e alla logica, NdT), ha bisogno di qualcuno che la guidi di conseguenza. Così il marito diventa il suo guru e deve rimanere così. Lui è un esempio vivente per il suo quotidiano.

[Servendo un devoto del Signore equivale a servire Lui stesso, in quanto nelle scritture Krishna dice, mad-asraya: “Prendete rifugio in Me o nel Mio devoto”, NdT]

Detto questo, le scritture esaltano anche delle grandi devote, e ce ne sono diverse. Quindi, pensare che le scritture declassano la donna, è sbagliato (in questo modo modo si offende anche Dio, perchè non c’è differenza tra l’Eterno e Unico Dio e il suo Verbo emanato come rivelazione divina, NdT). In ogni caso, è meglio accettare la posizione spirituale e materiale e lavorare da lì nel modo corretto. Uomo o donna non è di alcuna importanza; ciò che conta è servire il Signore. Dopo tutto questo arriverà la fine della nostra permanenza su questo pianeta, quindi viviamo gloriosamente, senza essere ostacolati dal nostro corpo e dalla sua accettazione o dal rifiuto da parte di persone materialiste. Krishna mi ha accettato, perché mi dovrei preoccupare ancora per la mia brutta maschera?

C’è molto da dire in merito su questo argomento e ancora rimane oggetto di controversie. Dopo tutto, questa è l’età della  discordia (Kali Yuga, Età del Ferro, del caos e della Discordia, iniziata 5000 anni fa e che avrà termine tra 427.000 anni, NdT). Spero che questo risponda alla tua domanda e che convinca anche i tuoi amici.

Hari Hari !!!
VRK


Fonte: http://forum.iskcondesiretree.info/viewtopic.php?f=44&t=500&start=0