marcogiailevra

Libero ricercatore indipendente su salute, longevità, ehretismo, crudismo, fruttarianismo, sungazing, nutrimento pranico.

Archivi delle etichette: zotoastro

DIO È UNO E ILLIMITATO: INFINITE LE SUE MANIFESTAZIONI

A cura di Marco Giai-Levra

La “sincresi” si verifica quando si percepiscono più eventi come un unico evento percettivo fuso e il sincretismo religioso si riferisce al percepire diverse manifestazioni divine come un Unico Dio. In realtà le scritture più antiche come Veda ci insegnano che Dio è Uno con un aspetto originale eterno e immutabile, ma che essendo illimitato Egli può esplodere da Sè stesso infinite emanazioni e manifestarle quando desidera.

Che Dio sia Uno sono d’accordo tutte le religioni più antiche del mondo. Nell’induismo l’Essere Supremo viene chiamato genericamente Bhagavan e indica l’Essere Supremo che non ha origine da nulla, che è sempre esistito, che sempre esisterà e dal qulale tutto e tutti derivano.

GOD

Nella Bhagavd Gita Dio stesso, nella Sua forma di Krishna, afferma che quando l’irreligione avanza Egli stesso si manifesta per ristabilire l’ordine e i principi morali e religiosi, o al limite invia dei Suoi ministri, profeti o comunque semrpe Avatar, cioè delle Sue Potenze Divine personificate. Per l’induismo, per esempio, Gesù è un Avatar e allo stesso tempo non c’è problema nel credere che sia anche Dio, in quanto ogni raggio di Sole è “anche il Sole come un TuttUno”. Anche noi siamo, siamo dei piccoli Avatar o “dei” ma infinitamente piccolo di fronte all’Unico Dio.

BHAGAVAD GITA: Infatti nella Bhagavad Gita Krishna afferma che in diversi tempo-luogo-circostanza, Egli si manifesta con diverse tra le sue infinite forme, presentandosi con diversi tra i suoi infiniti nomi e portando il messaggio a chi lo può comprendere, messaggio i cui principi fondamentali rimangono sempre simili e indica all’uomo la strada che conduce l’essere umano verso Dio (il cosiddetto Bhagavat Dharma), cioè che siamo suoi eterni servitori e dobbiamo, come Anime etrerne, ricordarcelo tornare da Lui.

BIBBIA: Lettera Cor. 8,5-6: “E in realtà, anche se vi sono cosiddetti dèi sia nel cielo sia sulla terra, come infatti ci sono molti dèi e molti signori, per noi c’è un solo Dio, il Padre, dal quale tutto proviene e noi siamo per lui (YHWH)”.

Paolo sta dicendo che tra tutte le manifestazioni di Dio che esistono, a loro interessa solo quella che si è manifestata come YHWH. Infatti, a rafforzare la constatazione di Paolo, che ammette l’esistenza di numerosi Dei, sulla Bibbia leggiamo:

  • Cronache 16,25: Difatti grande è il Signore, degnissimo di lode e tremendo SOPRA TUTTI GLI DEI.
  • Ester 4,35: Ricordati, Signore; manifèstati nel giorno della nostra afflizione e a me da’ coraggio, o RE DEGLI DEI e signore di ogni autorità.
  • Salmi 49,1: Parla il Signore, DIO DEGLI DEI, convoca la terra da oriente a occidente.
  • Salmi 81,1: Dio si alza nell’assemblea divina, giudica in mezzo AGLI DEI.
  • Salmi 85,8: FRA GLI DEI nessuno è come te, Signore, e non c’è nulla che uguagli le tue opere.
  • Salmi 94,3: Poiché grande Dio è il Signore, grande re sopra TUTTI GLI DEI.
  • Salmi 95,4: Grande è il Signore e degno di ogni lode, terribile sopra tutti GLI DEI.
  • Salmi 95,5: Tutti GLI DEI delle nazioni sono un nulla, ma il Signore ha fatto i cieli.
  • Salmi 136,2 : Lodate il Dio DEGLI DEI.
  • Genesi 3,22: Il Signore Dio disse allora: “Ecco l`uomo è diventato come UNO DI NOI, per la conoscenza del bene e del male. Ora, egli non stenda più la mano e non prenda anche dell`albero della vita, ne mangi e viva sempre!”
  • Genesi1,26: E Dio disse: ” FACCIAMO l`uomo a NOSTRA immagine, a NOSTRA somiglianza, e domini sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo, sul bestiame, su tutte le bestie selvatiche e su tutti i rettili che strisciano sulla terra”.
  • Genesi 6,4: C’erano sulla terra i giganti a quei tempi – e anche dopo – quando I FIGLI DI DIO si univano alle figlie degli uomini e queste partorivano loro dei figli: sono questi gli eroi dell’antichità, uomini famosi.
  • Genesi 6,2: I FIGLI DI DIO videro che le figlie degli uomini erano belle e ne presero per mogli quante ne vollero.
    Cronache 16,25: Difatti grande è il Signore, degnissimo di lode e tremendo sopra TUTTI GLI DEI.

