marcogiailevra

Libero ricercatore indipendente su salute, longevità, ehretismo, crudismo, fruttarianismo, sungazing, nutrimento pranico.

Archivi delle etichette: Natura

Le donne subordinate agli uomini nell’induismo: esistono nelle sacre scritture rivelate delle ragioni che riguardano la meccanica grossolana e sottile del corpo materiale femminile e del suo funzionamento specifico

LE DONNE SUBORDINATE AGLI UOMINI (INDUISMO, ISLAM E ALTRE RELIGIONI)
A cura di Marco Giai-Levra

Riporto qui la domanda di uno studente, la risposta di Sankarshan Das Adhikari e alcune precisaziondi dell’utente VRK. Uno studente fà una domanda su questo scottante argomento al suo guru che è un devoto di Krishna, Sankarshan Das Adhikari.

In realtà l’argomento è scandalizzante o scottante solo per chi è materialista e si identifica con il proprio corpo e il proprio falso ego, come verrà descritto qui di seguito. A livello basico è sempre e solo un sentimento di invidia, lo stesso tipo di sentimento invidioso (allora rivolto a Dio) che ci ha indotto a scegliere di incarnarci nell’universo materiale la prima volta, lasciando il posto eterno e spirituale dal quale proveniamo e rimanendo imprigionati e condizionati dai vari corpi che di volta in volta rivestiamo, di qualsiasi genere: maschile, femminile, pianta o animale. Secondo il nostro karma continuiamo a cambiare corpo o veicolo materiale, fino a quando riusciremo a liberare l’Anima per sempre e a tornare dall’Essere Supremo Eterno, Dio.

Quotes-by-Srila-Prabhupada-on-Light-Of-The-Soul

Dal punto di vista spiritualista (soprattutto nell’induismo) siamo tutti Anime individuali condizionate, reincarnate in questo universo materiale, e solo temporaneamente rivestiamo degli involucri o veicoli materiali di tipo maschile o femminile. Ogni tipo di veicolo ha le sue caratteristiche fisiche, mentali, ormonali, percettive, intellettive, ecc. I veicoli hanno caratteristiche diverse e non sono affatto tutti uguali. Essi hanno diverse qualità a livello di percezione spazio temporale, emotivo, sentimentale, intellettivo (nessuna di queste caratteristiche sono spirituali, ma sono tutte materiali grossolane oppure più sottili).

Quindi lo spiritualista è consapevole di essere un’Anima che riveste un corpo: non un uomo!!! Non una donna!!! Non un animale!!! Non una pianta!!! La mente e l’Ego fanno parte del corpo, sono i suoi elementi più sottili. Ma non sono Anima e non sono Spirito. Anima e Spirito sono sinonimi e possono essere considerati la stessa cosa. Noi siamo in realtà solo  Anima o Spirito. L’insieme di Anima e Corpo-Mente è un essere umano. Ma noi non siamo questo in realtà. Il corpo-mente è solo un vestito, o una macchina che viene guidata, ma che ci condiziona pesantemente e ci intrappola in questo universo materiale illusorio.

Pensare di essere “animalisti, femministe, maschilisti”, e molti altri “ismi”, oltre che suonare ridicolo, significa essenzialmente identificarsi con il proprio corpo, e questo fà di una persona un materialista, piuttosto che uno spiritualista, che ne sia consapevole o meno. Non siamo uomini, donne, animali o piante, ma siamo Anime temporaneamente vestite in quel modo.

E’ soltanto un sentimento più o meno consapevole di invidia pensare: “ma perchè lui si e io no??”.
Significa soltanto essere materialisti l’identificarsi con i propri corpo e falso ego!!
NOI NON ABBIAMO NIENTE A CHE FARE CON QUESTI ELEMENTI PERCHE’ IN REALTA’ SIAMO UN’ANIMA INDIVIDUALE ETERNA O SPIRITO!!!!

Occuparsi di questioni temporali, manifestazioni e lotte per i diritti “del proprio vestito temporaneo” del momento è stupido agli occhi dello spiritualista, il quale sà che non ha nulla a che fare con tutto questo, in quanto egli è Anima Eterna individuale e immutabile, frammento infinitesimale di Dio, la Persona Suprema.

I diritti delle donne, degli animali, o di qualsiasi altra cosa suona alle orecchie dello spiritualista evoluto come se si parlasse dei “diritti delle magliette verdi e delle camice rosa o beige”. Questo non significa che con questa visione si giustificano abusi e soprusi: ognuno è responsabile delle proprie azioni e riceverà sempre una reazione uguale a ciò che ha compiuto. La vittima è stato carnefice, e il carnefice è stato vittima. Questo ping-pong terminerà quando la parte in vantaggio, il carnefice applicherà il “perdono” che predicava il Cristo.

