marcogiailevra

Libero ricercatore indipendente su salute, longevità, ehretismo, crudismo, fruttarianismo, sungazing, nutrimento pranico.

Archivi delle etichette: impuro

I tre motivi per i quali l’Ayurveda non apprezza le uova …

I tre motivi per i quali l’Ayurveda non apprezza le uova …

a cura di Marco Giai-Levra

uovo Avete notato che i libri di stretta cucina ayurvedica non parlano di uova? Chi ha viaggiato in India, frequentando qualche famiglia tradizionale, sa che tali tradizionalisti non consumano le uova. È un errore dietetico?

La dieta occidentale valuta le uova come una buona fonte di proteine ​​con la raccomandazione di usarle consapevolmente a causa dell’innalzamento del colesterolo. Esiste anche un potenziale rischio di avvelenamento da salmonella se le uova eventualmente contaminate non fossero state adeguatamente cotte.

L’Ayurveda difetta in qualcosa, o sono gli occidentali che incorrono nell’errore? Chi sbaglia?

Ayurveda significa scienza della longevità. Il mistero di evitare completamente le uova nell’Ayurveda si può comprendere se si tiene presente che insieme al corpo fisico grossolano esiste anche un corpo sottile. Anche tale corpo sottile deve essere alimentato. Gli alimenti di cui lo nutriamo hanno delle energie sottili insite nel cibo stesso, che possono essere di natura molto diversa.

Se il cibo avesse solo la componente energetica non ci importerebbe da quale fonte ottenere un apporto di energia. Ma noi desideriamo un cibo specifico e non vogliamo mangiare qualsiasi sorgente di energia. Ciò significa che ci manca un tipo specifico di energia emozionale che questo cibo può fornire. Ognuno dei 6 gusti ayurvedici, o Rasa, conferisce una specifica energia emozionale.

Uno yogi sull’Himalaya che controlla la sua mente e le sue sensazioni è soddisfatto con una piccola quantità dello stesso cibo ogni giorno. Dall’altra parte una persona che vive nel turbamento di una grande città ha bisogno di molte combinazioni di gusto diverse per ripristinare le emozioni che egli aveva utilizzato.

è proprio l’energia sottile che le uova possiedono che rende il loro consumo discutibile.

http://www.dreamstime.com/stock-images-image31000254 I tre motivi per cui l’Ayurveda non ama le uova:

  • Anche se le uova potrebbero essere di qualche beneficio per il corpo fisico, l’energia eterica che forniscono per il nostro corpo sottile va ad arrestare la forza di volontà dell’uomo.
  • In misura minore rispetto alla carne e al pesce, ma anche le uova non sono ancora completamente esenti dall’energia della violenza, considerando in particolare il percorso della loro produzione commerciale.
  • Il problema successivo e più importante con le uova è il modo attraverso cui una gallina le produce. Tutto ciò che esce da un centro energetico inferiore, feci o uova, è considerato impuro secondo l’Ayurveda. Chi consuma qualcosa dai centri inferiori si contamina. È un grande ostacolo non solo per la crescita spirituale, ma anche per prendere scelte giuste nella vita quotidiana.  È considerato un cibo tamasico, ossia sotto l’influenza del Guna Tamas o Ignoranza (Illusione), e induce la mente a vedere “quello che non è”.

Il latte sembra provenire anche da un basso centro. Ma anche se le mammelle sono situate nella parte inferiore del corpo della mucca, esse rappresentano il Chakra del cuore pieno di amore e di compassione. È per questo che l’Ayurveda considera il latte come cibo virtuoso (sattvico).

Riporto dei sostituti vegani (di cui alcuni crudisti e uno anche fruttariano) che si possono utilizzare al posto delle uova:

Baking? Prova questi sostituti dell'uovo

  • Semi di lino: 3 cucchiai di acqua con 1 cucchiaio di semi di lino in polvere = 1 uovo.
  • Banana: ½ banana schiacciata = 1 uovo.
  • Mele: 1/3 di tazza di purea di mele cotte.
  • Bicarbonato di sodio: 2 cucchiaini di bicarbonato di sodio + 2 cucchiai di acqua calda + ½ cucchiaino di olio vegetale = 1 uovo.
  • Farine, amidi e lieviti: 2 cucchiaini di amido di mais in polvere + farina di tapioca + lievito in polvere con 2 cucchiai d’acqua = 1 uovo.
  • Tofu: 1/4 di tazza di tofu tritato.
  • Farina di soia: 1 cucchiaio di farina di soia tostata + 1 cucchiaio di acqua = 1 uovo.
  • Amido: 2 cucchiai di patate o amido di mais + 1 cucchiaio di acqua = 1 uovo.

NOTA DEL GIORNO: L’Ayurveda è fortemente contrario alla carne e alle uova animali. Il fatto che i moderni medici ayurvedici raccomandino a volte tipi specifici di carne o uova per diversi tipi di dosha (tipo di costituzione corporea), significa semplicemente che questa scienza mira alla configurazione più sana possibile, anche se qualcuno non è ancora diventato almeno vegetariano.

Non è un caso che i monaci Hare Krishna non mangiano questo cibo impuro, perchè altrimenti non riuscirebbero più a discernere quello che è materiale-mentale da quello che è spirituale, ma soprattutto perchè è un cibo assolutamente inoffribile a Krishna (Dio), venendo considerato talmente impuro da essere considerato addirittura una sorta di mestruazioni della gallina.