E’ da sottolineare, inoltre, che fino al 400 a.C. circa, epoca della riforma politico-religiosa che impose FORZATAMENTE il monoteismo in ambito ebraico (pena esilio e morte, come testimonia la Bibbia stessa), lo YHWH/ El biblico aveva una “moglie”, Asherah /Anat, venerata nei templi come dea consorte e madre di altri dei, generati insieme al Dio Yhwh /El.

Anche nell’induismo Dio ha la sua forma personificata originale e al contempo emana da lui anche la sua energia femminile di piacere nella forma di sua eterna consorte e compagna, essendo tutti gli aspetti illimitatamente presenti in Dio.

-Lo stesso San Paolo e i versi della Bibbia parlano dell’ esistenza di ALTRI DEI (emanazioni dello stesso Altissimo o Avatar dal punto di vista dei Veda)

– Dal punto di vista “vedico” questo significa che le principali religioni monoteistiche venerano UN ASPETTO PERSONIFICATO E MANIFESTATO IN PARTICOLARI CIRCOSTANZE DELLO STESSO UNICO DIO.

CORANO: persino nel Nobile Corano si spiega come nel corso della storia, un gran numero di profeti furono inviati per guidare gli esseri umani. Sua Eminenza, Adamo fu il primo dei profeti divini e il Santo Profeta Muhammad (che la Pace di Dio scenda su di lui, si usa dire) fu l’ultimo di loro. Il numero esatto di profeti non è noto, ma in alcune tradizioni il loro numero è menzionato come 124000.

Alcuni profeti portavano leggi speciali e particolari e alcuni altri non avevano uno speciale codice di leggi; o al contrario hanno promosso la Sharia (legge) del precedente profeta. Alcuni di loro portarono le Scritture e alcuni altri non portarono libri. A volte c’erano più profeti in una città o in una città, che adempivano i doveri di profezia.

È narrato da Abu Dharr che un giorno chiese al Messaggero di Allah: quanti profeti ci sono in tutto? Rispose: 124.000. Poi ha chiesto: quanti di loro erano profeti messaggeri? Rispose: 313 dal gruppo di cui sopra. Chiese: chi era il primo di loro? Lui rispose: Adam. Ha chiesto: era un profeta messaggero? Rispose: Sì, l’Onnipotente Allah lo ha creato con le proprie mani e ha soffiato il suo spirito dentro di lui. In quel momento il Santo Profeta disse: O Abu Dharr:

C’erano 4 dai profeti siriaci: Adamo, Sheeth e Ukhnuh, che è anche chiamato Idris e che fu il primo a scrivere e Nuh (Noè). 4 di loro erano arabi: Hud, Salih, Shuaib e il tuo profeta, Maometto. Il primo profeta tra Bani Israel era Musa e l’ultimo di loro era Isa ed erano in tutto 600 profeti.

Abu Dharr ha chiesto: O Messaggero di Allah, quante scritture celesti sono discese? Rispose: 104, di cui Allah Onnipotente rivelò a Sheeth cinquanta rotoli, trenta su Idris e venti su Ibrahim. Ha anche rivelato Taurat, Injeel, Zabur e Corano. 

5 grandi profeti divini hanno portato nuove serie di leggi (Sharia) e sono noti come profeti di Ulul Azm. Erano: Nuh, Ibrahim, Musa, Isa e Muhammad.

Ismail Jofi ha narrato dall’Imam Muhammad Baqirche ha detto:

I profeti di Ulul Azm sono in numero di 5: Nuh, Ibrahim, Musa, Isa e Muhammad.