Ma certo non bisogna identificarsi con il corpo e l’ego (il personaggio temporaneamente impersonato in questa vita) e occorre capire la vera “natura di ogni corpo materiale” che sia umano, maschile, femminile, animale o vegetale, con l’aiuto della saggezza divina emanata dalle scritture sacre rivelate (i Veda indiani, la Bibbia, il Corano: queste rivelazioni sono Dio stesso, perchè sono il Verbo della Bibbia, il suono trascendentale, la sillaba OM dei mantra vedici che crea gli universi, e nessuna esprime principi contraddittori con le altre verità rivelate, ma tutte portano alla liberazione dell’Anima). L’anima individuale che guida il corpo è dello stesso tipo, ma ha un’evoluzione spirituale differente. Quello che cambia la Coscienza che Egli ha di Dio, l’Essere Supremo.

ANIMA

Nella saggezza vedica queste questioni sono sviscerate nei minimi dettagli, mentre in altre rivelazioni come quella islamica ad esempio viene detto solo cosa bisognerebbe fare, ma non ne viene rivelato il motivo. Questo è consono alla forma-mentis islamica, cioè quella di devoti che si sottomettono a Dio (Allah), senza porsi nessuna domanda. La parola Islam significa infatti “arrendersi a Dio”, quindi questa è la loro caratteristica più nobile. La conseguenza negativa invece è che molte persone non capiscono, fraintendono, deformano, distorcono le istruzioni originali rivelate dall’Arcangelo Gabriele, il mentore intermediario e interlocutore con il Profeta Maometto (Pace su di lui).

Tornando all’argomento dell’articolo riporto domanda  di uno studente e risposta di Sankarshan Das Adhikari.
DOMANDA di uno studente al guru:

Le donne subordinate agli uomini

La prego di accettare i miei umili omaggi,
Tutte le glorie a Srila Prabhupada.

Ho letto che secondo la cultura vedica la femmina deve essere subordinata agli uomini. I miei amici non sono d’accordo. Trovano questo difficile da capire. Essi ritengono che il rispetto dovrebbe essere da entrambi i partner in un rapporto, il che è vero. Ho capito da un po’ della nostra letteratura (vedica) che la donna dovrebbe essere subordinata all’uomo. Come posso aiutare questi amici a capire questo concetto?

Il tuo studente

RISPOSTA di Sankarshan Das Adhikari: Uomini e Donne subordinati gli uni agli altri
Nella cultura vedica gli uomini (i buoni devoti praticanti) adottano una posizione molto responsabile nel dare un servizio di prima classe alle donne da sempre, vigilando che siano adeguatamente onorate e che non vengano mai abusate. Quando le donne sperimentano come vengono così amorevolmente servite dagli uomini esse gentilmente, naturalmente, e con entusiasmo ricambiano gli uomini servendoli in cambio.

Così in realtà gli uomini si subordinano alle donne proprio come un figlio serve con amore e protegge la madre, e le donne si subordinano agli uomini proprio come una madre prende amorevolmente cura di suo figlio.

In breve, la cultura vedica si basa sul principio della subordinazione. Tutti si subordinano il loro amore a Krishna, al guru, ai devoti di Krishna, e anche ai non-devoti, dandoli la Coscienza Krishna (Coscienza di Dio, NdT).

Sankarshan Das Adhikari

L’utente RVK precisa ulteriormente
Sankarshan Prabhu ha come sempre dato una meravigliosa risposta. Vorrei aggiungere alcuni punti qui.

Potete fare i vostri amici capire qualcosa solo se è stato capito. Condanne da realizzazioni danno la capacità di convincere. La domanda che avete chiesto e la sua risoluzione è fondamentale per la missione della Sampradaya (tradizione di successione disciplica spirituale, NdT) nel nostro mondo moderno.

La subordinazione delle donne non significa inferiorità delle donne: una confusione da risolvere categoricamente!
Uomini e donne hanno ruoli precisi da svolgere nella missione e servizio al Signore. Quello che può fare una donna, un uomo non può e viceversa. Essi dovrebbero completarsi a vicenda. Questo è il matrimonio: una simbiosi, non è parassitismo.
Perché la Terra è sferica e non cubica?

Perché il prato è verde e non rosso?

Perché l’acqua è liquida e non solida?

Si tratta della Natura (Prakriti, NdT) con cui vengono creati.

Perché la natura delle donne è adatta a subordinarsi (la Natura del corpo femminile, NdT)?
Questa è la Natura della creazione di un corpo femminile. [E’ spiegato che il principio femminile è un principio lunare-passivo, al contrario del principio solare-attivo maschile, NdT].

In realtà, C’E’ UN SOLO MASCHIO (per sua Natura quindi dominante, NdT): Krishna (Dio, Allah, YHWH, ecc. tutte le altre emanazioni e rivelazioni divine, NdT), E TUTTA LA CREAZIONE MATERIALE E SPIRITUALE E’ DI SESSO FEMMINILE. QUESTO PERCHE’ TUTTI E TUTTO SONO SUBORDINATI A LUI (L’ETERNO, IL NON-NATO, COLUI CHE NON HA ORIGINE DA NULLA E NON HA BISOGNO DI NULLA, NdT).

Il corpo umano ha il solo scopo di realizzare Dio, soprattutto l’uomo (un’Anima temporaneamente incarnata in un corpo maschile, NdT).