Infatti il divieto di consumare questo cibo impuro è ribadito nel primo dei quattro principi regolatori che ogni monaco si impegna a rispettare nella propria vita, dopo aver preso i voti e l’iniziazione spirituale da un maestro autentico, oltre alla promessa di cantare ogni giorno sedici giri sul rosario (108 Mahamantra x 16 = 1728 Mahamantra = 27648 nomi del Signore). Tali principi regolatori sono:

  1. non consumare carne, pesce e uova;
  2. non fare uso di alcun prodotto intossicante/eccitante (compresi droga, alcol, tè, caffè e sigarette);
  3. non avere rapporti sessuali illeciti (fuori del matrimonio, se non si è scelto di praticare il celibato);
  4. non abbandonarsi ai giochi d’azzardo e alla speculazione monetaria.

fonti:
http://ayurvedaplace.com/2014/06/23/reasons-ayurveda-eggs/

FREE DONATION TO MARCO 😉 😉 😉 !!! Pourquoi Pas 🙂 ??? :

DIVIETO DI DIGIUNO IN QUESTE DATE: VEDIC SCIENCE

A cura di Marco Giai-Levra

Avevo precedentemente giàscritto un articolo sui giorni “impuri” o Ashudda in sanscrito, in cui a causa di particolari influenze lunari e planetarie non conviene digiunare perchè è spiegato dagli Shastra (Scritture rivelate) che porta malessere fisico, mentale e spirituale, addirittura degradando il karma e mandando in miseria il digiunatore. In altre parole diventa difficile e pericolo, per non dire rovinoso digiunare in questi giorni Ashudda.

L’articolo completo con tutta la spiegazione lo potete trovare al seguente link:
https://marcogiailevra.wordpress.com/2017/02/18/digiuno-lunare-di-ekadashi-regole-vediche-quando-digiunare-shuddha-ekadashi-e-quando-non-digiunare-ashuddha-ekadashi/

blue-moon-large

Nell’induismo in generale sono prescritti 2 giorni di digiuno lunare al mese, obbligatori per i devoti del Signore. Questi giorni sono detti Ekadashi e dovrebbero ricadere 11 giorni dopo la luna piena o la luna nuova, ma poi avvengono sempre degli aggiustamenti astrologici e quindi non è così automatico, anche perchè l’astrologia vedica si basa sul perfetto calendario lunare, e non sul nostro calendario solare (che in realtà è artificiale, non naturale come quello lunare).

Sul web è disponibile un calcolatore dei giorni di Ekadashi, dove potete immettere anche luogo e anno per essere sicuri di non sbagliare le date prescritte, oltre a scoprire i fatidici giorni impuri, le Ashudda Ekadashi, i giorni in cui NON bisognerebbe intraprendere la pratica del digiuno.

Il calcolatore automatico lo potete trovare a questo indirizzo:
http://www.drikpanchang.com/vrats/ekadashidates.html

Per scoprire quali sono i giorni impuri (Ashudda Ekadashi)  in cui non conviene affatto digiunare dovete controllare nella lista delle date delle differenti Ekadashi. Bene, quando vedrete che il nome di una Ekadashi è preceduto dalla parola Vaishnava, allora potrete anche notare che il giorno prima è riportato il nome della stessa Ekadashi senza essere preceduto dalla parola Vaishnava, e quindi saprete che tale giorno precedente è Ashudda, ossia “impuro”. In questo giorno impuro NON si deve digiunare.

Facciamo un esempio perchè voglio essere sicuro che nessuno sbagli. Prendiamo alcune delle Ekadasi di Milano 2017:

24 March   (Friday)          Papmochani Ekadashi
06 April     (Thursday)   Kamada Ekadashi  → ASHUDDA (IMPURA) EKADASI
07 April     (Friday)         Vaishnava Kamada Ekadashi → SHUDDA (PURA) EKADASI
22 April      (Saturday)      Varuthini Ekadashi
06 May       (Saturday)       Mohini Ekadashi

Nell’esempio riportato Kamada Ekadasi ricadeva il 6 aprile che era un giorno impuro o ashudda, quindi è stata traslata al giorno successivo che invece era un giorno puro o shudda. In conclusione, osservando la lista del calcolatore sopra riportato, NON SI DEVE DIGIUNARE nei giorni precedenti a quelli in cui compare la parola Vaishnava seguita dal nome della relativa Ekadasi. Tutti gli altri giorni dell’anno in elenco o non in elenco sono qualificati per il digiuno.

Grazie alla magnanimità di coloro che hanno sviluppato questa e altre piattaforme simili, adesso tutti possono essere in grado di determinare e conoscere i “giorni no” per il digiuno. Questo è particolarmente utile se si pianificano dei digiuni più lunghi.

Hare Krishna a tutti 😇 !!!

Pensiero-Mantra del giorno:
“Sono un TuttUno con Krishna e Krishna è con me” 😊😊😊

© 2017 Marco Giai-Levra

fonti:
http://www.drikpanchang.com

FREE DONATION TO MARCO 😉 😉 😉 !!! Pourquoi Pas 🙂 ??? :