Non abbiamo informazioni dettagliate sui nomi di tutti i profeti; nei libri di storia vengono citati solo alcuni dei loro nomi. Nel Santo Corano, ventisei di loro sono citati con nomi: Sono: Adamo, Nuh, Idris, Hud, Salih, Ibrahim (Abramo), Lut, Ismail, Al-Yasa, Zulkifl, Ilyas, Ayyub, Yunus, Ishaq, Yaqub, Yusuf, Shuaib, Musa (Mosè), Harun (Aronne), Dawood, Sulaiman, Zakariya, Yahya, Ismail, il custode della sua parola, Isa (Gesù) e Muhammad.

Dal punto di vista vedico, la religione più antica, la descrizione dei profeti che “scendono” per guidare gli uomini è simile al concetto di Avatar (letteralmente “discesa” in sanscrito).

Tutto questo è logico in quando il Signore è illimitato e non deve certo chiedere il permesso a qualcuno per manifestarsi in diverse forme e con diversi nomi.

KRISHNA VISTO COME UN PROFETA DI DIO DAI MUSULMANI ERUDITI

  • Il Corano al contrario di quanto si crede,  è una scrittura antica che menziona e loda specificamente anche le altre fedi. Mentre il Corano menziona specificamente ebrei e cristiani, in numerosi luoghi, allo stesso modo, menziona gli indù in un gruppo noto come i Sabei. I Sabei si riferiscono alle tradizioni non abramitiche – indù, buddisti, zoroastriani, taoisti, ecc. Quindi, il riconoscimento dell’induismo esiste nel Corano.

  • L’Islam insegna sei tipi di fede. Il quarto tipo di fede è la credenza in tutti i profeti di Dio. Questa semplice tipologia di fede fornisce ulteriore credenza per riconoscere il Signore Krishna come un profeta inviato al subcontinente indiano.

  • Il Corano dice che è la guida divina di Dio. ma non è esclusiva per nessuno. Piuttosto il Corano dice che Dio ha mandato “messaggeri ad ogni popolo” (10.48) e “Abbiamo creato tra ogni popolo un messaggero” (16:37). Il Profeta Muhammad dichiarò inoltre che Dio ha inviato non meno di 124.000 profeti all’umanità nel corso della storia (Ibn Hanbal, Musnad, 5, 169) di cui solo 28 sono menzionati nel Corano. Nessuno di questi 28 profeti è menzionato come inviato al subcontinente indiano. Quindi, è perfettamente ragionevole pensare che il Signore Krishna sia uno dei tanti profeti che Dio ha mandato con il suo messaggio divino.

  • Seguendo il punto precedente, il Corano dichiara chiaramente: “E abbiamo inviato alcuni Messaggeri che abbiamo già menzionato a te e alcuni Messaggeri che non abbiamo menzionato a te …” (4: 165). Quindi, dichiarare che il Signore Krishna non è un profeta semplicemente perché il Corano non lo menziona è un argomento senza merito.

  • Sorprendentemente, il Profeta Muhammad dichiarò: “C’era un profeta di Dio in India che è di colore scuro e il suo nome era Kahan [Krishna]” (Storia di Hamadan Dailmi Capitolo Al-Kaaf). Alcuni critici sostengono che questo non è un hadith Sahih (autentico), e mentre la loro valutazione potrebbe essere valida, la loro conclusione che l’hadith debba essere scartato non è valida. La giurisprudenza islamica di base sostiene che se un hadith non contraddice il Corano, allora può essere accettato come valido. Come accennato in precedenza, nulla nel Corano, nella Sunnah o negli Hadith dichiara che il Signore Krishna non era un profeta di Dio. Così, la testimonianza del Profeta Muhammad fornisce una chiara guida dello status di Sri Krishna nell’Islam – quello di un profeta. In effetti, un noto studioso musulmano dei primi del XIX secolo, Muhammad Qasim Nanotwi, era anche dell’opinione che considerando le prove e questo hadith, il Signore Krishna fosse un vero Profeta di Dio (Dharam Parchar Pg 8 e Debate Shah Jahan Pur Pg 31).

  • Il terzo tipo di fede dell’Islam è la credenza nei libri di Dio. Questo è il motivo per cui i musulmani venerano gli Injeel (Vangeli) e la Torah (Antico Testamento). Quindi, è logico che anche i musulmani venerino la Bhagavad Gita e i Veda, le sacre scritture dell’induismo da cui Sri Krishna insegnava.