All’Anima che ha (sviluppato nelle vite precedenti, NdT) molti più desideri materiali è stato dato un corpo di donna, in quanto si tratta di una persona che ama più di altre la Passione (3 sono le influenze materiali o guna: Virtù, Passione e Ignoranza, che influenza ogni azione, NdT).

indianwomen

Le donne sono naturalmente inclini ad essere attaccate al loro corpo e a tutte le relazioni che ci sono con esso.
Sono molto interessate a vestirsi bene e si decorano con ornamenti.

Non amano fare le austerità o le penitenze, n
é hanno la forza di effettuare molte tapasya (austerità, NdT), a causa del fatto di essere fisicamente più deboli rispetto agli uomini, e sono disturbate dai cicli mensili, ecc.
Danno priorità alle emozioni ponendole prima dell’intelletto, e si abbatteno sotto la pressione emotiva, a causa di essere  condizionate dalle vite passate, attaccate a molti desideri.

Rinuncia o sannyas non è pertanto raccomandato per loro.

Subiscono molto l’influenza dalla Passione e dall’Ignoranza (Rajo-Guna eTamo-Guna, si tratta di 2 di 3 delle influenze materiali dell’universo materiale: Virtù, Passione, e Ignoranza, NdT).

Questo è il motivo per cui le donne non hanno la rappresentanza brahminica.
Le donne hanno anche forti tendenze per cui possono anche essere molto crudeli, addirittura con i propri figli. L’aborto è un ritratto forte di questa realtà. Bhaktisiddhanta Saraswati Thakura ha detto che anche se una donna prende per la Coscienza di Krishna, è difficile per lei raggiungere a una piattaforma molto alta (è tuttavia possibile che ci siano tutte le eccezioni del caso, NdT).
Le scritture quindi non consigliano l’indipendenza per le donne (non essendo una caratteristica lunare-passiva, NdT). Questo perché il Purusha (Dominatore, pricipio attivo-solare-maschile-fecondatore, NdT) può stare senza Prakriti (Natura, Ndt), ma Prakriti ma non può esistere senza Purusha. Grandi devote come Mirabai (Merta, 1498 – 1547, è stata una poetessa e mistica indiana del periodo Moghul, NdT) sono eccezionalmente rare.

BvB - cartoon

La ribellione delle moderne ragazze e donne all’antica saggezza è un fatto sufficiente per corroborare questa verità. Si ribellano a causa del falso ego (il primo grave errore è quello di pensare di essere delle donne e identificarsi con il proprio corpo, quando si tratta solo di un involucro temporaneo, NdT). La ribellione di una donna contro la sua Natura (contro le caratteristiche tipiche del suo temporaneo veicolo o involucro materiale, NdT), porta solo a sperimentare diversi stadi e stati di miseria. Ad esse non piace la subordinazione, nè essere controllate. Gli uomini non amano umiliare se stessi trasformandosi in donne e costringendosi a presentare una Natura che non è quella caratteristica (del loro involucro temporaneo, NdT).
Così, per queste e molte altre ragioni, le donne dovrebbero essere subordinate, ma si badi bene, NON considerate inferiori.
Esse dovrebbero sposare dei devoti di prima classe qualificati, e vivere felicemente. Se il marito non è di prima classe, la donna non è ispirata ad essere di prima classe anch’essa ogni volta che alza lo sguardo a lui.
Se lui è eccellente, lei sarà portata a dare tutto per lui.
Pertanto e in questo senso, una donna raggiunge la liberazione attraverso il marito, che si presume essere un devoto di prima classe e che si prende la responsabilità di condurre alla liberazione i suoi dipendenti (famiglia, moglie e figli, NdT). Siccome lei non può capire le scritture da sola (mette e preferisce sempre i sentimenti rispetto all’intelletto e alla logica, NdT), ha bisogno di qualcuno che la guidi di conseguenza. Così il marito diventa il suo guru e deve rimanere così. Lui è un esempio vivente per il suo quotidiano.

[Servendo un devoto del Signore equivale a servire Lui stesso, in quanto nelle scritture Krishna dice, mad-asraya: “Prendete rifugio in Me o nel Mio devoto”, NdT]

Detto questo, le scritture esaltano anche delle grandi devote, e ce ne sono diverse. Quindi, pensare che le scritture declassano la donna, è sbagliato (in questo modo modo si offende anche Dio, perchè non c’è differenza tra l’Eterno e Unico Dio e il suo Verbo emanato come rivelazione divina, NdT). In ogni caso, è meglio accettare la posizione spirituale e materiale e lavorare da lì nel modo corretto. Uomo o donna non è di alcuna importanza; ciò che conta è servire il Signore. Dopo tutto questo arriverà la fine della nostra permanenza su questo pianeta, quindi viviamo gloriosamente, senza essere ostacolati dal nostro corpo e dalla sua accettazione o dal rifiuto da parte di persone materialiste. Krishna mi ha accettato, perché mi dovrei preoccupare ancora per la mia brutta maschera?

C’è molto da dire in merito su questo argomento e ancora rimane oggetto di controversie. Dopo tutto, questa è l’età della  discordia (Kali Yuga, Età del Ferro, del caos e della Discordia, iniziata 5000 anni fa e che avrà termine tra 427.000 anni, NdT). Spero che questo risponda alla tua domanda e che convinca anche i tuoi amici.

Hari Hari !!!
VRK


Fonte: http://forum.iskcondesiretree.info/viewtopic.php?f=44&t=500&start=0

Annunci

SCIENZA DI KRISHNA: NORME CORRETTE IN CUCINA PER ADORARE LA DIVINITÀ

SCIENZA DI KRISHNA: NORME CORRETTE IN CUCINA PER ADORARE LA DIVINITÀ
Considerazioni, analogie e differenze tra un punto di vista crudista e la tradizione vedica (NdT)
Traduzione e commenti a cura di Marco Giai-Levra

banner_food_3_12

Propongo la seguente traduzione da documento originale, la quale raccoglie una serie di norme, lettere e consigli che dovrebbero vigere tra i vaishnava, ossia gli adoratori di Dio sotto l’aspetto di Vishnu o Krishna. Le seguenti informazioni provengono da lettere e conversazioni di Sua Divina Grazia A. C. Bhaktivedanta Svami Srila Prabhupada, fondatore del Movimento per la Coscienza di Krishna (ISKCON).

SP-043-Prabhupada-on-Vyasana-folded-hands

Ho aggiunto delle considerazioni personali filtrate dalla mia personale esperienza crudista-fruttariano-igienista, differenziando i miei commenti con il diverso colore blu. Si noterà come svariati alimenti e modalità sconsigliate o consigliate rimangono tali anche nel crudismo e igienismo, come a voler arrivare a delle affinità, pur partendo da tutt’altro punto di vista. Esistono analogie e differenze, ma se si vanno a esaminare direttamente i testi originali, senza passare attraverso dei commentari e delle interpretazioni (che, come dice Krishna stesso nel Cap.15 verso 16, sono fallibili), si potrà notare come le differenze sono talvolta state create proprio da interpretazioni personali o tradizionali delle scritture. La cucina degli Hare Krishna è vegetariana, da cui vengono esclusi ulteriormente uova (quindi non è lacto-“ovo”-vegetariana, ma solo lacto-vegetariana), aglio, cipolla, funghi, caffè, cioccolata e qualsiasi sostanza inebriante o stimolante.

Prasada Krishna

CIBI PROIBITI (o non-offribili, Ndt)
I cibi proibiti più comuni sono pesce, carne, vino, cipolla, aglio, Masur dhal (lenticchie rosse), riso bruciato, ravanello, melanzane bianche, canapa (marijuana), il cedro e succhi provenienti da alberi (se non bolliti prima), prodotti lattiero-caseari di bufala o di capra, e il latte con del sale dentro (preparazioni salate come le zuppe che includono del latte sono consentite). Inoltre, non si dovrebbero offrire cibi in scatola o congelati alle Divinità, ed è meglio evitare di offrire alimenti contenenti sostanze non salutari come il lievito e lo zucchero bianco. [Nel crudismo tutti questi alimenti (tranne aglio, cipolla, ravanello e cedro, anche se per Shelton, uno dei padri dell’igienismo, vanno esclusi anche aglio e cipolla) sono considerati insani in quanto rappresentano cibo non commestibile così com’è in Natura, che necessita della trasformazione chimica provocata dalla cottura per essere mangiato; secondo i Veda gli ortaggi che crescono sotto terra sono tamasici, ossia sotto l’influenza materiale tamas, che in sanscrito significa “ignoranza”; le altre due influenze materiali sono sattva o “virtù” e rajas o “passione”, NdT]

Srila Prabhupàda commenta: “Congelato significa marcio. Non prendo mai congelato …. è come se fosse marcio; piuttosto la stessa verdura viene fatta essiccare e conservata, in India utilizziamo questa pratica. Questa ha un buon gusto”. [Conversazione con Srila Prabhupàda, Vàndàvana, 3 Novembre 1976] [Nel crudismo, in alternativa ai vegetali crudi e freschi, si utilizza l’essicazione solare oppure artificiale a una temperatura inferiore ai 45° C, sotto la quale la cottura non avviene mai; questa pratica è utilizzata per concentrare il gusto, conservare e preservare il 100% dei nutrienti, al pari dell’alimento crudo, NdT]

“I cetrioli sottaceto: per quanto possibile, non si dovrebbero offrire alle Divinità cose che sono state preparate da non-devoti. Siamo in grado di accettare da loro frutta cruda, cereali (crudi, o simili cose crude). La cottura e la preparazione dovrebbero essere strettamente limitate ai devoti iniziati. E a parte questo, l’aceto non è buono ma è tamasico, cioè nelle tenebre; è quindi un cibo cattivo”. [Lettera di Srila Prabhupàda, 24 marzo 1969], [Da queste affermazioni si evince che i vegetali crudi offribili, ossia quasi tutti, non hanno karma e non inquinano la Coscienza dell’uomo, al contrario dei cibi cotti, che infatti devono essere preparati solo dai devoti per non creare attaccamenti alla materia e ai sensi più grossolani; anche nel crudismo l’aceto è considerato un acido innaturale troppo forte assolutamente da evitare, NdT]