  • Sia l’Islam che l’Induismo insegnano l’unicità di Dio e il servizio all’umanità – un messaggio insegnato sia dal Profeta Muhammad che dal Signore Krishna. Infatti, i Veda affermano: “C’è un solo Dio, adoralo” (Rig Veda, 6.45.16) e “Non adorare nessuno al suo fianco” (Rig Veda 8.1.1) e anche, “Dio è solo uno , non un secondo “(Chandogya Upanishad Ch. 6.2.1). Inoltre, innumerevoli versetti dei Veda insegnano il servizio all’umanità. Ad esempio, “Oh nobili uomini! Non commettiamo violenza. Non feriamo gli altri. Nemmeno noi litighiamo. Ovviamente recitiamo i Veda e agiamo secondo i suoi dettami “(Rig Veda 10.134.7) e “Ogni uomo dovrebbe proteggere l’altro sotto tutti gli aspetti “(Atharva 6.64.1). Ancora una volta, pur ammettendo le differenze teologiche esistenti tra l’Islam e l’Induismo di oggi, non c’è dubbio che il Profeta Muhammad e il Signore Krishna abbiano entrambi insegnato l’unità di Dio e il servizio all’umanità.

  • Inoltre, le scritture di Sri Krishna chiaramente profetizzano l’avvento del Profeta Muhammad in più luoghi. Forniamo solo due. Bhavisyath Purana 3: 5-8 afferma: “Un riformatore spirituale verrà da una terra straniera (fuori da Bharat) con i suoi discepoli. Il suo nome sarà Mahamad. Abiterà in un deserto. “Allo stesso modo,” I suoi seguaci [Mahamad] eseguiranno la circoncisione. Non manterranno i loro capelli sotto forma di Choti come fanno i brahmani. Loro manterranno la barba. Faranno una rivoluzione. Chiameranno ad alta voce [vale a dire Adhaan]. Mangeranno carne di animali diversi da quella dei suini. Raggiungeranno la purezza attraverso la Jihad (guerra Santa). La loro civiltà si chiamerà Muslay [musulmano]. “Per brevità eviteremo ulteriori commenti su questi versetti in quanto parlano da soli. Basti dire, tuttavia, che questi versetti supportano ulteriormente la tesi secondo cui lo stesso Dio che mandò il Profeta Muhammad, inviò il Signore Krishna. Prima abbiamo fornito l’hadith del Profeta Muhammad convalidando il Signore Krishna, e ora forniamo la sacra Scrittura del Signore Krishna che convalida il Profeta Muhammad. Quale ulteriore prova abbiamo bisogno che il Profeta Muhammad e il Signore Krishna siano fratelli tagliati dallo stesso stampo?

  • Infine, nel Corano, Dio dà al profeta Muhammad il titolo di buon auspicio di Khataman Nabiyeen o Sigillo dei Profeti (33:41). Mentre alcuni limitano il significato di questo titolo a “ultimo”, da Hadith e dal lessico arabo autentico, è chiaro che la vera importazione di “Sigillo” è Grandezza e Validazione. Cioè, il Profeta Muhammad è chiamato a convalidare tutti i profeti precedenti. Quindi, ha perfettamente senso che il Profeta Muhammad specificatamente chiamasse il Signore Krishna un Profeta – parte del suo proposito nel venire era dichiarare al mondo che Dio non ha abbandonato nessun popolo. Piuttosto, Dio ha inviato la Sua guida e profeti a tutte le persone. In tal modo, il Profeta Muhammad ha convalidato la sincerità del Signore Krishna. Quindi, come esseri umani dobbiamo onorare e venerare tutti quei profeti perché lo stesso Dio ha mandato ciascuno di loro – il Signore Krishna non fa eccezione.

In breve, il Signore del Profeta Krishna era un nobile, retto, amato di Dio. Lontano dalla divisione teologica, è una fonte di unità e di accordo tra indù e musulmani.

Profeti di ogni religione e Avatar vedici “scendono” entrambi per guidare gli uomini in diversi tempi, luoghi e circostanze. Viene accettato da tutti che questi profeti siano uomini speciali in cui la Potenza di Dio è scesa e si è personificata.  Pertanto è logico comprendere come Avatar e Profeti siano la stessa cosa, con diverse percentuali di potenza divina personificata, ognuno con specifiche funzioni e compiti particolari, oltre ai compiti generali uguali per tutti. E se è vero, come è vero, che personificano una percentuale delle Potenze di Dio, allora sono dei puri servitori del Signore e in quanto tali sono degni di lode e adorazione e offerta dei nostri rispettosi omaggi e non è peccato farlo.