“Per quanto riguarda l’uso della panna acida nel tempio, dovrebbe essere interrotto immediatamente. Nulla di ciò che è stato acquistato nei negozi deve essere offerto alle divinità. Cose prodotte dal karma [o dai karmi, i non-devoti, NdT] non dovrebbero essere offerte a Radha-Krishna. Il gelato, se si può preparare, va bene, ma altrimenti no”. [Lettera di Srila Prabhupàda, 6 aprile 1976] [Alimento considerato dall’igienismo-crudismo come acidificante, non commestibile da crudo, quindi da abiurare, NdT]

“Riso non raffinato, che si presenta come marrone può essere utilizzato … Non importa se lucidato o rozzo, ma quello bollito-doppiamente (ossia il riso parboiled o riso siddha) non deve essere utilizzato. Il riso parboiled è considerata impuro. Il riso cotto al sole (atapa) va bene “. [Lettera di Srila Prabhupàda, 17 ottobre 1967] [Alimento considerato dall’igienismo-crudismo come acidificante, non commestibile da crudo, quindi da abiurare, NdT]

“Fagioli di soia e lenticchie sono inoffribili”. [Istruzione personale di Srila Prabhupàda a Hàdayànanda DASA Gosvàmé] [Alimento considerato dall’igienismo-crudismo come acidificante, non commestibile da crudo, quindi da abiurare, NdT]

“Per quanto riguarda l’acquisto di cose al mercato, questi prodotti sono considerati purificati quando paghiamo denaro per essi. Questa è l’istruzione generale. Ma quando si ha qualche sospetto dovremmo evitarli. Ma se senza saperlo se qualcosa di questo tipo è stato acquistata, non è colpa nostra. Le cose su cui si ha qualche sospetto, tuttavia, devono essere evitate”. [Lettera di Srila Prabhupàda, 21 ottobre 1968]

Dal momento che è offensivo offrire qualcosa a Krishna che Egli non accetta, si dovrebbe essere molto cauti e non offrire (o mangiare) niente di discutibile.

CIBI OFFRIBILI
L’Hari-bhakti-vilasa elenca alcuni degli alimenti che potrebbero essere offerti: bilva (frutto dell’Albero sacro di Shiva, NdT). datteri, noce di cocco, jackfruit (frutto giaca o catala, NdT). uva, frutto di Tala, radice di loto, ortaggi a foglia, prodotti di latte di mucca, e prodotti a base di grano, ghee, e zucchero. I cereali, in particolare riso, dovrebbe sempre essere servito con il ghee. Il riso senza ghee è considerato asurico (demoniaco, NdT). [Si può ben notare che la frutta e i vegetali crudi a foglia sono offribili senza nessuna precauzione, contrariamente a quanto invece avviene ad esempio con i cereali: questo dimostra che sono un cibo di prima classe, di qualità sattvica, o sotto l’influenza materiale della virtù, e sono molto graditi a Dio; il ghee è il “burro chiarificato” ottenuto attraverso un processo di purificazione e trasformazione chimica che lo rendono più leggero e salutare: come fruttariano il primo pensiero a riguardo viene rivolto all’avocado, l’unico vero frutto grasso prodotto dalla Natura commestibile e squisito da crudo, detto anche “burro del marinaio”: sicuramente questo frutto carico di salutari grassi naturali monoinsaturi si può elevare su un piano superiore rispetto al ghee, in quanto è prodotto direttamente dalla Natura o da Dio, e non da un intervento umano, NdT]

Il Signore si compiace quando Gli vengono offerti cibi preparati con ghee, zucchero, yogurt, guòa (sagù o zucchero di canna) e miele; ceci preparati, dàls, zuppe (sabjés o biscotti inzuppati, NdT), le varietà di dolci e altri alimenti possono essere leccati, masticati, aspirati, o bevuti: sono tutti gradevoli.

Si possono anche offrire bevande come il succo di canna da zucchero, lo yogurt, l’acqua di limone zuccherato, acqua aromatizzata con cannella, canfora, o cardamomo, bevande alla frutta e di aromi e colori diversi.

succo-naturale-di-arancia-1

Molti passi della Caitanya-caritamrita descrivono preparazioni che piacciono a Krishna. Ecco un esempio da Antya-Lela, descrivendo ciò che i devoti di Sri Caitanya preparerebbero per Lui: «Hanno offerto [per Lui] preparati dal gusto pungente a base di pepe nero, preparati dal gusto dolce-acido, zenzero, preparazioni salate, tigli, latte, yogurt, formaggio, due o quattro tipi di spinaci, zuppa a base di cetriolo amaro [gukta o karela], melanzane mescolate con i fiori di Nimba, e fritto di paòola.>> [Cc. Antya 10,135-136] [Pepe, karela e melanzane sono tutti dei frutti, mentre gli spinaci sono foglie verdi, lo zenzero è consigliato come spezia digestiva, e i fiori di Nimba dal sapore appetibile sono tutti alimenti contemplati nel crudismo NdT]

krishnacowherdboyseating

In una lettera Srila Prabhupàda ha descritto i cibi in virtù e come presentarli al Signore: “Prodotti alimentari in virtù sono il frumento, il riso, legumi fagioli -non quelli di soia, NdT-, piselli), zucchero, miele, burro, e tutte le preparazioni latte, ortaggi, fiori, frutta, cereali. Quindi, questi alimenti possono essere offerti in qualsiasi forma, ma preparati in vari modi secondo l’intelligenza dei devoti”. [Lettera di Srila Prabhupàda, 13 Novembre 1968]

[Riporto e rimando il lettore direttamente al Cap. XVII della Bhavavad Gita, dove Krishna (Dio in Persona) definisce i cibi secondo le tre influenze della Natura materiale, cioè quelli  in “virtù, passione e ignoranza”.
VERSO 7
Anche i cibi, graditi a tutti, sono di tre tipi, che corrispondono alle tre influenze della natura materiale. Questo vale anche per i sacrifici, le austerità e la carità. Ascolta ciò che li distingue.
VERSI 8-10
I cibi in virtù accrescono la durata della vita, purificano l’esistenza e danno forza, salute, gioia e soddisfazione. Questi cibi sostanziosi sono dolci, succosi, grassi e saporiti.
I cibi troppo amari, aspri, salati, piccanti, secchi o caldi, sono preferiti da chi è dominato dalla passione. Essi generano sofferenza, infelicità e malattia.
I cibi cotti più di tre  ore prima di essere consumati [secondo alcune interpretazioni solo “cotti”, NdT], privi di gusto, di freschezza, puzzolenti, decomposti e impuri, sono preferiti da chi è sotto l’influenza dell’ignoranza.

Dalla descrizione si può notare che alcuni cibi situati dalla tradizione hindù sotto le varie influenze possono essere anche frutto di interpretazioni fallibli in quanto nel Cap. XV della Bhagavad Gita lo stesso Krishna afferma nel verso 16: “Ci sono due categorie di esseri: i fallibili e gli infallibili. Nel mondo materiale tutti sono fallibili, ma nel mondo spirituale tutti sono infallibili”, NdT]

Nella sua Caitanya-caritamrita, Srila Prabhupàda descrive il migliori tipi di riso per le offerte alle Divinità: “In India gukla-càval (riso bianco) è anche chiamato àtapa-càval, o riso che non è stato bollito prima di essere trebbiato. Un altro tipo di riso, chiamato siddha-càval (riso integrale), è bollito prima di essere trebbiato. In genere il riso bianco pregiato di prima classe è necessario per le offerte alla divinità” , [Cc. Antya 2,103, significato]

Un devoto può offrire in buona fede gli alimenti considerati prelibatezze dalla popolazione locale preferito, da lui stesso o dalla sua famiglia. Sanatana Gosvàmé, nel commentare un qloka e affermando che una persona può offrire i suoi alimenti favoriti o locali, scrive che questo significa che in generale sebbene alle persone possa non piacere un certo cibo, se ad un altro piace egli lo può offrire. Ma questo si riferisce agli alimenti approvati Scritture, non a quelli proibiti.
Quindi se uno è appassionato di un cibo proibito, non lo si può offrire al Signore. E così non lo si può mangiare.
Inoltre, non si dovrebbero offrire neanche gli alimenti consentiti ma che sono insipidi, sgradevoli, non-commestibili, impuro per qualsiasi motivo, o mangiati da insetti, animali o persone. [E’ interessante notare che la frutta cruda e scondita è buona e appetibile senza l’ausilio di condimenti o trasformazioni chimiche come la cottura, mentre altri vegetali risulterebbero non-­commestibili, ad esempio i grani, i cereali e i legumi, NdT]

Se nessun cibo offribile è disponibile, si può offrire solo della frutta. Se anche la frutta non è disponibile, si possono offrire erbe commestibili. E se le erbe non sono disponibili, si può offrire acqua pura, meditando di offrire preparazioni elaborate. Se anche l’acqua non è disponibile, si dovrebbe almeno mentalmente offrire della bhoga. [Essenza di godimento della vita, NdT]

DIMENSIONI DELL’OFFERTA AL SIGNORE
Srila Prabhupàda scrive nel suo Caitanya-caritamrita: “[Krishna] non diventa affamato come un comune essere umano, tuttavia, si presenta come un essere affamato e, come tale, egli può mangiare tutto e niente, a prescindere dalla quantità. La filosofia sull’atto di mangiare di Krishna è comprensibile ai nostri sensi trascendentali”. [Cc. Madhya 4,77, senso]

DSCF0961

In una lettera Srila Prabhupàda scrive: “Per quanto riguarda ilprasadam da offrire alle divinità, si prende da ciò che si è preparato solo la porzione sufficiente per un uomo posta in un piatto; questo prasadam dovrebbe essere offerto alla Divinità e non la quantità totale. Il resto dei prodotti alimentari può rimanere nel forno per mantenersi caldo fino a che i devoti non lo accettino e onorino”. * [lettera di Srila Prabhupàda, 14 febbraio 1969]

In Australia Srila Prabhupàda ha incaricato i devoti di offrire porzioni di bhoga a Krishna, così come le si offrirebbe a un ragazzo di sedici anni molto affamato. Ha anche indicato un certo numero di puri da offrire con l’ultima offerta di bhoga serale: sei grande, otto media o sedici puri piccoli dovrebbe essere sul piatto di Krishna.