CANTO O RECITAZIONE DEI SANTI NOMI DIVINI
Glorificare i Santi Nomi di Dio è comune a tutte le religioni: “… sanctificetur Nomen Tuum …”, i 72 nomi di YHWH cabalistici, i 99 bei nomi di Allah (che significa Dio, “El Ilah=Allah”), i 1000 nomi di Vishnu (che significa “Colui che tutto pervade”), i 108 nomi di Krishna, ecc. Tutte queste sono manifestazioni di diversi aspetti (tra gli infiniti) dello stesso Unico Dio. Questo NON SIGNIFICA che c’è Dio e poi ci sono tanti dei indipendenti, ma che tutte le divinità positive sono sue emanazioni secondarie, così come i raggi stanno al Sole e appartengono ad Esso. E così via anche Sole e Luna sono sue manifestazioni e contengono alcune delle Sue infinite qualità. E infine anche noi siamo dei suoi frammenti: Lui è l’infinitamente Grande e noi siamo l’infinitamente piccolo.

I Santi Nomi si riferiscono a un nome con cui Dio si è voluto manifestare in una particolare circostanza e generalmente il significato etimologico esprime una o più qualità, tra le infinite.

Pertanto le diverse manifestazioni divine sono reali, non false, e non delle emanazioni, tra le infinite, dello stesso Unico Dio Padre di tutti gli esseri negli infiniti universi che Lui crea e distrugge in continuazione. Tali manifestazioni possono essere personificate, ossia forme di Dio che hanno interagito direttamente con gli uomini rapportandosi come ci si rapporta con una persona, oppure possono essere impersonali, cioè delle espressioni amorfe di una Sua qualità come un oceano di Amore, Grazia, Misericordia, ecc.

Queste nozioni sono spiegate in dettaglio nei Veda, le antiche scritture sacre indiane che risalgono a oltre 5000 anni fa.

Pertanto non dovrebbe essere mai considerato un peccato offrire i propri omaggi ai diversi aspetti di Dio manifestati o personificati, perchè si riferiscono alla stessa Persona Suprema, il Signore originale.

DIO NON HA “SOCI”, MA INFINITI ASPETTI QUALITATIVI PERSONIFICATI O MENO
Tutte le persone spiritualiste e sagge dovrebbero astenersi dal criticare le fedi altrui, in quanto bisognerebbe prendere coscienza che “gli altri” stanno adorando altri aspetti dello stesso Signore, aspetti personificati o meno. Vi può essere un’adorazione diretta o indiretta dello stesso Essere Supremo, Dio.

Non vi è menzogna, nè peccato in questo. Nè significa che stiamo associando o affiancando a Dio dei “soci” indipendenti da Lui (come si dice nel nobile Corano, “non c’è altra divinità all’infuori di Dio”): nessun “socio”, ma diversi aspetti dello stesso Altissimo Signore.

L’IDOLATRIA (CHE NON ESISTE)
Anche qui l’interpretazione corretta è diversa da ciò che normalmente si intende. Per il comune musulmano medio, ad esempio, cattolici (con statue di santi e immagini o dipinti), gli Hindu, o altri sono tutti idolatri.

Ritengo sia un’interpreazione scorretta e troppo semplicistica.

La vera funzione virtuosa di statue-idoli, immagini, foto di santi e simili consiste nell’attivare il ricordo di una manifestazione di Dio o di un Suo puro servitore (che è sempre una manifestazione divina, un Avatar). Pertanto se nella tradizione Hindu esiste Narasimhadeva, la forma di Dio metà uomo e metà leone, un vero spiritualista sa che è possibile per un Essere Supremo Illimitato come il Dio Unico, manifestarsi anche in quella forma se lo desidera, in particolari circostanze, senza dover validare la scelta divina da parte degli uomini o senza chiedere loro il permesso, come giusto che sia. Negarlo significherebbe commettere l’offesa di pensare che Dio sia limitato, o agisca e pensi come noi.

Statue o immagini sono funzionali a riempire il senso della vista di un ricordo di una manifestazione divina.

FREE DONATION TO MARCO 😉 😉 😉 !!! Pourquoi Pas 🙂 ??? :