GLI STANDARD IN CUCINA
Così come dobbiamo scegliere gli alimenti puri, ottimi da offrire ai Krishna, così dobbiamo anche prepararli in modi puro.

Per preparare il cibo per il Signore, si devono scrupolosamente osservare le regole per la pulizia e avere la massima cura nel preparare il cibo in modo corretto, mantenendo la Coscienza corretta in modo che il Signore accetti l’offerta.

Siccome la Coscienza di coloro che preparano il cibo entra nel cibo stesso, (specialmente dove la cottura è coinvolta), cucinare per le Divinità è limitato ai devoti con un’iniziazione braminica. Se un devoto mostra qualità di pulizia braminiche, purezza e stabilità, e quindi sembra qualificato per cucinare per la Divinità, può essere opportuno per lui avvicinarsi al suo maestro spirituale e chiedere l’iniziazione braminica. [Si ribadisce nuovamente che il processo chimico della cottura o comunque qualsiasi elaborazione o raffinazione del cibo offertoci dalla Natura provoca l’immissione di “Coscienza-sentimenti-emozioni-eventuale attaccamento alla materia e ai sensi” nel cibo stesso, NdT]

Srila Prabhupàda ha sottolineato che un bramino deve solo cucinare per il Signore. Egli scrive: “Per quanto riguarda la cottura, un non-bramino può aiutare, ma non cucinare”. [Lettera di Srila Prabhupàda, 24 Novembre 1974]

“La Divinità dovrebbe essere accudita ed il cibo offerto dovrebbe essere cucinato solo dai bramini, debitamente istruiti a riguardo”. [Lettera di Srila Prabhupàda, 19 dicembre 1974]

“Per quanto possibile i Devoti non-avanzati non potrebbero entrare in cucina o nel Settore della Divinità. Possono aiutare dall’esterno. Basta prendersi cura di loro in modo che possano diventare puri devoti”. [Lettera di Srila Prabhupàda, 4 aprile 1971]

“Se non si è avanzati, non si può cucinare. Bisogna essere un discepolo regolare, poi si potrà adorare le Divinità. Non ci si sono dubbi sul far cucinare i profani nel tempio di Nuova Delhi” . [Lettera di Srila Prabhupàda, 11 luglio 1976]

L’Hari-bhakti-vilasa sottolinea questo punto: “I cibi (soprattutto i grani-cereali) che vengono cucinati dai non-vaishnava o peccatori, o che non sono stati offerti Vishnu, equivalgono alla carne di cane. Si dovrebbe comprendere chiaramente i principi di pulizia (come una persona o un oggetto diventa contaminati), come la contaminazione viene trasferita, e come le cose vengono purificate.”

La Coscienza del cuoco entra nel cibo che prepara, e perciò deve sforzarsi di essere cosciente di Krishna mentre cucina. La cucina, dove si prepara il cibo per il Signore, è un’estensione della Camera Divinità, dove Lui mangia. Così lo stesso standard elevato di pulizia dovrebbe essere mantenuto in entrambi i luoghi.

Srila Prabhupàda ha sottolineato che i devoti dovrebbero sempre mantenere i più severi standard di pulizia. Egli scrive: “La cosa principale è che ogni volta che il prasadam viene offerto al Signore, tutto dovrebbe essere preparato e presentato con molto rispetto e pulizia.

Nel tempio di Jagannath, il Signore mangia 56 volte. Così il Signore può mangiare tutte le volte che si può offrire. Ma la cosa principale è che per ciò che viene offerto deve esserci rispetto e devozione …. il cibo che è stato offerto non dovrebbe mai essere rimesso nel frigorifero con gli alimenti inoffribili, o riportato in cucina… il frigorifero dovrebbe essere sempre molto pulito e puro … Se c’è qualsiasi cibo extra, vanno separati, e se c’è un frigorifero separato, non all’interno della cucina e contenente tutti gli alimenti inoffribili, allora si può avere ad esempio un frigorifero speciale per gli avanzi di prasadam …

Non si dovrebbe mai mangiare dentro la cucina; se c’è posto sufficiente per mangiare, allora perché si dovrebbe mangiare in cucina? La cucina deve essere presa in considerazione come la camera del Signore, e nessuno dovrebbe indossare le scarpe in cucina. Annusare e degustare gli alimenti per il Signore in fase di preparazione non dovrebbe mai essere fatto.

Parlare all’interno della cucina deve limitarsi a ciò che è necessario per la preparazione del prasadam o sul Signore, e i piatti sporchi (quelli presi dalla cucina e usati per mangiare) non devono essere riportati in cucina (ma se non c’è nessun altro posto per lavarli, allora dovrebbero essere messi nel lavandino lavandoli immediatamente), le mani devono sempre essere lavate nella preparazione prasadam, e in questo modo tutto deve essere preparato i modo molto pulito e puro. Qual è la difficoltà nel rispettare queste regole? Sono regole, e sono semplici regole, e devono essere seguite. Bisogna essere pronti a seguire le regole per Krishna. Altrimenti dov’è la prova che si ama Krishna. Non sono molto difficili da seguire”. [Lettera di Srila Prabhupàda, 16 giugno 1968]

E’ molto offensivo verso la divinità permettere che cibi conservati marciscano prima di utilizzarli per le offerte. I cuochi dovrebbero conoscere i prodotti disponibili e utilizzarli quando sono freschi. Srila Prabhupàda ha scritto: “In cucina non si dovrebbe vedere nulla che viene sprecato”. [Lettera di Srila Prabhupàda, 10 novembre 1975]

“Se, nel processo di cottura, il cibo cade a terra, se è crudo e può essere lavato bene, allora può essere offerto. Ma se è preparato e non può essere lavato, allora non è da offrire, ma può essere mangiato piuttosto che essere sprecata”. [Lettera di Srila Prabhupàda, 15 febbraio 1968], [Si può notare nuovamente che il cibo vegetale crudo è considerato sempre migliore del cotto e necessita sempre di meno trattamenti, NdT]

REGOLE IN CUCINA
Abbigliamento in cucina

  • Coprire i capelli in modo da evitare la caduta dei capelli in un preparato. Se c’è anche un solo capello nel cibo che viene offerto al Signore, si tratta di una grande offesa.
  • Non indossare lana in cucina.
  • Tutti gli indumenti devono essere puliti, cioè, non deve essere stato indossato in bagno, mentre si mangia o si dorme, o al di fuori del tempio.

Solo abbigliamento devozionale è permesso.
Pulizia personale

  • Si dovrebbe essere freschi di doccia, indossare il simbolo tilaka e la collana di tulasi.
  • Lavarsi le mani prima di entrare in cucina e lavarle di nuovo, se si tocca il viso, la bocca, o capelli, o se si starnutisce o tossisce (avendo -si spera- coperto la bocca).

hot_salad_500_0
Purezza del cibo

  • Dopo aver preparato gli ingredienti per cucinare, lavare tutte le verdure e la frutta e tutto ciò che può essere lavato.
  • Se qualcosa lavabile cade sul pavimento o in un lavandino, lavare, se non è lavabile, rifiutarla. Scartare tutto ciò che cade sui piedi, lavabile o meno che sia.
  • Il cuoco dovrebbe coprire tutti i preparativi fino a quando non siano pronti. Se un animale vede una preparazione prima che venga offerta, deve essere respinto. Nessuno, tranne il cuoco e il pujàré dovrebbero vedere il cibo non ancora offerto.

La porta della cucina dovrebbe essere sempre chiusa.
La porta del tempio deve essere bloccata, impedendo il passaggio.

  • Il personale della cucina deve coprire il ghee per friggere quando non è usato. Il ghee Vecchio dovrebbe essere sostituito regolarmente con del ghee fresco.
  • Fare in modo che tutti gli ingredienti siano ben conservati in contenitori chiusi.

Assicurarsi che le pentole siano veramente pulite prima di utilizzarle.
Controllare che i piatti delle divinità siano puliti prima di utilizzarli.
Cucina e la pulizia degli utensili
Vedere Pianificazione della pulizia

  • I devoti che servono in cucina devono pulirla accuratamente regolarmente, anche all’interno di stufe, forni e frigoriferi.
  • Il cuoco deve strofinare le pentole dopo che sono state utilizzate.
  • Nessuno deve mangiare o bere in cucina, né qualcuno dovrebbe usare il lavandino per sputare o bere.
  • Rimuovere tutti i rifiuti dalla cucina, almeno una volta al giorno.
  • Non conservare o avanzare Prasada in cucina. Appena possibile dopo l’offerta, e dopo che i piatti offerti sono stati lavati, rimuovere tutto il prasada dalla cucina.

Non prendere nessun maha fino a che * TUTTI * sono stati trasferiti fuori dalla cucina.
Mantenimento della Coscienza corretta

  • Concedetevi abbastanza tempo per preparare l’offerta in buona Coscienza. “La fretta fa danno.”
  • La conversazione dovrebbe essere limitato al Krishna-katha.
  • Non riprodurre le registrazioni di musica commerciale in cucina. Le registrazioni di bhajana e kértana sono appropriate.
  • La presenza contemporanea di uomini e donne in cucina dovrebbe essere evitato per quanto possibile.

Di solito solo i Vaishnava dovrebbero essere ammessi in cucina, dal momento che solo i devoti preparati possono correttamente comprendere e seguire tutte queste regole.
Le fritture dovrebbero essere fatte nel ghee puro. Il burro chiarificato usato per friggere deve essere regolarmente sostituito. (Idealmente, il ghee deve essere usato una sola volta, dal momento che ogni riscaldata riduce la sua digeribilità. Un cuoco per Divinità esperto userà una quantità minima di burro chiarificato per friggere e userà il resto per fare dell’Halvah o del condimento per il riso).
Il ghee dovrebbe essere messo nel suo contenitore usato dopo ogni utilizzo.
Utensili da cucina
Evitare l’uso di pentole di alluminio (è piuttosto velenoso) o quelle in acciaio smaltato, che possono impoverire e contaminare l’offerta.